Annuncio pubblicitario

Spezie: elenco, proprietà, benefici, controindicazioni e consigli per usarle in cucina e come rimedio naturale

Le spezie aggiungono gusto e aroma ai tuoi piatti. Ma sono anche degli ottimi rimedi naturali in grado di alleviare moltissimi disturbi e di aiutarti a mantenerti in salute. Nella cucina italiana sono diffusissime e, anzi, spesso il merito della bontà e della fama di alcuni piatti va proprio a loro. Cosa sarebbe il risotto alla milanese senza il colore giallo e il profumo inconfondibile dello zafferano? E anche in altre tradizioni culinarie, come quella indiana, le spezie sono le protagoniste indiscusse, non un semplice arricchimento ma un vero e proprio pilastro per moltissime ricette tipiche, come il pollo al curry.

Ma le spezie hanno anche interessanti proprietà benefiche e curative, conosciute fin dall’antichità e sfruttate ancora oggi, che le rendono utili per contrastare piccoli malesseri ma anche patologie più serie.

Quali sono le principali spezie? Quali i loro effetti benefici? E come utilizzarle, sia in cucina che per i loro principi attivi? Te lo spieghiamo nel nostro approfondimento.

Annuncio pubblicitario

Spezie: cosa sono

Il termine “spezie” identifica una grandissima varietà di sostanze aromatiche di origine vegetale, comunemente utilizzate in cucina per insaporire piatti e bevande.

L‘uso delle spezie ha origini antichissime, e non solo a scopo culinario. Infatti, molte spezie erano usate in ambito farmaceutico o medico come ingrediente base di molti preparati con finalità curative. Ancora oggi, rappresentano degli ottimi rimedi naturali, per esempio nella medicina Ayurvedica, grazie alla loro ricchezza di principi attivi benefici.

Storia delle spezie

Le spezie nell’antichità

Il legame tra l’uomo e le spezie affonda le sue radici in epoche lontanissime. Già al tempo degli Egizi le spezie venivano usate per l’imbalsamazione, mentre gli operai che lavoravano alla costruzione della piramide di Cheope venivano nutriti con cibi speziati, che si pensava li mantenessero in forze, proteggendoli dalle epidemie.

Nella tomba di Tutankhamen sono stati ritrovati molti tipi di spezie.

Le spezie sono anche citate come rimedi naturali nel papiro Ebers, dal nome dell’egittologo tedesco che lo acquistò a Tebe nell’Ottocento. Si tratta di uno straordinario documento botanico, datato intorno al XVI secolo a.C. e conservato presso la biblioteca universitaria di Lipsia, in Germania, che testimonia l’uso delle piante a scopo curativo da parte dei medici Egizi. Una sorta di manuale di medicina dell’antico Egitto in cui si trova traccia di moltissime spezie, dal cumino al cardamomo, dalla curcuma al tamarindo.

Anche i Romani, nel I secolo d.C., intrapresero numerosi viaggi alla volta dell’India per fare scorta di spezie, che utilizzavano in medicina, in cosmesi e in cucina.

Annuncio pubblicitario

In epoca medievale, le spezie erano considerate prodotti estremamente pregiati, che da soli giustificavano l’apertura di nuove rotte commerciali. In Italia, nel Medioevo, le repubbliche marinare giocarono un ruolo di primo piano nel commercio delle spezie dall’Oriente all’Europa.

Le spezie e le grandi esplorazioni

A cavallo tra XV e XVI secolo, il commercio delle spezie dall’Oriente rappresentava una fonte di ricchezza che molte potenze europee si contendevano.

Alcune celebri esplorazioni, come quella che nel 1498 portò il navigatore portoghese Vasco da Gama ad aprire la rotta per le Indie attraverso il Capo di Buona Speranza, furono mosse proprio dalla volontà di cercare via alternative verso la patria delle spezie.

La caduta di Costantinopoli nelle mani dei turchi aveva infatti segnato l’interruzione della via commerciale che collegava l’Europa con l’Oriente passando per le città marinare italiane. Celebre la dominazione portoghese delle Molucche, isole indonesiane allora chiamate “Isole delle spezie” proprio per le abbondanti coltivazioni di spezie.

Persino l’impresa di Cristoforo Colombo, che nel 1492 si mise in viaggio alla ricerca di una via rapida e sicura per le Indie, fu finanziata dagli Spagnoli anche per la possibilità di ricavarne nuove spezie da commerciare.

Annuncio pubblicitario

Proprietà e benefici

Spezie: l’alternativa gustosa per ridurre il sale

Usare le spezie per insaporire i piatti è un’ottima soluzione per eliminare o ridurre il sale, il cui consumo eccessivo rappresenta un rischio per la salute, soprattutto per quella del cuore.

Assumere troppo sodio, infatti, può favorire l’aumento della pressione arteriosa, principale causa di infarto e ictus. Troppo sale può compromettere anche la funzionalità renale e causare una maggiore ritenzione idrica nei tessuti, provocando gonfiore, specie alla gambe, e cellulite.

Purtroppo, il consumo di sale in Italia supera di gran lunga la quantità raccomandata.

I LARN, ovvero i Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia per la popolazione italiana, consigliano l’assunzione di 1,5 g di sodio al giorno per un adulto, pari a 3,75 g di sale.

Mentre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di non superare la quantità giornaliera di 5 g di sale da cucina (circa 2 g di sodio). Ma si calcola che gli italiani, in media, ne assumano circa 10 grammi al giorno. Le spezie rappresentano un aiuto concreto per ridurlo.

Spezie: potenti alleati naturali per mantenerti in salute

Ma le spezie, oltre al sapore, aggiungono ai tuoi piatti anche un tesoro di proprietà benefiche per la salute e, in molti casi, anche per la linea.

Le caratteristiche nutrizionali variano da spezia a spezia, ma tendenzialmente le spezie sono una fonte di sali minerali, vitamine, fibre e sostanze antiossidanti.

Nutrienti che le rendono non solo utili come rimedio naturale per i piccoli malanni quotidiani, dall’influenza al raffreddore, dai dolori mestruali ai problemi digestivi, ma anche delle potenziali armi contro patologie più serie, dal diabete all’Azheimer.

Annuncio pubblicitario

Vediamo in dettaglio le principali spezie e i loro benefici.

spezie: elenco

Spezie: elenco delle più comuni

Ecco, in ordine alfabetico, un elenco delle spezie più comunemente utilizzate in cucina e come rimedi naturali.

Aneto

L’aneto è una pianta originaria dell’India, che nell’aspetto è simile al finocchio selvatico e all’anice ma ha un sapore molto più aromatico e pungente. Dell’aneto si usano sia le foglie che i semi essiccati, caratterizzati da tante proprietà benefiche grazie alle quali, fin dall’antichità, questa spezia è stata utilizzata come rimedio naturale.

Svolge un’azione carminativa (favorisce cioè l’eliminazione dei gas da stomaco e intestino) ed è antispasmodico, per cui risulta di aiuto in caso di crampi allo stomaco e alitosi. E’ quindi una spezia alleata della salute e del benessere dell’apparato gastrointestinale.

L’infuso di aneto dà anche sollievo in caso di problemi digestivi, mentre assunto prima di andare a dormire concilia il sonno e contrasta l’insonnia.

L’aneto vanta ottime proprietà diuretiche e depurative, che lo rendono utile contro ritenzione idrica e cellulite. Ha anche grosse potenzialità in ambito cosmetico: i semi frantumati e le foglie possono essere utilizzati per preparare impacchi rinforzanti per le unghie fragili.

Annuncio pubblicitario

Questa spezia, particolarmente usata nella cucina orientale, è uno degli ingredienti tipici della salsa Tzatziki, a base di yogurt greco e cetriolo.

Scopri di più su aneto: proprietà nutrizionali e usi.

Anice stellato

L’anice stellato è una spezia dall’aspetto inconfondibile a forma di stella, a 8 o 10 punte. In cucina viene usata essiccata, intera o macinata, soprattutto per la preparazione di dolci e liquori. E’ l’anice stellato, per esempio, a donare il loro aroma caratteristico, simile a quello della liquirizia, alla sambuca, al pastis, all’ouzo e all’assenzio.

I suoi effetti benefici derivano soprattutto da uno dei suoi principi attivi, l’anetolo, che gli dona proprietà antinfiammatorie.

L’aneto svolge anche un’azione carminativa, digestiva, antiemetica (contro la nausea), antibatterica e antivirale che ne fa un utile alleato contro l’herpes labiale. Ha anche un’azione diuretica, benefica contro ritenzione idrica e cellulite.

Scopri di più nel nostro articolo: “Anice stellato: proprietà, benefici e usi“.

Annuncio pubblicitario

Cannella

Tra le spezie più usate in cucina, soprattutto per aromatizzare i dolci, la cannella ha anche numerose potenzialità sul fronte curativo. E’ infatti ricca di ferro, calcio, vitamina K e antiossidanti.

E’ un rimedio popolare contro influenza e raffreddore, ma, soprattutto grazie alla presenza di polifenoli, sembra avere anche la capacità di migliorare la salute del cuore, ridurre il rischio di diabete, mantenere basso il livello dei trigliceridi nel sangue e contrastare l’Alzheimer.

Qualità che molte ricerche hanno confermato o che sono oggetto di ulteriori e più approfonditi studi da parte della comunità scientifica. Inoltre, svolge anche un’azione antibatterica e antifungina grazie alla presenza di cinnamaldeide, il principale componente attivo di questa spezia.

Scopri di più nel nostro articolo “Cannella: proprietà, benefici, controindicazioni e utilizzo in cucina”.

Cardamomo

Il cardamomo è un piccolo frutto dai semi molto aromatici e dalle tante proprietà salutari.

Annuncio pubblicitario

E’ particolarmente ricco di sali minerali, ma anche di flavonoidi e carotenoidi ad effetto antiossidante.

Questo lo rende un’efficace protezione contro lo stress ossidativo, uno dei fattori che più entra in gioco nell’invecchiamento precoce e nella comparsa di malattie croniche e degenerative come diabete e tumori. L’olio essenziale di cardamomo è anche un ottimo diuretico e disintossicante.

Nel nostro articolo “Cardamomo: cos’è, valori nutrizionali, benefici, varietà e usi in cucina” ti illustriamo tutte le proprietà e come utilizzare questa spezia.

Chiodi di garofano

I chiodi di garofano sono una spezia conosciuta sin dall’antichità e molto usata in cucina: inconfondibile l’aroma che conferiscono al vin brulé. Ma il loro utilizzo è molto diffuso anche in fitoterapia.

La presenza abbondante di un olio, l’eugenolo, conferisce ai chiodi di garofano numerose proprietà terapeutiche, in particolare antinfiammatorie, antimicrobiche, digestive, stimolanti della memoria, antiossidanti.

Un’azione, quest’ultima, potenziata dalla presenza dei flavonoidi. Questi composti della famiglia dei polifenoli favoriscono la microcircolazione sanguigna, rinforzano il sistema immunitario, mantengono in salute l’apparato cardiovascolare.

Scopri tutto quello che c’è da sapere sui chiodi di garofano nell’articolo “Chiodi di garofano: proprietà, benefici e uso in cucina e in fitoterapia”.

Annuncio pubblicitario

Citronella

La citronella è uno dei più conosciuti rimedi contro le zanzare, ma ha anche tantissime proprietà terapeutiche. Svolge un’azione antinfiammatoria e agisce da antibatterico e antivirale in caso di raffreddore e influenza.

Sotto forma di olio, si rivela utile per contrastare difficoltà ad addormentarsi, stress e dolori muscolari e articolari grazie al suo effetto sedativo.

Le sostanze attive che contiene sono i monoterpeni, idrocarburi che le conferiscono il suo caratteristico aroma, simile a quello del limone. Ma apporta anche flavonoidi ad azione antiossidante e sali minerali.

Vuoi saperne di più sulla citronella e sui suoi effetti benefici? Leggi l’articolo “Citronella: cos’è, proprietà terapeutiche, coltivazione della pianta anti zanzare e ricette”.

Coriandolo

Del coriandolo sono utilizzate sia le foglie, dal sapore più pungente, indicate per condire verdure, carni e zuppe, sia i semi essiccati, simili al pepe e dal sapore dolciastro, usati interi o in polvere per aromatizzare carne e insaccati, come la mortadella.

Annuncio pubblicitario

I principi attivi del coriandolo si concentrano soprattutto nell’olio essenziale, mentre sono più blandi in foglie e semi. In particolare, questa spezia favorisce la digestione e ne attenua i disturbi, come la flatulenza, ha proprietà depurative, è in grado di abbassare i livelli di colesterolo e glicemia, svolge un’azione antinfiammatoria utile soprattutto contro artrite e reumatismi.

Vuoi saperne di più sul coriandolo? Leggi il nostro articolo e scopri cos’è, botanica, valori nutrizionali, benefici, usi alternativi e ricette.

Cumino

Il cumino, originario dell’Egitto e dell’Asia Centrale, è ormai una spezia molto diffusa anche nell’area mediterranea. I suoi semi, simili a quelli del finocchio, sono dei veri alleati dell’apparato gastrointestinale: ne regolano la funzionalità, facilitano la digestione, svolgono un’attività antispasmodica e carminativa. Sono anche utili contro le coliche e, in genere, nei dolori addominali, anche di origine nervosa. Hanno inoltre proprietà antibatteriche, antiossidanti, immunostimolanti.

Scopri di più su questa spezia nel nostro articolo “Cumino: cos’è, proprietà, benefici, controindicazioni e usi in cucina”.

spezie elenco: curcuma

Curcuma

La curcuma è una spezia dalle numerose proprietà benefiche, dovute soprattutto alla sua elevata concentrazione di antiossidanti, in particolare della curcumina, un pigmento giallo-arancio della famiglia dei polifenoli responsabile del suo colore caldo e brillante.

Annuncio pubblicitario

Ha proprietà antinfiammatorie, aiuta a prevenire patologie cardiache e degenerative e sembra essere anche una promettente alleata in campo oncologico, anche se i suoi effetti antitumorali sono tuttora sotto la lente della comunità scientifica.

Secondo la medicina ayurvedica, la curcuma svolge anche un’azione epatoprotettiva, contribuendo a favorire il buon funzionamento del fegato. La curcuma è molto usata anche per la cura della pelle: le donne indiane la utilizzano per moltissime finalità, per esempio contro:

  • funghi
  • irritazioni della pelle, ulcere e ustioni.

Scopri di più su questa spezia nel nostro articolo “Curcuma: benefici, proprietà e usi in cucina”.

Curry

Il curry è una miscela di spezie tra le più famose e utilizzate, originaria della cucina indiana ma diffusa un po’ in tutto il mondo.

Gli ingredienti fondamentali sono:

  • curcuma (che gli dona il caratteristico colore giallo)
  • coriandolo
  • cumino
  • cannella
  • chiodi di garofano
  • zenzero
  • noce moscata
  • fieno greco (Helba)
  • pepe nero
  • peperoncino.

Ma le miscele di curry sono tantissime, tanto che di curry si stima esistano oltre 600 varianti. Questo mix molto aromatico eredita i benefici delle spezie che lo compongono, in particolare l’azione antiossidante e antinfiammatoria della curcuma, l‘effetto digestivo del cumino, le proprietà depurative del coriandolo.

Annuncio pubblicitario

Scopri di più sul curry, sulle sue proprietà, sui diversi tipi di curry e su come usarli in cucina nel nostro articolo “Curry: cos’è, valori nutrizionali, benefici, usi in cucina”.

Fieno greco

Il fieno greco è una pianta del genere Trigonella, a lungo utilizzata solo per nutrire il bestiame, ma poi sempre più sfruttata anche per l’alimentazione dell’uomo grazie alle sue tante proprietà.

Apporta vitamine, soprattutto A, C e del gruppo B, e sali minerali come calcio e ferro.

Ma è soprattutto un’ottima fonte di fibre, che lo rendono utile per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e per rallentare l’assorbimento degli zuccheri: questa azione ipoglicemizzante ne fa un alleato in caso di diabete.

E’ una pianta dall’azione tonica e ricostituente, particolarmente raccomandata in convalescenza e contro stanchezza, inappetenza e anemia, grazie alla sua ricchezza di ferro.

Annuncio pubblicitario

Si trova in vendita sotto forma di semi, che possono essere usati per preparare i germogli oppure per tisane e infusi, o come integratore in capsule, da assumere dietro consiglio del medico o dell’erborista.

Scopri di più nel nostro articolo: ” Fieno greco: benefici, valori nutrizionali, usi in cucina”.

Ginepro

Le bacche di ginepro sono una delle spezie più diffuse nella cucina italiana, molto usate per insaporire carni, zuppe, stufati, conserve in salamoia e ingrediente base per la produzione del Gin.

Questa pianta e le sue bacche sono state utilizzate per migliaia di anni, da molte culture, a scopo terapeutico per la loro azione diuretica, antisettica, antibatterica e nel trattamento dei problemi gastrointestinali grazie ai loro effetti antinfiammatori.

Inoltre, recenti studi hanno dimostrato le tante proprietà benefiche degli oli essenziali e dell’estratto derivati dal ginepro, che svolgono un’azione antiossidante e ipoglicemizzante oltre che, appunto, di contrasto all’infiammazione. Gli estratti hanno anche effetti protettivi sul tessuto nervoso e sul fegato.

Annuncio pubblicitario

Vuoi saperne di più sui tanti benefici di questa spezia e su come utilizzarla, sia a tavola che come rimedio naturale? Leggi il nostro articolo “Ginepro: cos’è, botanica, valori nutrizionali, proprietà curative e usi in cucina”.

Liquirizia

Gustata soprattutto sotto forma di “bastoncino” (la radice essiccata) o caramelle, la liquirizia è una radice dolce il cui consumo è diffusissimo. E che ha anche tante proprietà benefiche.

Aiuta a combattere i disturbi digestivi, le malattie della pelle e le infiammazioni del sistema respiratorio. Ha anche un effetto lassativo e si rivela utile per chi soffre di pressione bassa.

Invece, deve essere evitata da chi soffre di pressione alta.

Il merito dei suoi benefici è della sua composizione, caratterizzata da un elevato contenuto di sali minerali e di composti preziosi, come cumarine, saponine triterpeniche, steroli e flavonoidi ad azione antiossidante.

In cucina, la liquirizia non è tra le spezie più utilizzate, ma può essere usata per insaporire le carni e preparare dolci come il gelato, oltre ad essere l’ingrediente base del liquore alla liquirizia.

Annuncio pubblicitario

Leggi il nostro articolo “Liquirizia: cos’è, proprietà terapeutiche, valori nutrizionali, controindicazioni e usi” e scopri di più.

Noce moscata

La noce moscata è una delle spezie più ricercate, sia per i suoi utilizzi in cucina che per le sue proprietà medicamentose.

La medicina popolare ne tramanda moltissime: la noce moscata svolgerebbe un’azione:

  • analgesica
  • antireumatica
  • digestiva
  • lassativa
  • afrodisiaca.

Inoltre, sarebbe efficace per alleviare i dolori muscolari, favorire la circolazione, stimolare l’appetito, combattere i calcoli biliari.

Di questa spezia è importante non abusare, perché accanto alle proprietà benefiche ha anche, se assunta in quantità molto elevate, un effetto neurotossico che può avere conseguenze anche molto serie per la salute.

Annuncio pubblicitario

Per saperne di più, leggi il nostro articolo “Noce moscata: cos’è, valori nutrizionali, benefici e ricette in cucina”.

Origano

L’origano non è soltanto un’erba dal profumo molto intenso e dai tanti usi in cucina, ma agisce come un vero e proprio medicinale naturale ed è per questo molto usato in fitoterapia, sotto forma di infuso o di olio essenziale.

Contiene fenoli, vitamine, sali minerali ed è un antibiotico naturale, utile, specie sotto forma di tisana o decotto, per prevenire influenza e malattie respiratorie.

Ma l’origano ha anche proprietà antinfiammatorie, antisettiche, antibatteriche e antalgiche, oltre ad essere efficace per combattere l’aerofagia e i disturbi della digestione. In cosmesi, è uno degli ingredienti di lozioni e oli da massaggio anticellulite.

Scopri di più sull’origano e sulle sue proprietà nel nostro articolo “Origano: cos’è, botanica, valori nutrizionali, benefici e proprietà medicinali, usi in cucina”.

spezie elenco: paprika

Paprika

La paprika è nata come spezia dal gusto piccante, ma nel tempo ne sono state introdotte anche varietà dolci, ed è caratterizzata da interessanti proprietà benefiche, spesso poco conosciute rispetto a quelle di altre spezie. I suoi effetti positivi dipendono dall’elevato contenuto di composti antiossidanti che contribuiscono a difendere l’organismo dall’azione dei radicali liberi.

Annuncio pubblicitario

La paprika, derivata dalla lavorazione ed essiccazione del peperone, a parità di peso contiene un concentrato di vitamine molto più elevato rispetto a quello dell’ortaggio crudo, da quelle del gruppo B fino alle vitamine C e alla provitamina A o betacarotene.

Un tesoro di nutrienti che rende questa spezia antinfiammatoria, utile per rinforzare il sistema immunitario, benefica per la salute del sistema cardiocircolatorio.

Vuoi saperne di più sulla paprika? Leggi il nostro articolo “Paprika: cos’è, benefici, valori nutrizionali e usi in cucina di questa spezia”.

Pepe

Il pepe è considerato il “re delle spezie”: è, infatti, la spezia più usata in cucina. Ma ha anche tantissimi utilizzi in medicina e in cosmesi, che lo hanno reso ricercatissimo fin dall’antichità. Nella medicina Ayurvedica veniva tradizionalmente utilizzato per i disturbi mestruali e per quelli di orecchio, naso e gola.

Molte ricerche recenti ne hanno evidenziato gli effetti benefici, merito soprattutto della Piperina, un composto bioattivo responsabile del suo gusto piccante ma anche delle sue tante proprietà.

Il pepe è antimicrobico, antiossidante, antinfiammatorio, antibatterico, digestivo e, a dispetto di quanto si tende comunemente a credere sulle spezie piccanti. Non danneggia la mucosa gastrica ma, al contrario, sembra svolgere un’azione protettiva nei confronti dell’ulcera gastrica.

Scopri tutto sul pepe e sulle sue proprietà benefiche nel nostro articolo “Pepe: cos’è, valori nutrizionali, benefici e usi in cucina”.

Annuncio pubblicitario

Peperoncino

Grazie alla capsaicina, l’alcaloide che lo rende piccante, il peperoncino è benefico per la salute, ma anche per la dieta.

Infatti, viene definito un bruciagrassi naturale perché questa sostanza stimola il metabolismo e agisce sui depositi di grasso attraverso il processo della termogenesi.

Ma gli effetti positivi del peperoncino sono tantissimi: svolge un’azione vasodilatatrice che lo rende benefico per la salute cardiovascolare, ha proprietà antitumorali, è antinfiammatorio, digestivo, analgesico e rinforza il sistema immunitario.

Scopri di più sui tanti motivi per portare in tavola il peperoncino e su come usarlo in cucina nel nostro approfondimento “Peperoncino: cos’è, storia, tipi, proprietà benefici e usi in cucina”.

Rafano

Il rafano è una spezia dall’aroma pungente e dal sapore molto particolare, con note balsamiche e piccanti. Del rafano si consuma soprattutto la radice, anche se l’utilizzo più comune è sotto forma di salsa, chiamata anche salsa di cren, tipica della cucina tedesca ed Est europea e abbinata di solito ad arrosti o bolliti di carne, pesci e molluschi.

Tra i nutrienti che contiene spiccano sali minerali, fibre, vitamina C e folati (vitamina B9), ma anche composti bioattivi come la luteina e la zeaxantina, ad effetto antiossidante, e i glucosinolati. Tra questi, la sinigrina, che conferisce al rafano il suo sapore caratteristico, donandogli anche importanti proprietà antimicrobiche, antibatteriche, antinfiammatorie e antibiotiche, efficaci per esempio contro le infezioni causate da batteri patogeni come Salmonella, Helicobacter pylori ed Escherichia coli.

Annuncio pubblicitario

Vuoi saperne di più sul “Rafano: che cos’è, tipi, valori nutrizionali, benefici, usi in cucina”? Leggi il nostro articolo.

Senape

Il termine “senape” viene comunemente associato alla salsa speziata spesso usata per insaporire piatti di carne, cruda o cotta, come tartare e arrosti.

Ma la senape in realtà è una pianta della famiglia delle Brassicacee o Crucifere (la stessa di cavoli e broccoli), da cui si ricavano i semi che, polverizzati, sono l’ingrediente base di questa salsa, insieme a zucchero, aceto di mele, acqua, olio extravergine di oliva, sale e eventuali altre spezie.

Esistono diverse varietà di senape, gialla o scura, accomunate dalle stesse proprietà benefiche: i semi sono ricchi di vitamine e sali minerali, in particolare calcio e fosforo.

Oltre ad essere la base per la salsa di senape, possono essere gustati anche sotto forma di infuso contro il raffreddore, oppure usati per preparare composti da applicare localmente contro:

Annuncio pubblicitario
  • dolori muscolari
  • reumatismi
  • nevralgie.

Una soluzione di semi di senape macinati e acqua rappresenta inoltre un aiuto per favorire la digestione.

Scopri di più nel nostro articolo: ” Senape: cos’è, valori nutrizionali, benefici e ricette.

Tamarindo

Il tamarindo è un albero tropicale originario dell’Africa, i cui frutti hanno l’aspetto di baccelli marroni contenenti dai 4 ai 12 semi. In cucina viene usato soprattutto per preparare marmellate, salse e sciroppi a cui dona le sue numerose proprietà benefiche. E’ noto soprattutto per il suo effetto lassativo, dovuto alla presenza di acido tartarico e acido malico, utile contro gli episodi di stitichezza.

L’acido tartarico, insieme a quello caffeico, gli donano anche un effetto antiossidante che lo rende ideale per contrastare i danni da radicali liberi e rallentare l’invecchiamento cellulare.

Secondo diverse ricerche, le foglie del tamarindo svolgerebbero un’azione epatoprotettiva: il tamarindo viene spesso usato per prevenire i disturbi biliari. L’estratto di tamarindo, grazie alla presenza di composti naturali come lupeolo e tamarindina, ha effetti antifungini, antibatterici e antivirali.

Annuncio pubblicitario

Scopri di più nel nostro articolo: ” Tamarindo: cos’è, valori nutrizionali, benefici e ricette“.

Timo

Il timo è una spezia estremamente versatile in cucina ma anche dal grande successo in campo erboristico, fitoterapico e cosmetico, legato agli effetti benefici degli oli essenziali che contiene. Già nell’antichità, il timo veniva usato per curare i disturbi gastrointestinali e delle vie aeree.

E’ un vero integratore alimentare di ferro grazie all’elevato contenuto di questo minerale, ma apporta anche grandi quantità di calcio: 10 g di timo coprono il 10% del fabbisogno quotidiano.

E’ antisettico, antibatterico, antinfiammatorio e antifungino, aiuta il fegato nel metabolismo del colesterolo e risulta utile nel trattamento delle infezioni delle vie urinarie.

Scopri tutto su questa spezia nel nostro articolo “Timo: valori nutrizionali, proprietà medicinali e usi di questa pianta aromatica”.

Vaniglia

La vaniglia, sotto forma di bacca o di estratto, è una delle spezie più usate in cucina, soprattutto per aromatizzare i dolci. Il principale composto fenolico della vaniglia è la vanillina, una sostanza estremamente aromatica ma anche dalle tante proprietà benefiche.

Annuncio pubblicitario

Grazie alla sua presenza, la vaniglia è un agente antinfiammatorio e un antisettico naturale, svolge un’azione antistress e antidepressiva, contrasta l’insonnia, favorisce la digestione.

Scopri di più sulla vaniglia e su come usarla in cucina nel nostro articolo “Vaniglia: che cos’è, valori nutrizionali, benefici e ricette”.

Zafferano

Lo zafferano, soprannominato “oro rosso”, è una spezia preziosa. Infatti, per ricavarne un solo grammo, servono ben 200 fiori di Crocus Sativus, il che spiega il suo costo piuttosto elevato.

Alcuni studi hanno eletto lo zafferano “re degli antiossidanti” per l’alto livello di carotenoidi che lo caratterizza e che gli dona proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive.

Lo zafferano è indicato per il trattamento della depressione, da lieve a moderata. Sembra svolgere anche un’azione protettiva sul fegato e sull’apparato bronchiale, oltre ad avere effetti anti invecchiamento grazie alla ricchezza di antiossidanti.

Annuncio pubblicitario

Infatti, un primo piatto allo zafferano può contrastare l’effetto di circa il 20% dei radicali liberi prodotti in un giorno.

Scopri di più sull’oro rosso nel nostro articolo “Zafferano: che cos’è, botanica, valori nutrizionali, benefici e ricette”.

Zenzero

Noto per il suo caratteristico sapore, fresco e pungente, lo zenzero è una spezia dai tantissimi benefici, ottima per insaporire i piatti ma anche molto salutare se consumata sotto forma di infuso.

Favorisce la digestione, protegge lo stomaco, è antinfiammatorio, allevia i dolori mestruali e, grazie alla sua azione sul microbiota intestinale, riduce la produzione di gas a livello del colon.

Merito dei composti fenolici di cui questa spezia è ricca, che svolgono un’azione antiossidante e di protezione dai radicali liberi.

Scopri di più nel nostro articolo “Zenzero: proprietà nutrizionali, benefici e usi in cucina”.

Annuncio pubblicitario
spezie elenco: zenzero

Spezie: controindicazioni ed effetti collaterali

Ci sono alcune spezie che è consigliabile utilizzare con moderazione, perché un loro consumo eccessivo può avere effetti collaterali, oppure sono controindicate in alcune situazioni o condizioni, come in gravidanza o durante determinate terapie farmacologiche.

Per questo, raccomandiamo di assumere le spezie, sia in cucina che come rimedio fitoterapico, prestando attenzione alle indicazioni riportate in etichetta e consultando preventivamente il medico o l’erborista se si soffre di patologie, si stanno assumendo farmaci o in caso di gravidanza.

Ecco le principali spezie a cui prestare attenzione e perché.

Anice stellato

L’anice stellato, se consumato in quantità eccessive, può causare problemi gastrointestinali come diarrea, vomito, dolori addominali. Il suo utilizzo è sconsigliato in gravidanza.

Cannella

A causa delle sue proprietà ipoglicemizzanti, chi assume farmaci per la cura del diabete deve evitarne il consumo. La cannella, per la presenza di cumarina, ha un’azione epato-tossica, quindi non è consigliata a chi è in cura con farmaci che possono “affaticare” il fegato, ad esempio il paracetamolo, l’acetaminofene e le statine.

La cannella è sconsigliata in gravidanza, perché potrebbe provocare contrazioni uterine, e in allattamento, perché gli oli essenziali che contiene possono alterare il sapore del latte.

Quantità troppo elevate di cannella (superiori ad un cucchiaino al giorno) potrebbero causare effetti collaterali come:

Annuncio pubblicitario
  • tachicardia
  • diarrea
  • sonnolenza
  • tossicità per il fegato
  • dermatiti
  • piaghe della bocca
  • eccessivo calo della glicemia.

Cardamomo

In presenza di calcolosi della colecisti è bene consumare il cardamomo con moderazione, perché potrebbe sollecitare la motilità di questo piccolo organo e scatenare dolori addominali o coliche.

Sono state anche rilevate interazioni con farmaci antiaggreganti del sangue, quindi a chi segue questo tipo di terapia farmacologica è consigliata una certa precauzione nel consumo di questa spezia.

Chiodi di garofano

Il loro abuso può causare allergie con eruzioni cutanee e difficoltà respiratorie, che rappresentano comunque un’eventualità rara.

Il consumo di chiodi di garofano è sconsigliato ai bambini sotto i 12 anni, in gravidanza, perché l’eugenolo può superare la barriera della placenta e causare danni al feto, a chi soffre di ulcera peptica.

Citronella

La citronella, se non se ne abusa, sia a tavola che come integratore, non presenta rischi.

Annuncio pubblicitario

Però, è controindicata in gravidanza e allattamento, sotto i 3 anni di età, in caso di allergie a uno dei suoi costituenti.

Coriandolo

In dosi eccessive, l’uso dell’olio essenziale di coriandolo può causare disturbi nervosi e renali: è quindi sconsigliato a chi sta assumendo farmaci neurostimolanti e, in grandi quantità, può favorire la formazione di calcoli.

Cumino

Il cumino, sia sotto forma di semi che sotto forma di olio essenziale, è sconsigliato in gravidanza, perché potrebbe indurre le contrazioni, in presenza di patologie del fegato e se si stanno seguendo terapie ormonali.

Curcuma

La curcuma, utilizzata a dosi contenute (non più di 12 g al giorno), non ha effetti collaterali. E’ comunque sconsigliata in presenza di calcoli biliari, in gravidanza e a chi assume anticoagulanti e insulina.

Curry

Le controindicazioni e gli effetti collaterali del curry dipendono dalla miscela di spezie che lo compongono: la piccantezza data dal peperoncino o dal pepe potrebbe risultare troppo forte in caso di problemi gastrointestinali come gastriti e ulcere oppure di irritazioni dell’apparato urinario. Per la presenza della curcuma, che stimola la secrezione degli acidi biliari, è consigliabile moderare il consumo di curry se si soffre di calcolosi biliare.

Ginepro

Il consumo di bacche di ginepro è sconsigliato in caso di patologie renali di natura infiammatoria (insufficienza renale, nefrite, pielonefrite e glomerulonefriti) perché potrebbe avere un effetto irritante. Il suo utilizzo è fortemente controindicato in gravidanza, perché esercita un’attività antiprogestinica che può provocare aborti e indurre le contrazioni uterine. Da evitare anche durante l’allattamento. A causa delle possibili interazioni con farmaci come l’aspirina, gli ipoglicemizzanti orali e i diuretici, è bene non consumarlo se si stanno seguendo queste terapie.

Annuncio pubblicitario

Liquirizia

La liquirizia deve essere evitata o fortemente limitata in caso di ipertensione, perché può causare un aumento della pressione sanguigna legato all’effetto ipertensivo di una delle sostanze che contiene, la glicirrizina.

Per questo motivo, è sconsigliata anche in gravidanza e in allattamento.

Inoltre, la liquirizia, inoltre, interferisce con alcune categorie di anticoagulanti e con i farmaci cardiocinetici, o cardiotonici, mentre potrebbe rendere inefficaci i medicinali diuretici e i farmaci per il controllo dell’ipertensione.

In tutti questi casi, è bene evitarla o assumerla solo dopo conferma del medico.

Noce moscata

E’ molto importante consumare la noce moscata a piccole dosi, senza superare la quantità massima di 1,5 g al giorno e rivolgendosi subito al medico in caso di ingestione di quantitativi molto elevati (più di 15 g al giorno).

Infatti, la noce moscata, in caso di assunzione eccessiva può causare un’intossicazione che può anche rivelarsi mortale, con sintomi fisici come tachicardia e pupille dilatate e conseguenze sul sistema nervoso che vanno dalle allucinazioni al delirio.

Annuncio pubblicitario

Il consumo in gravidanza è sconsigliato perché, specie in alte dosi, potrebbe causare fenomeni abortivi. La noce moscata potrebbe interagire con gli psicofarmaci, quindi è bene evitarla se si sta seguendo una terapia di questo tipo.

Origano

L’origano di solito è ben tollerato, tranne in caso di allergia verso la pianta. L’applicazione di olio di origano sulla pelle in quantità elevate può causare irritazioni.

Paprika

La paprika, come tutti gli ortaggi appartenenti alla famiglia delle Solanaceae, può causare difficoltà digestive in caso di problemi gastrici, mentre l’abbondanza di capsaicina nella paprika piccante può scatenare irritazioni delle mucose gastrointestinali e fastidi in caso di ulcere ed emorroidi.

spezie elenco: pepe

Pepe

Un consumo eccessivo di pepe è sconsigliato a chi soffre di patologie dell’apparato gastrointestinale perché la stimolazione della secrezione di enzimi digestivi, dovuta alla piperina, potrebbe irritare le mucose. Il pepe è controindicato in caso di ipertensione.

In gravidanza e in allattamento è preferibile non utilizzarlo o farlo solo sotto controllo medico.

Annuncio pubblicitario

Peperoncino

Il peperoncino è sconsigliato in presenza di patologie gastriche come gastriti, ulcere e gastroenteriti o di stati infiammatori localizzati come cistite ed emorroidi, così come in caso di epatite. E’ consigliabile evitarlo o consumarlo con moderazione in gravidanza e allattamento, perché altera il sapore del latte.

La capsaicina che contiene, a contatto con le mucose della bocca e della gola o con gli occhi, può causare forte irritazione, quindi è consigliabile maneggiare i peperoncini con i guanti in lattice o lavare le mani subito dopo averli toccati.

Rafano

Un consumo eccessivo di rafano può risultare nocivo per chi ha sofferto di irritazione delle mucose gastriche o intestinali, quindi è consigliabile chiedere un parere al medico prima di assumerlo in presenza di:

  • ulcera
  • gastrite
  • gastroenterite.

Precauzionalmente, è bene non consumarlo in gravidanza e allattamento.

Timo

Non si conoscono controindicazioni legate al consumo di timo, ma un abuso in gravidanza è sconsigliato per la sua azione emmenagoga (è in grado di stimolare l’afflusso di sangue nell’area pelvica e nell’utero).

Il timo ha anche la capacità di interagire con la funzionalità degli ormoni tiroidei, quindi un consumo elevato deve essere evitato in caso di ipotiroidismo.

Annuncio pubblicitario

Vaniglia

La vaniglia non ha particolari controindicazioni ma l’estratto di vaniglia per uso esterno, se applicato ad alti livelli di concentrazione, può causare dermatiti e reazioni cutanee.

Inoltre, un’esposizione prolungata alla vaniglia può scatenare il “vanillismo”, che può provocare svariati disturbi cutanei: si tratta comunque di un’eventualità rara, perché la vanillina naturale ha una bassissima tossicità.

Zafferano

A dosi elevate, lo zafferano può essere tossico.

Un consumo superiore a 1 grammo al giorno può causare nausea, vomito e mal di testa, mentre oltre i 5 grammi si possono verificare alterazioni dell’umore, con ansia e ipotensione.

10 g possono indurre l’aborto, motivo per cui alle donne in gravidanza è sconsigliato l’uso medicinale del prodotto. Oltre i 20 g, può addirittura portare al decesso.

Zenzero

Lo zenzero può causare reazioni allergiche che si manifestano con rossori sulla pelle ed eruzioni cutanee, quindi prima di consumarlo in situazioni particolari, come in gravidanza, è bene chiedere un parere al medico.

Annuncio pubblicitario

Questa spezia deve essere usata con moderazione o evitata se si stanno assumendo farmaci anticoagulanti, perché lo zenzero è un fluidificante naturale del sangue, in caso di disturbi emorragici e in presenza di ipertensione arteriosa o aritmia, perché potrebbe peggiorare i sintomi.

spezie: uso in cucina

Come conservare le spezie

E’ consigliabile conservare le spezie all’interno di contenitori di vetro o coccio, meglio se dotati di chiusura ermetica per preservarne meglio aroma e proprietà organolettiche, in un luogo fresco, asciutto e buio, a temperatura ambiente.

La luce, specie quella diretta, così come il calore e l’umidità le deteriorerebbero. Per lo stesso motivo, sono da evitare contenitori in plastica e sacchetti. E’ bene leggere sempre le indicazioni di consumo e conservazione riportate sulla confezione, per essere sicuri di utilizzarle al meglio, preservandone il più possibile l’aroma e le proprietà benefiche.

Spezie: consigli per usarle in cucina

Le spezie possono essere usate sia fresche che essiccate. Alcune spezie si prestano di più al consumo fresco (per esempio il rafano), altre più al consumo essiccato (per esempio lo zafferano).

Della maggior parte delle spezie si utilizzano i semi, interi o macinati, ma possono essere consumate anche le foglie, come nel caso del cardamomo.

Le ricette, sia da bere che da mangiare, che è possibile aromatizzare con le spezie sono innumerevoli.

Bevande con le spezie

Le spezie possono essere usate per arricchire con le loro note aromatiche tantissime bevande. Tra queste:

Annuncio pubblicitario
  • tè, sia freddo che caldo
  • tisane
  • acque detox con frutta e verdura
  • smoothie
  • cocktail, sia alcolici che analcolici.

Tra le bevande più conosciute che hanno le spezie tra i loro ingredienti principali ci sono:

  • latte d’oro, a base di latte, olio di cocco e curcuma
  • vin brulé, bevanda calda a base di vino rosso aromatizzata con i chiodi di garofano
  • sangria, bevanda alcolica spagnola preparata con vino rosso, frutta in infusione e cannella
  • Gin, che ha tra i suoi ingredienti base le bacche di ginepro
  • ginger ale, soft drink analcolico a base di estratto di zenzero
  • sambuca, il pastis, l’ouzo e l’assenzio, che devono il loro aroma all’anice stellato.

Le ricette con le spezie

Le spezie si prestano ad essere usate per insaporire le pietanze più svariate, dal riso alla carne, dal pesce alle verdure.

Sono le “regine” di tantissimi piatti tipici della cucina italiana, come il risotto allo zafferano, gli spaghetti aglio, olio e peperoncino, la pasta cacio e pepe o all’arrabbiata, oppure di specialità di altre tradizioni culinarie, come il pollo al curry indiano o i falafel, le celebri polpettine di ceci di origine mediorientale che hanno tra gli ingredienti il cumino, il gulash ungherese, insaporito con la paprika e il cumino, la salsa tzatziki, preparata con yogurt greco e cetrioli e aromatizzata con l’aneto.

Infine, le spezie danno un tocco inconfondibile anche a molti dolci tradizionali, come la cannella, che è tra gli ingredienti dello strudel di mele. Ma è anche ottima per preparare spuntini golosi come le mele alla cannella o le mele essiccate, oppure la vaniglia, comunemente usata sotto forma di baccelli o di estratto per aromatizzare tantissimi dolci, come torte, gelati e budini.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest.

Spezie: elenco, proprietà, consigli d'uso

Approfondisci ulteriormente questo argomento

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Tiziana Landi

Tiziana Landi

Laureata in Scienze della Comunicazione, sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. Sono esperta di cucina light e alimentazione sana e all'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.

Annuncio pubblicitario

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario