F.A.Q.

Hai dubbi sulla tua dieta personalizzata? Leggi le risposte alle domande più comuni! Se non trovi la risposta per te, scrivici una mail dal modulo “contatti” e ti risponderemo al più presto

APP

L’app offre:
• Dieta personalizzata (possibilità di invio via e-mail)
• Lista della spesa con spunta degli alimenti già acquistati (possibilità di invio via e-mail)
• Zero pubblicità
• Calcolo del somatotipo e dell’IMC (possibilità di aggiornamento nel corso della dieta)
• Sincronizzazione tra device iOS, Android e web www.melarossa.it
• Contacalorie alimenti
• Contacalorie attività
• Sostituzione piatti integrata nella dieta
• Sostituzioni salvate e memorizzate nella dieta
• Video o ricette di tutti i piatti
• Pillola Melarossa quotidiana
I servizi web su www.melarossa.it sono gratuiti (con inserti pubblicitari) e offrono:
• Dieta personalizzata e lista della spesa (con possibilità di stampa)
• Contacalorie alimenti
• Contacalorie attività
• Sostituzione piatti

La settimana di prova inizia dal momento in cui si decide di sottoscrivere l’abbonamento all’app (IOS o Android) premendo sul pulsante “Prova gratis per 7 giorni – Abbonati a 2,99€ al mese” e vale solo per i nuovi utenti (se si era già iscritti e/o abbonati in passato non è possibile beneficiare nuovamente della settimana di prova).
Usufruendo della settimana di prova, la dieta sarà disponibile gratuitamente sull’app per i primi sette giorni. Solo allo scadere della settimana di prova ci sarà il primo addebito, al costo di 2,99€ al mese (con rinnovo mensile automatico).
È possibile disdire l’abbonamento in qualsiasi momento: se lo si fa entro il periodo di prova, non ci sarà alcun addebito. In caso di disdetta, il servizio resta attivo per tutto il periodo già pagato.
È raccomandato disdire l’abbonamento almeno 24 ore prima della scadenza, per permettere ai sistemi operativi di gestire la disdetta per tempo.

Sia per la tecnologia IOS che per la tecnologia Android è previsto, dopo la prima settimana di dieta gratuita (valida solo per i nuovi iscritti), un costo in abbonamento mensile pari a 2,99€.

Gli abbonamenti sono gestiti direttamente da iTunes/AppStore o da Google Play, a seconda del sistema operativo del proprio smartphone o tablet; è quindi necessario passare per i loro canali per la disdetta.

Dispositivi con sistema iOS: seguire i passaggi per visualizzare, modificare o annullare gli abbonamenti su iPhone, iPad, iPod touch, Apple Watch o su Mac o PC oppure su Apple TV 4K o Apple TV.
Melarossa offre una versione di prova gratuita. Se l’abbonamento non viene annullato almeno 24 ore prima della data di rinnovo, potrebbe avvenire il rinnovo automatico al costo di 2,99€ al mese.
Su iPhone, iPad o iPod touch:
1. Apri l’app Impostazioni.
2. Tocca il tuo nome.
3. Tocca Abbonamenti. Se non vedi “Abbonamenti”, tocca invece “iTunes e AppStore”, poi tocca il tuo ID Apple e quindi l’opzione Visualizza ID Apple, infine accedi, scorri verso il basso fino ad Abbonamenti e tocca Abbonamenti.
4. Tocca l’abbonamento che desideri gestire.
5. Tocca Annulla abbonamento. Se non vedi l’opzione Annulla abbonamento, significa che l’abbonamento è già stato annullato e non sarà rinnovato.

Su Apple Watch:
1. Su Apple Watch, apri l’App Store.
2. Scorri fino all’opzione Account e toccala.
3. Tocca Abbonamenti.
4. Tocca l’abbonamento desiderato.
5. Tocca Annulla abbonamento. Se non vedi l’opzione Annulla abbonamento, significa che l’abbonamento è già stato annullato e non sarà rinnovato.

Se non hai più un dispositivo Apple
Per visualizzare o annullare gli abbonamenti, usa iTunes su un PC Windows o segui i passaggi per un dispositivo Android o altro dispositivo.

Se non vedi l’abbonamento che stai cercando:
Se hai provato a visualizzare o annullare un abbonamento, senza però riuscire a trovarlo, controlla quanto segue. In alternativa, contatta il supporto Apple.
Per maggiori informazioni: https://support.apple.com/it-it/HT202039

Dispositivi con sistema ANDROID: La disinstallazione dell’app non comporterà la cancellazione dell’abbonamento.
1 Apri il Google Play Store sul telefono o tablet Android.
2 Controlla di aver eseguito l’accesso all’Account Google corretto.
3 Tocca Menu  Abbonamenti.
4 Seleziona l’abbonamento che vuoi cancellare.
5 Tocca Annulla abbonamento.
6 Segui le istruzioni.

Se hai un abbonamento a un’app e questa viene rimossa da Google Play, il tuo futuro abbonamento verrà annullato. Gli abbonamenti passati non vengono rimborsati. Per maggiori informazioni ti consigliamo di cliccare sul seguente link: https://support.google.com/googleplay/answer/7018481?co=GENIE.Platform%3DAndroid&hl=it

Dispositivi HUAWEI (Huawei App Gallery): Per annullare l’abbonamento da Huawei App Gallery, occorrerà farlo prima del prossimo periodo di addebito. Accedi a Impostazioni > HUAWEI ID > Pagamento e acquisti > Abbonamenti e tocca Disattiva per annullare.

Se l’app viene cancellata o si cambia smartphone (o device), è necessario, per recuperare i dati, riscaricarla e loggarsi con le credenziali scelte al momento dell’iscrizione. Accedendo con le stesse credenziali è possibile sincronizzare la stessa iscrizione (e dieta) su device iOS, Android e web www.melarossa.it.

Se si usa un computer è consigliato vuotare la cache e, dopo aver chiuso e riaperto il browser, provare a ripetere il percorso di iscrizione.
Per i dispositivi mobili, pur essendo il sito www.melarossa.it sviluppato in modalità mobile-friendly, si possono incontrare difficoltà nel superare alcune pagine (come ad esempio la scelta dell’obiettivo di peso) perché i pop up non sono supportati da tutti i device. Per questo motivo, dai dispositivi mobili (smartphone e tablet), suggeriamo di utilizzare l’app.

In fondo alle newsletter è presente il link per cancellare il proprio indirizzo e-mail e non ricevere ulteriori messaggi.
Per cancellare il proprio account: entrare nel proprio profilo MyMelarossa su www.melarossa.it (usando le stesse credenziali di accesso all’app), toccare o cliccare su “account” e poi “modifica i dati di accesso”: in basso a sinistra è presente il tasto “elimina account”. Cancellando l’account si perdono definitivamente tutti i dati, senza possibilità di recupero. Subito dopo però sarà possibile effettuare una nuova iscrizione, usando eventualmente lo stesso indirizzo e-mail (sull’app non è però possibile usufruire nuovamente della settimana di prova gratuita).

Accedendo con le stesse credenziali è possibile sincronizzare la stessa iscrizione e dieta su device iOS, Android e web www.melarossa.it.

Si, è possibile usare lo stesso smartphone per fare più percorsi di dieta, ognuno distinto da diverse credenziali di accesso (ricordarsi di toccare DISCONNETTI prima di accedere con nuove credenziali).

APP: è possibile visualizzare la dieta nella pagina iniziale dell’app soltanto dopo aver sottoscritto l’abbonamento al servizio. Accedendo all’app con le proprie credenziali di iscrizione è possibile visualizzarla e godere di tutti i servizi. L’elaborazione e pubblicazione della nuova settimana di dieta avviene allo scadere di quella in corso e viene automaticamente cancellata la dieta precedente; per conservare i vecchi menù, quindi, è opportuno stampare la dieta.

WEB: la dieta è sempre disponibile sul profilo MyMelarossa, al quale si può accedere da www.melarossa.it con le credenziali di iscrizione. L’elaborazione e pubblicazione della nuova settimana di dieta avviene allo scadere di quella in corso e viene automaticamente cancellata la dieta precedente; per conservare i vecchi menù, quindi, è opportuno stampare la dieta.

APP: la dieta viene elaborata subito dopo la compilazione del percorso di iscrizione (e poi con cadenza settimanale). Se si vuole riceverla in un giorno diverso, ad esempio di sabato, è opportuno toccare menù MyMelarossa. Toccare “Impostazioni “e poi “Ripristina la dieta da zero” e ripetere il percorso di sabato (con menù che partono da domenica). ATTENZIONE: questa operazione annulla la dieta in corso e tutto lo storico ad essa collegato, senza possibilità di recupero.

WEB: la dieta viene elaborata subito dopo la compilazione del percorso di iscrizione (e poi con cadenza settimanale). Se si vuole riceverla in un giorno diverso, ad esempio di sabato, è opportuno toccare o cliccare su “Account” –>”Inizia una nuova dieta” nella sezione MyMelarossa e ripetere il percorso di sabato (con menù che partono da domenica). ATTENZIONE: questa operazione annulla la dieta in corso e tutto lo storico ad essa collegato, senza possibilità di recupero.

Su APP toccare il menù MyMelarossaImpostazioni e scegliere tra:
1) “Aggiorna profilo e privacy” per aggiornare i propri dati personali;
2) “Modifica le attività” per modificare le ore di attività inserite in fase di iscrizione;
3) “Scegli il tipo di dieta” per modificare le proprie preferenze alimentari.
Le modifiche saranno attuate a partire dall’elaborazione della prima dieta successiva alle modifiche.

4) RIPRISTINA LA DIETA DA ZERO se si intende modificare tutti i dati o ricominciare la dieta da capo. Solo scegliendo questa opzione la nuova dieta sarà elaborata subito dopo la fine del percorso ma eliminerà la dieta in corso e tutto lo storico ad essa legata (senza possibilità di recupero).

Sul WEB, entrando nel proprio profilo MyMelarossa cliccando o toccando la sezione “Account”, è possibile modificare i dati di accesso, le attività o le preferenze alimentari (le modifiche verranno memorizzate e la dieta cambiata alla prima elaborazione utile). Se si intende modificare tutti i dati cliccare su “INIZIA UNA NUOVA DIETA” e ripetere il percorso. La dieta verrà elaborata alla fine della compilazione del percorso. Questa operazione annulla però la dieta in corso e tutto lo storico ad essa collegato.

APP: Le attività sono ripartite su base giornaliera e settimanale.
Attività quotidiane: indicare le ore che ogni giorno si dedicano a quell’attività (es. 7 ore dormire, 2 ore camminare, ecc.).
Attività settimanali: indicare le ore (o una media) che ogni settimana si dedicano a quell’attività (es: 40 ore lavorative, 3 ore di aerobica, ecc.). È possibile scegliere la propria attività lavorativa e il proprio sport tra le opzioni presenti nell’elenco.

WEB: L’inserimento delle attività deve essere effettuato su due tipologie di giorno: feriale (il programma ne considera cinque a settimana, convenzionalmente da lunedì a venerdì ma, per chi lavora su turni, anche altri giorni) e festivo (il programma ne considera due a settimana, convenzionalmente sabato e domenica ma, per chi lavora su turni, anche altri giorni). Per le attività che si svolgono quotidianamente si possono indicare le ore totali che si dedicano all’attività (ad esempio dormire 8 ore, mangiare 1 ora, ecc.). Per le attività che si svolgono saltuariamente, si dovranno ripartire su cinque giorni (feriale) e due giorni (festivo). Ad esempio se si corre nel parco un’ora il sabato mattina si dovrà inserire mezz’ora nella giornata festiva. Oppure se si fai la spesa per un’ora e mezza il mercoledì, si dovranno indicare 18 minuti nella giornata feriale (90 minuti diviso 5 giorni).

Se non si ricorda l’indirizzo e-mail di registrazione, scrivere un’e-mail al customer service di Melarossa all’indirizzo app@melarossa.it indicando nome+cognome+data di nascita.
È possibile trovare il link per recuperare la password di iscrizione nella pagina di log-in, sia dell’app che del sito web www.melarossa.it. Arriverà una nuova password all’indirizzo e-mail con cui si è iscritti a Melarossa. Se il messaggio non è presente nella posta in arrivo, si consiglia di controllare nella cartella spam/indesiderati.

Se si è già registrati è sufficiente accedere con le proprie credenziali. Se non si ricorda la password è possibile recuperarla nella pagina di login (sia app che web).
Per effettuare una nuova iscrizione è possibile cancellare il precedente account con i seguenti passaggi: entrare nel proprio profilo MyMelarossa su www.melarossa.it (usando le stesse credenziali di accesso all’app), toccare o cliccare su “account” e poi “modifica i dati di accesso”: in basso a sinistra si troverà il tasto “elimina account”. Cliccando su “elimina account” sarà possibile eliminare i propri dati. Cancellando l’account si perdono definitivamente tutti i dati, senza possibilità di recupero. Subito dopo però è possibile effettuare una nuova iscrizione, usando eventualmente lo stesso indirizzo e-mail.

Attualmente non è possibile avere la stessa dieta ma, dopo aver ottenuto ognuno la propria dieta, suggeriamo di uniformarle prendendo come riferimento una delle due diete (o alternandole) per mangiare le stesse cose ognuno facendo riferimento alle proprie indicazioni. Ad esempio, se si decide di seguire la dieta del marito e a pranzo è prevista pasta, la moglie dovrebbe vedere nella sua dieta (in un giorno in cui è prevista pasta, anche se con altro condimento) a quanti grammi e a quanto olio corrisponde la sua porzione. Stessa cosa per gli altri alimenti. Per maggiori informazioni leggere la nostra guida ABC delle sostituzioni.

Per un’ottimale visualizzazione del grafico, il check del peso deve essere effettuato il giorno prima l’elaborazione della nuova dieta. Quindi, 6 giorni dopo l’iscrizione e, in seguito, a intervalli di 7 giorni. Entrando nella sezione “MyMelarossa” nell’app e nella pagina MyMelarossa su www.melarossa.it, sarà comunque evidenziata la data in cui è possibile effettuare il check del peso. In quella data (e solo in quella data) sarà possibile inserire il peso più volte per correggere eventuali errori. Inserimenti in date successive saranno, invece, memorizzati dal sistema ma evidenziati nel grafico solo alla data successiva (creando un possibile sfalsamento).

Comunicando attraverso il check del peso che si è raggiunto l’obiettivo di peso prefissato, automaticamente sarà elaborata la dieta di mantenimento.

L’apporto calorico dipende soprattutto dalle attività che si svolgono quotidianamente. Se si è molto attivi o si svolge un lavoro impegnativo per molte ore al giorno, è possibile dimagrire anche con una dieta ricca. Se invece si pensa di aver sovrastimato le attività è bene correggerle per ottenere una dieta più adatta alle proprie esigenze.

DIETA: gli alimenti evidenziati in BLU sono quelli sostituiti. LISTA DELLA SPESA: gli alimenti evidenziati in NERO sono quelli presenti nella dieta originale; gli alimenti evidenziati in BLU sono quelli che hanno visto aumentare la grammatura rispetto alla dieta originale; gli alimenti evidenziati in VERDE sono quelli che hanno visto diminuire la grammatura rispetto alla dieta originale; gli alimenti evidenziati in ROSSO sono quelli che hanno grammatura pari a 0 a seguito delle sostituzioni.

PATOLOGIE – INTOLLERANZE – STADI DELLA VITA

Sostituendo gli alimenti che non si possono mangiare (con l’aiuto della guida ABC delle sostituzioni), è possibile seguire le indicazioni fornite dalla dieta Melarossa. È comunque opportuno valutare i menù ricevuti col proprio medico curante che, conoscendo il completo quadro clinico e il grado di intolleranza o allergia, è l’unico che può dare consigli sul caso specifico.

La dieta Melarossa è sana, varia ed equilibrata, quindi adatta a tutti. In caso di patologie o esami del sangue fuori norma, è comunque opportuno valutare i menù ricevuti col proprio medico curante che, conoscendo il completo quadro clinico è l’unico che può dare consigli sul caso specifico.

Durante la gravidanza e poi l’allattamento, l’organismo della mamma fa di tutto per preservare le “riserve di grasso” indispensabili per il nutrimento suo e del bambino. In questi periodi si deve seguire una dieta sana, varia ed equilibrata (come quella di Melarossa ma sempre con l’accordo del medico curante o ginecologo) ma non ipocalorica. Quando il bambino sarà completamente svezzato, alcuni degli eventuali chili di troppo della mamma spariranno in modo naturale, per il resto si potrà intraprendere la dieta.

Sicuramente lo squilibrio ormonale dovuto alla menopausa può contrastare un corretto dimagrimento ma non ci si deve scoraggiare. Oltre a seguire la dieta di Melarossa con costanza è fondamentale essere il più attivi possibile (l’ideale sarebbe fare sport 2/3 ore a settimana oltre approfittare di ogni momento per muoversi: fare le scale a piedi, camminare, andare in bicicletta, ecc.) questo aiuterà a scuotere il metabolismo e velocizzare il calo di peso.

La dieta Melarossa è molto ricca di fibre che sicuramente aiutano la mobilità intestinale. È comunque opportuno prendere l’abitudine di bere almeno 1,5/2 litri di acqua al giorno e cercare di essere il più attivi possibile (già una camminata di 30/40 minuti a passo veloce tutti i giorni è un ottimo allenamento).

La giusta terapia farmacologia (prescritta da un medico endocrinologo) dovrebbe compensare il malfunzionamento o l’assenza della tiroide ma, in effetti, ci potrebbe essere un rallentamento del metabolismo basale nei casi di ipotiroidismo. È quindi opportuno, ancora di più, unire alla sana alimentazione uno stile di vita attivo che scuota il metabolismo e velocizzi il dimagrimento. È inoltre utile introdurre nella dieta l’uso del sale iodato (sempre senza eccedere).

ALIMENTI E MENÙ

È possibile invertire i pasti e cambiare gli alimenti secondo le indicazioni riportate nella guida ABC delle sostituzioni.

Si può mangiare tutto ciò che è prescritto dai menù.unico che può dare consigli sul caso specifico.

È possibile aumentare la quantità di verdure senza però aumentare il condimento. Ad esempio: se la dieta prevede 100 g di pomodori conditi con ½ cucchiaio di olio extra-vergine di oliva, è possibile mangiare 200 g di pomodori ma sempre con ½ cucchiaio di olio extra-vergine di oliva. Per una migliore gestione della dieta consigliamo di leggere la guida ABC delle sostituzioni.

Il peso si riferisce agli alimenti crudi, mondati e al netto di ossa e parti non edibili.

La frutta è un alimento fondamentale in una sana alimentazione, perché permette l’apporto di vitamine, fibre e sali minerali. Per questo non è possibile eliminarla dalla dieta Melarossa. Al massimo può essere sostituita da verdure fresche, crude e scondite, che possono essere mangiate a volontà.

Non è consigliabile eliminare un’intera categoria di alimenti per non rischiare di alterare l’equilibrio dei macro e micro nutrienti. Se si desidera sostituirli perché non di proprio gradimento, si può provare a consumare il latte insieme al caffè o aggiungendo frutta allo yogurt; se invece c’è intolleranza, allergia o difficoltà di digestione è consigliato parlarne con il proprio medico curante, che è l’unico che può valutare la dieta ricevuta ed eventualmente suggerire delle integrazioni.

Una volta a settimana è possibile sostituire la cena con una pizza (marinara oppure margherita oppure focaccia con verdure grigliate). Al pranzo di quel giorno è consigliato consumare un secondo a base di carne o pesce con verdure (eventualmente invertendo il pranzo con la cena).

Al posto del cucchiaino di zucchero si può usare un cucchiaino di miele o marmellata da aggiungere alla colazione.

Il sale non ha particolare valenza calorica ma sarebbe bene limitarne l’uso per ridurre i rischi di ritenzione idrica e ipertensione. La porzione giornaliera che l’Organizzazione mondiale di sanità si raccomanda di non superare è di 2 g di sodio, corrispondenti a 5 g di sale.

Il vino, specie quello rosso, è un alimento dalle ottime proprietà e non ci sarebbe problema ad inserirlo (nella misura di mezzo bicchiere circa a pranzo e cena) nella sana alimentazione se non fosse che l’alcol apporta calorie. In una dieta ipocalorica, dunque, sarebbe meglio non consumare alcolici.

L’ideale è scegliere pietanze simili a quelle proposte dalla dieta: ad esempio se è prevista pasta o minestra scegliere in mensa la pasta o la minestra (se la dieta prevede pasta al sugo e in mensa si trovai pasta alle verdure non è un problema, si dovrebbe stare solo attenti che l’olio del condimento non sia eccessivo rispetto a quello indicato nel menù della dieta). Nel caso della minestra, se la dieta propone pasta e lenticchie e in mensa si trova pasta e ceci va bene ugualmente, ma vale sempre la regola dei grassi da condimento che non dovrebbero essere più di quelli previsti dalla dieta. Stessa cosa per i secondi e le verdure. Ricordare inoltre di limitare sempre le porzioni.

Perché una dieta sia equilibrata deve apportare circa il 45-50% di carboidrati, circa il 15% di proteine e circa il 35% di grassi. Sali minerali e vitamine si contano in milligrammi o microgrammi quindi non hanno un peso percentuale significativo. Una dieta ipocalorica equilibrata, quindi, dovrà ridurre in proporzione tutti questi macronutrienti. I carboidrati, nelle giuste porzioni, non fanno ingrassare, anzi sono indispensabili per fornire la giusta energia all’organismo.

È sicuramente possibile spostare alla colazione alimenti indicati nella dieta in altri momenti (ad esempio negli spuntini o il pane previsto a pranzo o a cena) o aggiungere un frutto e/o verdure crude e scondite a volontà.

Se si lavora di notte (e probabilmente si dorme di giorno) è opportuno distribuire gli spuntini durante le ore notturne (sapendo che è possibile aggiungere verdure crude e scondite a volontà). I pasti principali possono essere consumati negli orari più opportuni rispetto al turno di lavoro.

A volte limitare troppo l’apporto calorico ha un effetto negativo sul metabolismo che rallenta sempre di più, ostacolando un regolare dimagrimento. Non bisogna scoraggiarsi bensì continuare a seguire la dieta e, soprattutto, evitare la sedentarietà. Approfittare di ogni momento per essere attivi è veramente l’unico modo per scuotere il metabolismo e velocizzare il calo: già una passeggiata a passo veloce per 30/40 minuti ogni giorno è un ottimo allenamento.

L’ideale, quando si mangia fuori casa, è scegliere sempre piatti leggeri e limitare le porzioni. Anche al ristorante infatti si può chiedere carne o pesce alla griglia con contorno di verdure. Evitando inoltre i cibi molto grassi (fritture, intingoli), i dolci e gli alcolici i danni saranno limitati. Si deve poi cercare di essere il più attivi possibile: raggiungere il posto di lavoro a piedi, fare le scale invece di usare l’ascensore, approfittare della vacanza per muoversi il più possibile.

Il nostro programma alimentare prevede e approva la versione vegetariana perché quest’ultima riesce, pur senza carne né pesce, ad essere equilibrata nell’apporto di nutrienti grazie alla presenza di latte (e derivati) e uova. Una dieta vegana, anche se molto ricca di proteine di origine vegetale, non garantisce l’assimilazione di tutti i macronutrienti.

Consolarsi col cibo è una pratica molto comune e il rimedio deve essere di natura psicologica più che alimentare. Cercare di isolare ciò che infastidisce e concentrarsi su di esso piuttosto che riversare la frustrazione o insoddisfazione sul cibo è un primo passo. Bisogna poi incoraggiarsi pensando che se si riesce a controllare la fame nervosa si potranno ottenere buoni risultati dalla dieta e, piacendosi e apprezzandosi di più, sarà più facile andare avanti.

Nella versione dell’app è sempre disponibile la ricetta, spesso accompagnata dal tutorial. Inoltre, nella sezione Ricette light del sito www.melarossa.it, ci sono molti video che spiegano l’esecuzione dei menù proposti nelle diete e tante altre idee light, compresi dolci e ricette per bambini, che si prestano a sostituzioni per variare la dieta e mangiare con gusto. Spesso per risotti, minestre, frittate o altro, non è stato riportato un video per ogni esecuzione, ma quello proposto è un’ottima base di partenza, adattabile ad altri ingredienti. Lo scopo di Melarossa è educare al mangiar sano e i nostri video vogliono essere una scuola facile e divertente per scoprire che si può mantenere il gusto anche seguendo un regime ipocalorico.

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

informazione pubblicitaria