Alimenti dalla A alla Z

Banana: calorie, valori nutrizionali, benefici, usi e le migliori ricette

Annuncio pubblicitario

La banana è uno dei frutti più nutrienti e gustosi, amato da grandi e piccini per la sua consistenza morbida e per il sapore particolarmente dolce. Spuntino pratico, “portatile”, regala energia preziosa a chi la sceglie.

La banana è ricca di potassio, vitamine e sali minerali. Inoltre, apporta grandi benefici all’organismo: combatte il colesterolo, abbassa la pressione, regolarizza l’intestino e aiuta l’umore.

Infatti, contengono parecchio potassio, il che è utile per eliminare i liquidi, limitare la ritenzione idrica e controllare la pressione alta, così si favorisce la buona funzionalità del sistema cardio-vascolare. In collaborazione con il magnesio, i frutti aiutano contro i crampi e sono l’ideale anche per chi fa attività fisica. Le banane poi hanno un effetto calmante su acidità e bruciori di stomaco e le sue fibre gestiscono al meglio l’irregolarità intestinale, ostacolando la stitichezza.

Le banane hanno anche un altro grande primato: sono il frutto in assoluto più consumato al mondo! Infine, trattandosi di un frutto calorico ( 65 calorie per 100 grammi) dovrebbe essere consumato con moderazione da chi ha problemi di obesità.

Normalmente la banana si consuma fresca, al naturale. Ma è ottima anche frullata con latte o altra frutta per dar vita a smoothie gustosi e nutrienti, a pezzetti nello yogurt, tagliata in macedonia, sotto forma di gelato. Può anche essere usata per guarnire torte e dolci vari o come ingrediente per dolci come il banana bread.

Banana: cos’è

Con il nome “banana” ci si riferisce al frutto della pianta, comunemente chiamata Banano (Musa acuminata Colla), che non è un albero pur avendone le dimensioni. È una pianta erbacea gigante sempreverde perenne, monocotiledone, appartenente al genere Musa della famiglia delle Musaceae.

Annuncio pubblicitario

Il banano cresce da un bulbo-tubero da cui si sviluppa un falso tronco che raggiunge altezze anche di 6 metri. Il tronco è formato dalle guaine basali delle foglie che si sovrappongono a spirale, accartocciate l’una sull’altra, imitando le funzioni di sostegno di un tronco. Questo è poi coronato all’apice da un ciuffo di poche foglie.

Il Banano fruttifica solo nei climi caldi e umidi delle vallate tropicali, situate in pieno sole o in leggera ombra. La pianta può vivere in climi miti, ma quasi mai giunge a dare frutti in abbondanza e ben formati. Il Banano ha inoltre bisogno di un habitat che sia protetto dai venti.

Curiosità sui benefici della banana

Le piante di banano ed i loro frutti sono stati tradizionalmente utilizzati per curare molte malattie, specialmente in Asia e in Africa.

Nelle comunità tribali vengono usate tutte le parti della pianta (frutta, gambo, fiore, foglia, linfa, fusto, nucleo interno e radice) per preparati terapeutici utili a contrastare numerose patologie:

  • controllo della pressione sanguigna
  • diabete
  • ipertensione
  • anemia, fino ad allergie
  • infezioni, bronchiti e altre malattie respiratorie, oltre a febbre, tosse
  • tubercolosi
  • dissenteria.

L’estratto di radice viene ancora oggi usato per prevenire il concepimento, per indurre il travaglio durante il parto e per curare le infezioni delle malattie trasmesse sessualmente, come HIV/AIDS, le piaghe interne ed esterne delle parti genitali, la vaginite e la leucorrea.

Altri usi tradizionali includono l’applicazione come antiemetico, per medicare ferite e vesciche e per alleviare i dolori articolari e migliorare la circolazione sanguigna.

Annuncio pubblicitario
Offerta
Electrolux ESB2500 Sportsblender Mini Frullatore,...
  • Sports Blender con 2 borracce da 0,6 litri realizzate in plastica antirottura Tritan*, privo di...
  • La borracce in plastica sono al 100% BPA-free e non assorbono né gli odori né i sapori. Inoltre,...
  • Preparare uno smoothie delizioso è un gioco da ragazzi usando il frullatore sports blender. Frulla,...

Le proprietà nutrizionali della banana                     

Oltre alla sua grande versatilità ed al suo gusto unico, è un frutto ricchissimo in fitonutrienti, tra cui vitamine (C, A e vitamine del gruppo B) e composti fenolici.

Contiene anche moltissimi minerali come manganese, potassio, rame, magnesio, ferro, fosforo.

Inserire le banane nella propria dieta aiuta poi a migliorare il contenuto di fibra alimentare totale, di amido resistente e amido totale.

Cosa contiene la banana

Ma quali sono i principi che rendono la banana un alimento così benefico per la nostra salute?

Flavonoli e flavonoidi

Sia la polpa che la buccia di banana contengono vari composti fenolici e flavonoidi.

Solo per ricordarne alcuni:

  • acido gallico
  • catechina
  • epicatechina
  • tannini
  • antociani.

Le principali classi di flavonoidi rilevati nelle banane sono i flavonoli, che comprendono quercetina, miricetina, kaempferolo e cianidina. Questi agiscono come “spazzini” protettivi contro i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento e di varie malattie croniche.

Annuncio pubblicitario

Serotonina e dopamina

La buccia e polpa di banana contengono anche amine biogeniche, come:

  • serotonina
  • dopamina
  • norepinefrina.

La serotonina contribuisce alla sensazione di benessere e felicità mentre la dopamina svolge un ruolo importante per il miglioramento dell’umore, la capacità di concentrazione e la stabilità emotiva.

Carotenoidi

Altri composti caratterizzanti le banane sono i carotenoidi, responsabili anche della loro colorazione gialla intensa.

I carotenoidi sono stati studiati principalmente per il loro ruolo nella prevenzione di alcuni tumori e delle malattie degli occhi.

È stata recentemente proposta l’idea di utilizzare diverse cultivar di banane per gestire la carenza di vitamina A.

Il consumo di alimenti ricchi di carotenoidi, e quindi indirettamente di vitamina A, migliora l’immunità e riduce il rischio di malattie come il cancro, il diabete e problemi cardiaci.

Annuncio pubblicitario
Offerta
Imetec FrullaTutto Frullatore, Lame Tritaghiaccio...
  • Due velocità: 19000 giri/min per frullare frutta e verdura dalla consistenza morbida e 21000...
  • Motore 500 Watt, capienza 800 ml
  • Funzionamento ad impulsi per regolare la consistenza del risultato, coperchio con foro per il...

Benefici per la salute

Vediamo allora tutte le proprietà benefiche che questi nutrienti donano alle banane.

Antiossidante e antitumorale

La polpa di banana contiene composti bioattivi, come gli acidi fenolici e i flavonoidi, ad alto potenziale antiossidante e utili nella prevenzione di malattie croniche, compresi i tumori.

La banana contro i crampi e per controllare la pressione

Le banane contengono molto potassio: perfette alleate, dunque, degli sportivi per scongiurare crampi durante l’allenamento o durante la performance.

Inoltre, la presenza importante di potassio, insieme al basso contenuto di sodio, rende le banane utili nel controllo della pressione sanguigna.

Antidepressivo naturale

La serotonina, derivante dal triptofano contenuto nella banana, aiuta a superare o prevenire la depressione influenzando positivamente l’umore e rilassando il corpo.

Frutto adatto ai diabetici

La banana contiene amido resistente a bassa digeribilità rispetto agli amidi ad alto indice glicemico dei cereali.

Annuncio pubblicitario

Grazie alla sua azione ipoglicemizzante si rivela così adatta alla dieta dei pazienti diabetici. Infatti, il suo consumo giornaliero migliora la sensibilità all’insulina.

Ottima per intestino e stomaco

La banana ha effetti positivi anche sull’intestino: indagini farmacologiche hanno dimostrato che la banana è efficace e vantaggiosa nel trattamento delle malattie del tratto gastrointestinale.

I frutti sono perfetti anche contro la stipsi grazie all’elevato contenuto di fibre alimentari.

Contro il colesterolo

Le banane contengono una buona quantità di fitosteroli. Sono i steroli vegetali naturali che abbassano i livelli di colesterolo nel sangue attraverso una riduzione del suo assorbimento nell’intestino.

Quindi, un’assunzione giornaliera di fitosteroli fino a 3g /die è sicura ed ha un’azione ipocolesterolemica nei pazienti con dislipidemie.

La banana: un’aiuto per smettere di fumare

Secondo un recente studio scientifico le banane, grazie al loro contenuto di vitamine B6, di potassio e magnesio, aiuterebbero il corpo a riprendersi dagli effetti di “astinenza” da nicotina.

Le banane possono pertanto rendere più facile il percorso di quelle persone che hanno deciso di smettere di fumare.

Annuncio pubblicitario

Contro ulcere e bruciore di stomaco

Una banana aiuterebbe a riprendersi dai postumi di una sbornia (aiuta a ristabilire i livelli di zucchero nel sangue, esauriti a causa dell’assunzione di alcol), a tamponare il bruciore di stomaco e a curare le ulcere (le banane hanno un effetto antiacido naturale).

Anti-stress

Quando viviamo un momento di stress, il nostro tasso metabolico aumenta, riducendo così i nostri livelli di potassio. Quindi, il consumo di banane ad alto contenuto di questo minerale può aiutare a “riprenderci” da questi eventi destabilizzanti.

Contro le punture di zanzara

Ti ha punto una zanzara? Per alleviare il prurito e ridurre il gonfiore e l’irritazione basta strofinare, sulla parte interessata, la parte interna della buccia di banana,

Controindicazioni della banana

Potrebbe essere causa di intolleranza in soggetti predisposti per la presenza di proteine allergizzanti.

Infatti, chi assume farmaci beta-bloccanti perché cardiopatico, dovrebbe consumare la banana con moderazione per evitare l’iperkaliemia, cioè una condizione di presenza eccessiva di potassio nel sangue.

Inoltre, non è sconsigliata a chi soffre di diabete perché il suo amido resistente a bassa digeribilità svolge un’azione ipoglicemizzante, rendendola adatta alla dieta di pazienti diabetici.

Annuncio pubblicitario

L’importante è che il consumo sia moderato e che la banana sia poco matura, perché con la maturazione gli enzimi della banana trasformano l’amido in zucchero, aumentandone l’indice glicemico.

Classe Italy Alimenti, 5 Ripiani BPA-Free con...
  • Temperatura regolabile - la temperatura è regolabile da 35-70℃; questo permette sia di conservare...
  • Ventilazione verticale con tunnel: ventilazione verticale con foro passante centrale, crea un...
  • Silenzioso, potente ed efficente: vivo dry v è un essiccatore molto silenzioso, che non disturberà...

Banana: guida all’acquisto e come consumarla

E’ un frutto disponibile tutto l’ anno, anche per merito del lungo periodo di fioritura, e non ha un andamento stagionale. La sua disponibilità e la sua praticità di consumo la rendono ideale per un consumo fresco.

E’ ottima in ogni momento della giornata, a colazione, a pranzo, come spuntino pomeridiano o la sera, anche come snack.

La polpa si può consumare direttamente oppure può arricchire frullati di frutta, yogurt, macedonie, gelati, o ancora può essere utilizzata come guarnizione di torte e dolci vari. A contatto con l’aria tende a scurire rapidamente, ma con una spruzzata di limone si argina questa reazione ossidativa.

La polpa delle banane può essere consumata anche in forma essiccata: basta tagliare a rondelle una banana e metterla in forno ad 80° per permettere all’acqua contenuta nel frutto di evaporare.

La buccia delle banane

Anche la buccia di banana potrebbe essere mangiata in quanto ha molte proprietà nutritive e composti bioattivi, soprattutto polifenoli e carotenoidi. Tuttavia la parte esterna delle banane potrebbe essere stata oggetto di trattamenti post raccolta per evitare la formazione di muffe durante il trasporto.

Per questa ragione, è preferibile non avventurarsi a mangiarla senza avere la certezza della sua salubrità e senza aver accuratamente lavato le banane sotto acqua corrente.

Snips 021270 Salva Banana-Contenitore...
  • La speciale chiusura a scatto, lo rendono particolarmente pratico come contenitore d'asporto
  • Il prodotto può andare in frigorifero; lavabile in lavastoviglie
  • Design, tecnologia, qualità 100% made in italy

Come conservare la banana

Le banane non sono molto deperibili e possono resistere, in condizioni ottimali, per diversi giorni. Vanno conservate a temperatura ambiente ma in luogo fresco per non accelerare la maturazione.

Possono essere conservate in frigorifero, ma a temperature non inferiori a 3°: in tal caso la buccia esterna tende a scurire, senza tuttavia che la polpa subisca alterazioni.

La banana è un frutto climaterico, cioè che matura anche dopo essere stato separato dalla pianta.  Questo accade perché produce etilene, un ormone vegetale gassoso che ne accelera la maturazione.  

Annuncio pubblicitario

Per questa sua caratteristica si deve fare attenzione alla frutta e alla verdura posizionata vicina alle banane. Infatti, la maturazione viene accelerata non solo dall’etilene autoprodotto, ma anche da quello “stimolato” dalla vicinanza di altri frutti maturi.  

Come scegliere le banane

Questo frutto tropicale non possiede una stagionalità ben precisa.

Arriva sulle nostre tavole da terre lontane situate lungo la fascia climatica compresa tra i due tropici. Il trasporto avviene di norma via nave, in celle frigorifere, spesso dotate di atmosfera controllata per prolungarne la conservazione.

Per assaporarla al meglio, la polpa deve avere il giusto grado di maturazione, che corrisponde a un determinato grado Brix (unità di misura che indica il grado zuccherino della frutta). Le banane esposte sui banchi di vendita normalmente hanno un grado Brix basso e si presentano ancora verdi, ma in un paio di giorni la banana matura e diventa più dolce.

In Italia, da qualche tempo, le banane sono coltivate anche in Sicilia e in Sardegna con buoni risultati, grazie alle temperature siccitose che contraddistinguono i climi degli ultimi anni in queste regioni.

La scelta varietale praticamente non esiste: in commercio si trovano per la stragrande maggioranza banane della varietà Cavendish.

Offerta
Garnier Fructis Hair Food Banana Nutriente, Kit...
  • Routine completa per la cura dei capelli composta da shampoo, balsamo e maschera 3-in-1 con estratto...
  • Deterge e nutre a fondo lasciando capelli più morbidi e visibilmente sani, Per una chioma più...
  • Consigli per l'uso dello Shampoo: applica, massaggia e risciacqua, Balsamo: applica dopo lo shampoo...

La banana: maschera di bellezza da fare in casa

Le maschere per il viso migliorano nel tempo l’aspetto della pelle rendendola purificata, luminosa e idratata. In commercio c’è davvero l’imbarazzo della scelta, ma anche la semplicità di una maschera fai da te può essere vincente: naturale, efficace ed economica.

Annuncio pubblicitario

La maschera idratante a base di banana che ti proponiamo è molto semplice.

Ingredienti:

  • 2 cucchiaini di yogurt
  • 1 banana frullata.

Mescola gli ingredienti, applica sul viso il composto e lascialo in posa per 10 -15 minuti. Risciacqua poi con acqua tiepida, asciuga il viso e applica una crema idratante.

La tua pelle risulterà morbida, idratata e nutrita. Se soffri di allergie o pelle sensibile, chiedi prima consiglio a medico o all’estetista.

Offerta
Guardini Gardenia, Stampo Apribile Plumcake...
  • Grazie all'apertura con cerniera ed al fondo salvagoccia si ottengono risultati sempre perfetti...
  • Materiale: acciaio hi-top di altissima qualità
  • Con rivestimento antiaderente interno doppio strato skandia xtreme plus

La banana in cucina

Nella cucina etnica orientale sono molte le ricette che prevedono la banana come ingrediente. In America del Sud e Centrale, invece, viene spesso usato un parente stretto della banana, il platano, che meglio si presta ad essere cucinato.

In alcuni paesi asiatici, come ad esempio l’India, vengono mangiati anche i fiori di banano, che prima di schiudersi si presentano come delle pannocchie violacee e carnose. Il loro sapore e la loro consistenza hanno poco in comune con il frutto, perché risultano amidacei e amarognoli, con un retrogusto di noce.

Annuncio pubblicitario

Invece, le nostre ricette sono tutte sane e puoi provare lo smoothie, il banana bread ma anche il tè fatto in casa oppure il gelato alla banana! Prova le nostre ricette!

Scopri le ricette con la banana.

Banana: cenni storici

La pianta di banano è originaria del Sud-Est Asiatico, delle giungle della Malesia, dell’Indonesia e delle Filippine, dove tutt’oggi ne crescono numerose varietà selvatiche. La banana è citata per la prima volta in alcuni testi buddisti del 600 a.C.

Sembra che grazie alle spedizioni di Alessandro Magno in India nel 327 a.C., dopo la conquista dell’Impero Persiano, lo stesso Re Macedone abbia fatte conoscere le banane al mondo occidentale.

È probabile che le prime coltivazioni siano state opera dei cinesi già dal 200 d.C.: con il progredire della civiltà islamica, la pianta della banana è stata importata dai mercanti arabi favorendone così la successiva diffusione in quasi tutta l’Africa.

Da lì, le banane vennero diffuse in America Centrale e meridionale grazie agli esploratori del ‘500.

Annuncio pubblicitario

Banana republic

Le banane hanno iniziato ad essere oggetto di scambi internazionali solo dalla fine del XIX secolo. Tutto iniziò quando la banana venne presentata al Centennial International Exhibition di Philadelphia del 1876. Erano vendute alla stratosferica cifra di dieci centesimi l’una (circa due dollari attuali).

Era la prima volta che gli americani assaggiavano questo frutto esotico.

 La prospettiva di un grande affare per accontentare i consumatori statunitensi spinse la Boston Fruit Company a comprare terreni in America Latina per la coltivazione di questo frutto, con sostanziosi incentivi ai governi. Fu così che nacque un periodo di sfruttamento che portò alla nascita della cosiddette “repubbliche delle banane”.

Basti pensare che nel 1950 la United Fruit (la futura Chiquita) possedeva il 75% delle coltivazioni del Guatemala, controllandone anche il potere politico fino alla fine degli anni ‘80.

Una delle caratteristiche del mercato delle banane è proprio il ruolo svolto dalle grandi imprese multinazionali che ne controllano ancora l’intera filiera produttiva.

Attualmente la banana viene coltivata in più di 130 paesi: oltre che in Asia (Cina, India, Filippine e Indonesia) anche nel Centro e Sud America e in Africa Tropicale. Per importanza è la quarta specie di frutta coltivata. Secondo le più recenti statistiche il paese maggior produttore di banane è l’India con circa il 23%, seguita dalla Cina, dalle Filippine, dal Brasile e dall’Ecuador. I maggiori importatori di banane sono gli Stati Uniti e l’Europa.

Link esterni
  1. Banca Dati di Composizione degli Alimenti per Studi Epidemiologici in Italia- BDA.
  2. Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione- CREA.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest!

Annuncio pubblicitario
Sofia Russo

Dottoressa in Biologia e socia volontaria della Onlus Nutrizionisti Senza Frontiere, ho approfondito la mia formazione attraverso un Master in nutrizione umana presso la Unitelma Sapienza. Ho svolto tirocini formativi in laboratori di ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’Università degli Studi Roma Tre. Per Melarossa mi occupo di scrivere approfondimenti sugli alimenti.

Condividi
Pubblicato da

Recent Posts

Crema chantilly: ingredienti, ricetta e come farla

Golosa raffinatezza pasticcera di nobili origini francesi, la crema chantilly è una squisitezza versatile e…

3 Dicembre 2021

Sovrappeso: il programma di allenamento per dimagrire

Essere in sovrappeso vuol dire mettere in pericolo la tua salute, esponendoti ad un più…

3 Dicembre 2021

Sale iposodico: cos’è, valori nutrizionali, benefici, come usarlo, controindicazioni

Il sale iposodico non è altro che una tipologia di sale da cucina a basso…

3 Dicembre 2021

La guida per pesare senza bilancia: consigli e tabelle di conversione

Vorresti essere in grado di pesare senza bilancia? Ti sei stancato di calcolare il peso…

3 Dicembre 2021

Dieta metabolica: che cos’è, come funziona, esempio di menù, pro e contro

La dieta metabolica è un regime alimentare che alterna periodi a ridotto contenuto di carboidrati…

3 Dicembre 2021

Radicchio: cos’è, proprietà, benefici, usi in cucina e ricette per gustarlo

È il gusto amarognolo la caratteristica che contraddistingue il radicchio rosso, rendendolo particolarmente delizioso. Questo…

2 Dicembre 2021