Home Nutrizione Mangiar sano Insalata: i 10 tipi da mangiare senza limiti

Insalata: i 10 tipi da mangiare senza limiti

CONDIVIDI
insalata

L’insalata è considerata la regina di molte diete, perché è ipocalorica, ricca di acqua, sali minerali, fibre e completamente priva di grassi. É anche una risorsa, soprattutto durante la stagione calda, quando l’organismo ha più bisogno di idratazione. Se freschissima l’insalata è una fonte indispensabile di potassio e sali minerali, la parte verde delle foglie, poi, è molto più ricca di caroteni, principali precursori della vitamina A, rispetto a quella bianca.

Insomma, l’insalata, versatile e gustosa, non può assolutamente mancare a pranzo e a cena. Condita con un filo d‘olio, sale e aceto oppure arricchita con ingredienti che la rendono piatto unico, fresco e completo. Le ricette con le insalate possono essere veramente innumerevoli. Ma, tra i tipi di insalata, quale scegliere?

1Crescione

Dal sapore acidulo e piccante, è molto usato per arricchire il sapore di insalate più comuni come la lattuga. E’ ricco di antiossidanti e gli vengono attribuite proprietà curative. Tant’è che in erboristeria è utilizzato come depurativo, ricostituente e diuretico.

2Dente di leone

Anche detto Tarassaco, in primavera trasforma i prati in allegre distese gialle. Le sue foglie sono ricche di vitamina B, C ed E e sono utilizzate come stimolanti della digestione, ma anche per favorire il lavoro di fegato e cistifellea. Ha un’ottima azione drenante e depurativa sull’organismo. Si trova nelle campagne e in qualsiasi prato, soprattutto all’inizio della primavera. E’ molto importante raccogliere le foglie più giovani, evitando quelle vecchie che hanno un gusto più amaro.

3Indivia belga

Dalla forma allungata, l’indivia belga ha foglie bianche e ben serrate. Molto apprezzata per il gusto amarognolo, contiene poche, ma importanti vitamine. La A e la B, ed eccellenti quantità di fibre insolubili, utilissime nei casi di stitichezza acuta. Attenzione: se sulle foglie ha dei puntini grigiastri vuol dire che non è freschissima e che è stata mal conservata.

4Insalata Lollo rosa

Varietà di lattuga. Si riconosce facilmente per il colore rosso tenue, tendente al verde delle sue foglie. Dal sapore leggermente amaro e dalla consistenza croccante, è apprezzata per le sue proprietà. È ricca di fibre, potassio e vitamine A e C, contiene moderate quantità di vitamine D, E, K, calcio, fosforo, magnesio e zolfo.

5Insalata riccia

Della famiglia delle indivie, è l’insalata estiva per eccellenza. Infatti si trova nei mesi di giugno, luglio e agosto. Ha foglie frastagliate, cespo aperto e poco compatto, molto chiaro al centro. E’ ricca di vitamina A e C e sali minerali quali potassio, ferro e fosforo. E’ generalmente consumata cruda, ma si può mangiare anche cotta.

6Insalata romana

La lattuga più diffusa nel nostro paese, si presenta come un cespo ovale con foglie di colore verde intenso e brillante, piegate a cucchiaino. Fra tutte le insalate è quella che contiene una maggiore quantità di nutrienti (potassio, vitamine A, C, D, E, K, calcio, fosforo, magnesio, zolfo). Ha proprietà leggermente analgesiche e sedative.

7Misticanza

E’ un misto di verdure selvatiche da mangiare in insalata, che variano da stagione a stagione. Le più diffuse sono il tarassaco, la rucola, la valerianella, la pimpinella, l’acetosa, il cerfoglio, il crescione, il finocchio selvatico, la malva e il levistico. Alle erbe, a seconda della stagione, è possibile aggiungere fiori di tarassaco, violetta, borragine, begliuomini, nasturzio.

8Rucola

Coltivata e selvatica. La rucola è utilizzata soprattutto per arricchire le insalate verdi o per dare un gusto più piccante a insalate di pomodori per bruschette, antipasti di bresaola e parmigiano e molti altri piatti. Oltre al contenuto di vitamina C, potassio, ferro e calcio, è apprezzata in quanto favorisce la digestione. Ha un’azione depurativa sul fegato e carminativa, cioè aiuta ad espellere i gas intestinali.

9Spinaci

Gli spinaci sono una pianta annuale, ma in primavera si possono gustare le foglie più dolci e nutrienti. Già apprezzata per la sua ricchezza di ferro, questa verdura è nota per essere alleata della vista, grazie all’elevato contenuto di luteina. Di solito viene consumata cotta, ma è ottima da mangiare cruda in insalata con un po’ di limone e parmigiano in scaglie.

10Valeriana

Anche nota come soncino o songino, valerianella, gallinella, dolcetta, grassagallina, formentino, questo tipo di lattuga dalle foglie tenere, leggermente allungate e rotondeggianti, è ricca di clorofilla, mucillagine, sali minerali e vitamine A, B e C. Ha inoltre proprietà rivitalizzanti, emollienti, lassative, diuretiche e depurative. Si consuma esclusivamente cruda in insalata, da sola o mista ad altri ingredienti.

 


Commenti