Home Nutrizione Mangiar sano Olio extravergine d’oliva, il grasso buono per la tua salute

Olio extravergine d’oliva, il grasso buono per la tua salute

CONDIVIDI
L'olio extravergine d'oliva, il grasso buono per la tua salute

L’olio extravergine d’oliva è tra i grassi migliori che puoi scegliere di usare nella tua alimentazione quotidiana, anche quando sei a dieta: del 99% dei lipidi che lo costituiscono il 75% è acido oleico e poi acido linoleico e acido palmitico, dei grassi monoinsaturi che rendono l’olio extravergine d’oliva un prezioso alleato del tuo sistema cardiovascolare.

Questi acidi grassi “buoni” presenti nell’olio di oliva, aiutano il tuo cuore, perché tengono sotto controllo il colesterolo cattivo (LDL) e valorizzano quello ‘buono’ (HDL), che pulisce le arterie.

Grazie anche ai fitosteroli, delle sostanze vegetali che hanno la capacità di ostacolare l’assorbimento intestinale del colesterolo e di ridurre quello LDL che si trova nel sangue, gli acidi grassi dell’olio extravergine d’oliva svolgono un’azione preventiva a tutti gli effetti nei confronti delle malattie cardiovascolari, compreso l’infarto, proteggendo di fatto il tuo cuore.

Oltre al benessere del sistema cardiocircolatorio, l’olio di oliva contiene anche importanti vitamine e in generale è un grasso buono che non può mancare in un regime alimentare sano e bilanciato.

È antiossidante

L’olio extravergine d’oliva ha una fondamentale funzione antiossidante, grazie soprattutto alla vitamina E e ai moltissimi polifenoli: questi due nutrienti svolgono insieme un’eccezionale funzione di contrasto dei radicali liberi, causa dell’invecchiamento cellulare.

Con un cucchiaio di olio extravergine al giorno assumerai il 15% della dose giornaliera raccomandata di vitamina E, assicurandoti così un’azione preventiva nei confronti di malattie tumorali e degenerative e proteggendo DNA e membrane cellulari dai danni causati dai radicali liberi.

Questo mix di sostanze benefiche per il tuo organismo, ha una funzione di rafforzamento del sistema immunitario e, grazie al supporto dei carotenoidi e della vitamina A che promuovono la sintesi del collagene e la formazione di nuove cellule, ti permette di avere una pelle elastica, forte e in salute.

L’olio extravergine è anche indicato in periodi di particolare affaticamento o stress, quali cambi di stagione, periodo di esami o momenti in cui una sferzata di energia in più è benvenuta: questo perché le vitamine e i sali minerali che contiene, lo rendono un valido ricostituente.

Ti aiuta nella dieta

Essendo costituito al 99% da lipidi, l’olio extravergine d’oliva è certamente calorico: ogni 100gr ci sono 900 calorie. Questo non è comunque un buon motivo per eliminarlo dalla tua alimentazione se stai seguendo una dieta, anzi. Quando consumi l’extravergine viene facilitata l’assunzione delle vitamine liposolubili, come la A, la D, la E e la K, quindi l’olio d’oliva rimane il condimento migliore per le verdure, anche a fronte di qualche caloria in più.

Infatti, senza questo grasso buono, alcune vitamine assunte con frutta e verdura si perdono e con esse anche una parte di calcio, che dipende proprio da una vitamina liposolubile, la D, per essere assorbito nel modo migliore.

E po, l’olio extravergine d’oliva, grazie ai suoi grassi, favorisce il senso di sazietà e proteggo lo stomaco dalle infiammazioni, favorendo la digestione ed evitando il gonfiore addominale legato a intestino pigro.

Olio extravergine d’oliva vs altri oli

Molte persone credono che l’olio d’oliva sia più grasso dell’olio di semi, notizia totalmente infondata. Infatti nei due oli sono presenti le stesse quantità di grassi e anche le stesse calorie, cioè 9 al grammo.

Un buon extravergine poi, è molto più saporito di quello di semi, quindi tenderai a usarne una minore quantità per condire i tuoi piatti con grande vantaggio del conto calorico. Anche sul fronte della cottura, l’olio di oliva vince sugli altri oli perché, se non si raggiungono temperature superiori a 180°, il minor numero di acidi grassi polinsaturi lo rende più stabile ed evita la produzione di una maggior quantità di radicali liberi.

Consigli di utilizzo

Per tanto tempo l’olio d’oliva è stato messo sotto accusa, ma oggi, grazie alla scoperta di tutti i suoi benefici per la salute, è stato completamente riabilitato e viene consigliato il suo utilizzo anche da parte di chi segue una dieta dimagrante.

La chiave è ovviamente la moderazione, per cui se stai cercando di perdere peso l’ideale sarebbe di non superare i 3 cucchiai al giorno, da usare possibilmente a crudo.

Quando viene utilizzato a crudo, l’olio extravergine di oliva assolve al meglio il suo compito di antiossidante, perché molti polifenoli e vitamine sono termolabili, quindi si danneggiano con la cottura. Quest’azione di contrasto dei radicali liberi, aumenta ulteriormente quando si combina l’olio con altri alimenti, come il pomodoro fresco, che a sua volta è ricco di antiossidanti, come il licopene.

Mentre il licopene del pomodoro si sfrutta meglio se cotto, l’aggiunta a un sugo dell’olio d’oliva crudo determina un’eccezionale sinergia di azione tra i due alimenti.

Infine, anche la conservazione dell’olio ha la sua importanza: va sempre imbottigliato in contenitori di acciaio inox o di vetro scuro, lontano da luce, aria e calore. Cerca di consumarlo quando è fresco: l’invecchiamento non gli giova, anzi lo priva del suo profumo, del gusto e soprattutto dei polifenoli, così importanti per il tuo benessere.

Classificazioni dell’olio d’oliva

L’olio extravergine di oliva è un olio di qualità superiore caratterizzato da parametri specifici, tra cui l’acidità inferiore a 0,8%, la presenza di numerose sostanze come i fitosteroli e perossidi e numerosi altri criteri organolettici che vengono riconosciuti da un panel di esperti preparati ad hoc.

Il vero olio extravergine di oliva viene estratto rigorosamente con procedura meccanica e senza alcuna rettificazione: si ha un vero extravergine solo da una prima spremitura a freddo (<27 gradi) delle olive fresche appena colte, procedura che assicura il pieno mantenimento del contenuto lipidico e degli antiossidanti.

L’Italia è un paese che produce olio extravergine d’oliva di eccellenza in moltissime regioni: si tratta di un prodotto rappresentativo del Made in Italy che non può mancare su nessuna tavola di tutto il mondo e che viene prodotto con la cura, l’attenzione e la passione di una volta.

Oggi andiamo a scoprire 2 tra queste perle, l’olio extravergine di oliva da cultivar Toccolana e l’olio Aprutino Pescarese DOP, ambedue prodotti in Abruzzo nell’area delle Terre Pescaresi.

L’olio extravergine d’oliva Aprutino Pescarese DOP

Olio extravergine d'oliva Aprutino Pescarese DOP

La città di Loreto Aprutino, in provincia di Pescara, è un gioiello adagiato tra le colline pescaresi, immersa nel silenzioso scorrere della vita contadina che la circonda.

La tradizione rurale di questa area dell’Abruzzo, ha dato vita a una delle prime DOP italiane di olio extra vergine d’oliva riconosciute dalla Comunità Europea, l’Aprutino Pescarese DOP.

Composto da pregiate varietà di olive come Dritta, Leccino e Toccolana, viene prodotto in una zona definita “triangolo d’oro”, in quanto ha la più alta concentrazione di olivi rispetto alla superficie agricola coltivata.

L’olio extravergine d’oliva Aprutino Pescarese DOP, è espressione delle caratteristiche uniche del territorio in cui viene prodotto e della sapienza degli olivicoltori, che curano le proprie piante secondo le regole di una tradizione tramandata di padre in figlio.

Sono moltissimi i frantoi antichi che si possono visitare in questa zona, testimonianza di una ricchezza storica che, grazie allo sforzo della Comunità di prodotto di questa DOP, può arrivare oggi anche sulla tua tavola.

Scopri la storia di questo storico olio guardando questo video:

La cultivar Toccolana dell’alta valle del Fiume Pescara

Olio extravergine d'oliva: cultivar Toccolana

Cosa c’è dietro una bottiglia di olio? La passione, l’amore il sacrificio di generazioni e generazioni di famiglie che si tramandano tecniche di coltivazione e cura di alberi secolari, come quelli dell’area di Tocco da Casauria, in provincia di Pescara.

Un’area in cui si trovano circa ottantamila bellissimi alberi secolari, per una coltivazione, quella della cultivar Toccolana, che è il fiore all’occhiello di questo territorio, che si è candidato per l’iscrizione come “Paesaggio rurale storico” del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

La Toccolana prodotta nell’alta valle del Fiume Pescara, è una varietà caratteristica di questa area, che rappresenta il 90% del patrimonio olivicolo della zona: non esiste una famiglia in questo territorio che non abbia almeno un albero di olivo e parliamo di alberi che hanno duecento anni e più!

Le caratteristiche organolettiche di questa cultivar danno vita a un olio extravergine d’oliva con un sapore fruttato, di erba tagliata, molto fresco, con una media intensità di amaro e piccante e note di mandorla e pomodoro.

Da poco si è istituita la Comunità di prodotto Terre Pescaresi della cultivar Toccolana che intende promuovere questo olio eccellente, ma soprattutto salvaguardare tutte quelle tecniche necessarie perché questi alberi continuino a dare il meglio: come ad esempio la potatura specifica per alberi secolari, fondamentale perché possano essere rivitalizzati e dare vita a nuova fruttificazione nonostante la veneranda età!

Guarda il video e scopri tutto sulla cultivar Toccolana:

PAR FSC 2007-2013 Linea di azione 1.3.1.d – Progetto di Sviluppo Turistico realizzato con il contributo della Direzione Sviluppo Economico e del Turismo Regione Abruzzo nell’ambito del programma POR-FAS 2007-2013 – CUP C59B14000010001

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteGli alimenti che rovinano il sonno
Articolo successivoAerobica: la lezione di Giovanna Lecis per un’estate in forma
Ho cominciato la mia vita professionale come giornalista e sono iscritta all’Ordine dal 1995 come Pubblicista. Dopo diversi anni di esperienza nel settore della comunicazione (sia nell’organizzazione di eventi, sia come ufficio stampa), ho ripreso da qualche anno l'attività di giornalista e lavoro nella redazione di Melarossa, curando in particolare articoli su dieta, nutrizione e psicologia. Vista la mia innata curiosità verso gli esseri umani e le loro possibilità di sviluppo e miglioramento, ho scelto di diventare Life Coach Umanista e lavoro con persone che vogliono allenarsi a raggiungere obiettivi in linea con la loro natura.