Patologie

Candida: cos’è, tipologie, cause, sintomi, cure e prevenzione

Annuncio pubblicitario

Quale donna in età fertile può dire di non avere avuto a che fare con un’infezione da Candida? In realtà molto poche, considerando che circa il 75% di loro l’ha contratta almeno una volta nella vita.

Ciò che non tutti sanno è che la fastidiosa Candida è un disturbo che colpisce prevalentemente l’apparato genitale femminile con prurito, rossore e perdite lattiginose, ma ha molte sfaccettature. Inoltre, la sua alta capacità invasiva la rende pericolosa anche per uomini, bambini e oggetti, sotto forme diverse.

Le candidosi, così come vengono chiamate questo tipo di infezioni, infatti, possono colpire diversi organi e parti del corpo, dalla bocca all’intestino fino al cuore e alle ossa. Nei casi più gravi può diventare molto invalidante o portare addirittura alla morte.

Per fortuna così com’è semplice prenderla, è altrettanto semplice da diagnosticare e curare con trattamenti efficaci in poco tempo prima che la situazione possa sfuggire di mano.

Per porre rimedio esistono cure naturali e farmaceutiche. Ma non bisogna dimenticare che anche la prevenzione e la scelta di abitudini corrette è fondamentale per evitare recidive.

Di seguito, tutto quello che c’è da sapere su cos’è la Candida, quanti tipi ne esistono in natura, com’è possibile riconoscerla e sbarazzarsene.

Annuncio pubblicitario

Cos’è la Candida?

La Candida è un tipo di fungo (o micete) che, a livelli normali, vive nel nostro organismo senza arrecare alcun danno. E’ il micete più comune negli umani ed è continuamente alla ricerca di un posto dove riprodursi. Questo spiega perchè ci si infetta facilmente.

Si conta, inoltre, che esso conviva con altre 100 mila specie di funghi di cui soltanto 75 sono patogene.

Dal punto di vista morfologico, si presenta come lievito. Fa parte della famiglia dei saccaromiceti, ossia di quel genere di funghi che include molti tipi di lieviti usati per esempio nella manifattura di bevande alcoliche come vino e birra o nella lievitazione del pane.

Per quanto riguarda il nostro organismo possiamo dire che i saccaromiceti, come la candida appunto, sono molto importanti in quanto ci aiutano nella digestione degli zuccheri.

Al microscopio, colore e consistenza della Candida variano in base al tipo di specie a cui appartiene. Può variare dal color crema al giallo e la consistenza può essere pastosa, liscia, brillante o secca, rugosa e dura.

Grazie alla loro capacità di replicarsi i saccaromiceti danno vita a colonie che vivono generalmente fuori e dentro il nostro corpo privilegiando luoghi come:

Annuncio pubblicitario
  • pelle e mucose di bocca
  • gola
  • intestino
  • vagina
  • pene.

Il loro numero è tenuto sotto controllo da batteri buoni che costituiscono la flora batterica e il sistema immunitario.

Chi può colpire

Tuttavia, la Candida è definita un fungo opportunista, perché è in grado di approfittare di momenti di debolezza dell’organismo per trasformarsi in un microrganismo patogeno, formando colonie che infettano il nostro corpo.

La sua elevata mutabilità e capacità di adattamento la rendono davvero pericolosa, mentre la sua enorme capacità invasiva è in grado di colpire donne e uomini di ogni età, bambini e persino materiali sintetici utilizzati nelle protesi sostitutive di organi interni e cateteri.

La tipologia più comune di Candida patogena è la Candida albicans, responsabile della fastidiosa candidosi vaginale che poi può infettare anche gli uomini. La stessa è in grado di infettare anche il cavo orale e in questo caso viene denominata mughetto.

Un’altra tipologia di Candida, ancora più aggressiva e di cui abbiamo sentito parlare molto spesso negli ultimi anni, è la Candida auris. Si tratta di una pericolosa infezione che colpisce principalmente le persone con un sistema immunitario debole o indebolito da gravi patologie e che è resistente alla maggior parte dei farmaci. Per questo può essere mortale.

Altri tipi di Candida sono:

Annuncio pubblicitario
  • glabrata
  • guilliermondi
  • krusei
  • tropicalis
  • parapsilosis
  • pseudotropicalis.

Tra i fattori di rischio che possono scatenare le infezioni da Candida e che analizzeremo meglio nei prossimi capitoli, sono stati segnalati:

  • gravidanza
  • uso di contraccettivi
  • diabete mellito
  • alimentazione ricca di zuccheri
  • uso di antibiotici per un tempo prolungato.

Candidosi vaginale, maschile, gastrointestinale e della cute: tipologie e differenze

I lieviti come la Candida possono causare molte patologie più o meno gravi a seconda dell’agente patogeno e della situazione immunitaria dell’ospite.

Quelle più frequenti sono le candidosi delle mucose genitali e orali e quelle superficiali che interessano la cute.

Più raramente si riscontrano infezioni profonde che colpiscono altri organi, ma se accade di solito sono gravi e possono portare alla morte del paziente. Vediamole nel dettaglio.

Infezione da Candida vaginale

La Candida si trova nel tratto vaginale di molte donne. Si tratta di un fungo che abita normalmente nelle mucose genitali, in costante equilibrio con altri microrganismi ospiti del nostro organismo. Tutti insieme formano l’ecosistema vaginale, che consente di mantenere un pH normale compreso tra 3,8 e 4,5 e la giusta lubrificazione dell’organo.

Quando i valori del pH, ossia l’acidità, superano il limite previsto dal range, rompono in un certo senso questo equilibrio favorendo la proliferazione di germi patogeni, come la Candida.

Annuncio pubblicitario

Ma perché la Candida si sviluppa facilmente nella vagina? Questo accade perché si tratta di un lievito che sopravvive e trova terreno fertile negli ambienti più acidi come la vagina appunto, dove possono avviarsi dei fenomeni di tipo fermentativo.

Se le colonie di Candida si riproducono a dismisura senza che i “batteri buoni” intervengano, ci troviamo di fronte ad una candidosi della vagina, chiamata anche infezione vaginale da lievito o candidosi vulvovaginale, quando cioè l’infezione colpisce anche l’area della vulva.

Si stima che circa il 70-75% delle donne in età fertile soffra di questa infezione almeno una volta nella vita e che il 30-40% abbia almeno una recidiva. Questa può presentarsi sia a distanza di pochi mesi dal primo episodio che dopo molti anni e oltretutto più volte nella vita.

Perciò, la candidosi di questo tipo fa parte delle 3 infezioni vaginali più diffuse tra le donne, insieme alla vaginosi batterica e alla vaginite da Trichomonas.

Si definisce “ricorrente” una vulvovaginite che si presenta con una frequenza di almeno 4 episodi in un anno.

Infezione da Candida nell’uomo

L’infezione da Candida nell’uomo non è molto comune, ma possibile. E’ sempre causata dalla Candida albicans e spesso è asintomatica o con sintomi simili a quelli della donna, ma diffusi nel pene.

Annuncio pubblicitario

C’è da dire che proprio perché non è una malattia sessualmente trasmissibile, non è detto che un uomo che venga a contatto con la candida ne rimanga affetto.

Le categorie di uomini maggiormente colpite dalla Candida sono due: quelli che presentano un restringimento del prepuzio e quelli con difese immunitarie basse, fattore dovuto per esempio ad un momento di grande stress.

Visto che i lieviti come la Candida proliferano in ambienti caldi e umidi, un prepuzio stretto rappresenta il luogo ideale dove formarsi e crescere. Inoltre, a seguito di questa anomalia anatomica è più difficile effettuare un’igiene corretta. Altro fattore favorevole alla Candida.

Quando l’infezione colpisce il glande, cioè la parte terminale del pene, causa un’infiammazione chiamata balanite. Se interessa anche il prepuzio è definita balanopostite.

Candidosi del tratto gastrointestinale e della cute

La frequenza di comparsa di una candidosi orale o orofaringea è di circa il 6% nei soggetti sani e di circa il 47% nei soggetti ospedalizzati. Nelle persone che hanno già l’Aids, il diabete, un tumore e nei neonati la percentuale si alza addirittura fino al 70%.

La candidosi orale si manifesta a seguito di una colonizzazione incontrollata da parte della Candida albicans della bocca e della gola. Il tratto distintivo è la patina bianca che si forma sulla lingua e nelle altre zone colpite.

Annuncio pubblicitario

Secondo la classificazione di Lehnar esistono tre tipi di Candida orale:

  • pseudomembranosa, quella più comune, che si manifesta con chiazze bianche sul palato o sulla lingua
  • eritematosa, che si riconosce per delle lesioni rossastre sulla lingua
  • iperplastica, che è la meno comune ed è caratterizzata da placche o noduli sulla lingua.

A volte la candidosi può spostarsi più in profondità, nell’intestino, causando diverse malattie del tratto gastrointestinale come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.

Proprio come l’intestino, l’infezione può attaccare anche la pelle. Essa di solito è difesa dai batteri “buoni” ma purtroppo tra lo stress quotidiano e l’utilizzo di detergenti aggressivi può capitare che diventi più vulnerabile.

Anche la Candida cutanea, come tutti gli altri tipi, per crescere e proliferare approfitta dei cambiamenti nell’ambiente ospite e quando trova la temperatura adeguata, l’umidità e i livelli di acidità alterati attacca, diffondendosi rapidamente.

Sintomi della Candida e come si manifesta

Ogni tipologia di Candida provoca sintomi e si manifesta in modo differente. Ecco perchè bisogna suddividere gli effetti sulla base dell’organo colpito.

Sintomi della candidosi vaginale

Nel 90% dei casi i sintomi della candidosi vaginale sono:

Annuncio pubblicitario
  • Arrossamento e gonfiore delle labbra vaginali, dovuto spesso al continuo grattarsi.
  • Prurito e bruciore intimo, a volte incontenibile.
  • Ulcerazione nell’area vaginale.
  • Cute lesionata attorno alla zona genitale.
  • Rapporti dolorosi (dispareunia), soprattutto all’entrata della vagina (la vulva).
  • Perdite vaginali bianche e dense, dall’aspetto simile alla ricotta, dette leucorrea, ma che non sono maleodoranti.
  • Secchezza intima.
  • Difficoltà o aumento dello stimolo a urinare.
  • Dolore durante la minzione (disuria).

Questi sintomi possono peggiorare già dalla settimana prima della comparsa delle mestruazioni.

Sintomi della candidosi nell’uomo

Così come nella donna, la manifestazione dell’infezione nell’uomo è rappresentata da alcuni sintomi riconoscibili come:

  • Balanite, cioè un’infiammazione del glande.
  • Rossore.
  • Bruciore e prurito, soprattutto dopo l’attività sessuale.
  • Gonfiore.
  • Papule con pus.
  • Dolore durante la minzione.

Nel caso l’infiammazione dovesse colpire anche il prepuzio, allora potrebbero verificarsi anche sintomi come:

  • Secrezioni giallastre
  • Odore sgradevole
  • Difficoltà a retrarre il prepuzio.

Candidosi orale e cutanea

La candidosi orale che può colpire tutto il tratto gastrointestinale oppure soltanto il cavo orale, l’esofago, l’intestino e la zona perianale, si manifesta attraverso alcuni sintomi tipici dell’infezione:

  • La lingua è gonfia e arrossata.
  • Macchie bianche sulle guance, sul palato o sulla gola, che possono essere di tipo membranoso, eritematoso o a placche.
  • Sensazione di cotone in bocca.
  • Dolore durante la masticazione.
  • Sapore anomalo in bocca o percezione alterata dei sapori.
  • Screpolature e arrossamenti agli angoli della bocca.
  • Nei bambini, irritabilità e pianto continuo.

Se la candidosi è nell’esofago, tra gli altri sintomi, c’è anche dolore durante la deglutizione, mentre se il fungo attecchisce nell’intestino può comportare i seguenti sintomi:

  • Problemi digestivi.
  • Stitichezza.
  • Diarrea.
  • Nausea.
  • Gas.
  • Crampi.
  • Gonfiore.

Invece, per quanto riguarda la candidosi cutanea, essa si manifesta con:

Annuncio pubblicitario
  • Prurito e un’eruzione cutanea ben visibile.
  • Macchie rosse o viola.
  • Macchie bianche e squamose sulle aree colpite.
  • Distacco di pezzi di pelle.
  • Screpolature e sanguinamento.
  • Infiammazione purulenta.

Inoltre, una crescita smisurata dei valori di Candida presenti sulla pelle, può causare condizioni come il piede d’atleta, la tigna e il fungo dell’unghia del piede.

Sebbene non siano pericolose per la vita, le infezioni fungine della pelle possono essere molto scomode e ridurre significativamente la qualità della vita.

Stanchezza e affaticamento: un sintomo comune a tutte le Candide

Uno dei sintomi comuni a tutti i tipi d’infezioni da Candida è la stanchezza che può diventare cronica nel caso di candidosi intestinale. In verità, nessuno studio ha dimostrato finora un collegamento tra candidosi e affaticamento, ma esistono almeno due motivazioni che possano spiegare questo sintomo.

Prima di tutto, la candidosi è spesso accompagnata da carenze nutrizionali come vitamina B6, acidi grassi essenziali e magnesio. E l’assenza di magnesio, si sa, causa proprio affaticamento.

In secondo luogo, le infezioni da Candida si verificano quando il sistema immunitario è debole e quindi ci si sente stanchi.

Quali sono le cause della Candida

Come si prende la candidosi vaginale

Sebbene si pensi che la prima causa di infezione siano i rapporti intimi, in realtà la candidosi vaginale non è considerata un’infezione a trasmissione sessuale come lo sono invece l’Hiv, le epatiti, la sifilide, l’Herpes genitale, la gonorrea e tante altre.

Annuncio pubblicitario

Le infezioni vaginali da Candida insorgono piuttosto a causa di fattori endogeni che, come abbiamo visto, alterano il pH e l’equilibrio della flora batterica.

E’ bene distinguere tra:

  • fattori predisponenti
  • fattori precipitanti.

Fanno parte della prima categoria, prima di tutto, gli estrogeni. In che senso? Durante la pubertà gli estrogeni in aumento facilitano la trasformazione della Candida dalla sua forma di spora, innocua, a quella di ifa, patogena.

Altro fattore predisponente è un’alimentazione ricca di zuccheri che garantisce alla Candida il nutrimento necessario per proliferare indisturbata.

Invece, si definiscono fattori precipitanti le terapie antibiotiche che indeboliscono la flora batterica lasciando alla Candida libertà di colonizzare tutto ciò su cui si appoggia.

Altri fattori di rischio che causano la predisposizione nelle donne a contrarre la Candida sono:

Annuncio pubblicitario
  • Gravidanza, in quanto a seguito di una maggiore secrezione estrogenica, l’ambiente vaginale è più ricco di glicogeno, polisaccaride usato dai microrganismi per nutrirsi.
  • Diabete mellito a causa dell’aumento di glucosio nella persona colpita.
  • Utilizzo di dispositivi intrauterini.
  • Somministrazione di contraccettivi ormonali.
  • Utilizzo di biancheria troppo stretta che può provocare un continuo sfregamento della mucosa e quindi favorire l’attecchimento della Candida o di indumenti sintetici che scaldano di più.
  • Stress.

Candidosi maschile: le cause

A differenza delle donne, negli uomini l’infiammazione da Candida può manifestarsi soprattutto a seguito di una cattiva igiene intima. Spesso gli uomini non retraggono correttamente il prepuzio lasciando sporco, sudore, detriti, batteri e altro lì dove si trovano.

Un altro motivo di trasmissione è la via sessuale. Sebbene, come abbiamo detto più volte, la Candida non sia una malattia sessualmente trasmissibile, è stato dimostrato che nel 50% dei casi i partner di donne affette da Candida presentano nel solco balano-prepuziale il microrganismo.

Questo probabilmente a seguito di lesioni o abrasioni da sfregamento che fanno penetrare la Candida più in profondità nella cute o attraverso la trasmissione di altri microrganismi che favoriscono la comparsa della stessa.

Tra i principali fattori di rischio descriviamo:

  • Uso di antibiotici.
  • Cattive abitudini alimentari.
  • Uso di corticosteroidi o chemioterapici che indeboliscono il sistema immunitario.
  • Diabete mellito di tipo 1 e 2.
  • Obesità.
  • Pazienti in dialisi o Hiv positivi.

Scopri candida in gravidanza: cause, diagnosi e cura.

Come si prendono le candidosi orale e della pelle

La candidosi orale si presenta di solito in pazienti immunodepressi o soggetti molto deboli come malati di leucemia, neonati prematuri, persone malnutrite o diabetici, Hiv positivi, pazienti che utilizzano corticosteroidi per via inalatoria come gli asmatici, oppure, persone che usano farmaci per la cura di malattie gravi come il cancro.

Annuncio pubblicitario

Tra i fattori che contribuiscono alla sua comparsa si segnalano:

  • Uso improprio di antibiotici.
  • Cattiva igiene orale soprattutto dopo avere usato corticosteroidi per via inalatoria.
  • Presenza di protesi dentarie, specialmente se non sono correttamente pulite.
  • Carenza di saliva nei soggetti sani, capace di difendere la bocca dagli attacchi di agenti patogeni. Mentre nei diabetici è il contrario, ossia proprio la saliva ricca di glucosio può portare alla formazione della candidosi.
  • Cattiva alimentazione o carenza di ferro, vitamina B12 e acido folico.
  • Fumo.

Fanno parte invece dei fattori che aumentano le probabilità di comparsa della Candida cutanea, ad esempio: cosmetici, saponi, creme idratanti e tutti quei prodotti che possono alterare le condizioni della pelle, in particolare le varietà antibatteriche.

Diagnosi

Diagnosi della Candida vaginale

Diagnosticare la Candida è abbastanza semplice, basta prestare attenzione ai sintomi assolutamente riconoscibili. Una volta che si è avuto il sospetto di avere una candidosi, è necessario rivolgersi al medico specialista che nel caso di infezione della vagina è il ginecologo, mentre nel caso di infezione del pene è l’urologo-andrologo.

Ma come avviene esattamente la diagnosi?

  1. Prima fase, uguale per uomo e donna, consiste nell’esame obiettivo, ossia nella valutazione dei sintomi e delle secrezioni.
  2. Seconda fase, anch’essa uguale per entrambi i sessi, prevede la valutazione dell’anamnesi del paziente, compresi eventuali precedenti, possibili cause e del tipo d’igiene personale.
  3. Terza fase che dura pochi minuti, prevede un prelievo differente tra uomo e donna della secrezione proveniente dalla zona infetta. Questo avviene, attraverso un tampone, simile ad un lungo cotton fioc, da inviare in laboratorio per le analisi. Lì sarà eseguito l’esame al microscopio ed eventualmente la coltura del microrganismo.
  4. Quarta fase, non sempre necessaria ma prescrivibile solo in casi gravi e per accertare eventuali infezioni sistemiche, include analisi del sangue e delle urine.

Le analisi delle urine sono molto importanti in quanto permettono di diagnosticare in fretta un’eventuale e probabile infezione delle vie urinarie.

L’esecuzione del tampone

A differenza delle altri fasi, la terza, ossia l’esecuzione del tampone vero e proprio, presenta chiaramente dei modi differenti tra uomo e donna.

  • Nella donna il prelievo avviene per mano del ginecologo. E’ un esame rapido e indolore che si fa con l’aiuto di uno speculum, il dispositivo medico in grado di tenere aperto l’orifizio vaginale, in modo da potere inserire il tampone. Con lo stesso, il medico tocca tutta la parete interessata dalla secrezione e infine lo ritira per porre il campione su un vetrino e in un contenitore che invierà in laboratorio. L’esame deve essere eseguito in assenza di ciclo mestruale.
  • Nell’uomo, il prelievo viene eseguito dall’urologo che dopo aver pulito l’orifizio uretrale con un pò di fisiologica, inserisce il tampone nella parte esterna del pene (meato uretrale) per circa 1-2 cm. Dopo di che gira il cotton fioc delicatamente per pochi secondi e in questo modo raccoglie il materiale necessario. Normalmente, l’esame viene eseguito di mattina a vescica piena da almeno 3 ore.

Le altre norme di preparazione al tampone prevedono di non avere assunto antibiotici e non avere usato disinfettanti intimi almeno nei 3 gg precedenti, di non avere avuto rapporti sessuali nelle 24 ore precedenti.

Annuncio pubblicitario

Diagnosi Candida orale e cutanea

La diagnosi della candidosi della bocca o della cute può essere fatta anche dal medico curante, che avendo effettuato l’esame obiettivo ne prescrive la cura.

Per esempio, quando l’infezione attacca la pelle, di solito lo fa nelle zone più calde e umide, come ascelle e inguine. Ed è li che si formano i segni classici tipici di una candidosi, perfettamente riconoscibili ad occhio nudo dal medico di medicina generale.

Altre volte, lo stesso ha bisogno di presidi come l’endoscopio, un tubo con una luce e una telecamera, necessario per visionare luoghi meno visibili come l’esofago.

Ed infine, in altri casi, per avere la certezza che si tratti di una candidosi è necessario effettuare, così come avviene nei genitali, un tampone che prelevi un piccolo campione dalla gola o dalla bocca da spedire in laboratorio.

Come si può guarire la Candida?

Sebbene la Candida sia tanto infettiva, la terapia solitamente è semplice da fare e molto efficace. Nel giro di qualche giorno, solitamente, i sintomi passano.

La cura sia nell’uomo che nella donna prevede l’uso di farmaci antimicotici, che hanno tempi di somministrazione differenti per andare incontro alle esigenze di tutti (dalla singola somministrazione fino a 6 giorni). In alcuni casi, più gravi, la cura può durare di più.

Annuncio pubblicitario

Trattamenti

I trattamenti posssono essere sotto forma di:

  • Crema al cortisone, da applicare direttamente sulla zona colpita dall’infezione.
  • Ovuli, candelette, tavolette, schiume e lavande, per le donne.
  • Pastiglia da assumere per via orale, come per esempio il fluconazolo o l’itraconazolo, se l’infezione ha colpito la vagina o il pene, oppure i derivati dell’imidazolo, come il clotrimazolo o l’econazolo, se le zone colpite sono bocca e cute. I farmaci vanno prescritti dal medico e a livello preventivo è consigliato assumere contemporaneamente dei fermenti lattici che aiutino a preservare l’intestino.

Durante il trattamento è necessario astenersi da rapporti sessuali di ogni genere, evitare l’uso promiscuo di asciugamani per le parti intime, lavare la biancheria intima in acqua molto calda (70-80° C) ed effettuare una corretta igiene con detergenti intimi non aggressivi.

Inoltre, è consigliabile far fare il trattamento anche al proprio partner per evitare l’effetto ping-pong.

Per quanto riguarda il trattamento del mughetto, candida orale, la terapia prevede:

  • Forme più lievi, l’utilizzo di specifici colluttori o risciacqui con soluzioni alcaline.
  • Forme più severe, l’uso di medicinali antimicotici per via sistemica per un periodo che può variare dai 7 ai 14 giorni.

Invece, la cura della candidosi cutanea si basa prevalentemente sulla somministrazione di antimicotici a uso topico come talco, creme e lozioni. In alcuni casi, questo non basta e il medico può decidere di prescrivere farmaci per via orale. 

Candida e rimedi naturali

Come abbiamo visto, curare la Candida può essere estremamente semplice o molto difficoltoso, dipende dal tipo di Candida, dalla zona colpita e dalla cura effettuata.

Oltre alle prescrizioni mediche, esiste un mondo fatto di rimedi naturali che per alcune forme di Candida, quelle più lievi, possono risolvere il problema, per altre, un po’ più gravi, risultano essere invece inutili.

Annuncio pubblicitario
  • Bicarbonato diluito in acqua tiepida e usato per fare i lavaggi esterni dei genitali rappresenta una soluzione fai-da-te economica e facile da fare.
  • Aglio: è un antifungino per eccellenza e può essere tritato su pasta e insalate oppure, per i più coraggiosi, sgranocchiato.
  • Infusi o le lavande a base di calendula, che ha proprietà lenitive, e oli essenziali come quello di palmarosa, che ha proprietà antisettiche.
  • Altro olio molto utile per fare lavande esterne è il tea tree oil, ossia l’olio dell’albero di tè che ha proprietà antimicotiche, utili a far regredire gli effetti provocati dalla Candida.
  • Infine, si consiglia l’uso di yogurt con probiotici, cioè con fermenti lattici in grado di ristabilire la flora batterica e il consumo di succhi di mirtillo, con proprietà antinfiammatorie.

Candida cosa mangiare e cosa no

Ci  sono alcuni cibi capaci di modificare la flora intestinale, favorendo l’infezione da Candida, come ad esempio, gli alimenti più ricchi di zuccheri semplici:  

  • dolci
  • latte
  • zucchero
  • miele
  • uva
  • fichi
  • cachi.

Mentre lo yogurt, il kefir e la verdura poco zuccherina come ad esempio: indivia, spinaci, finocchio ma anche zucchine, fagiolini verdi, pomodori ecc. possono aiutarti a prevenire questo disturbo.

Poi, esistono tre abitudini alimentari importanti da ripetere ogni giorno per scongiurare la Candida:

  • Evitare dolci e alcolici.
  • Mangiare spesso fibra per migliorare le funzioni intestinali.
  • Garantire una buona idratazione.

Complicazioni

Non tutte le diagnosi vengono fatte in tempo, così come non tutte le cure sono efficaci allo stesso modo. Ecco perchè sia le candidosi genitali che gastrointestinali e cutanee possono portare delle complicazioni.

Ad esempio, nelle donne, una semplice candidosi può diventare recidivante, il che vuol dire che può presentarsi di continuo e avere delle ripercussioni sullo stile di vita, compresa quella sessuale.

Invece, alcune delle possibili complicazioni dovute alla Candida maschile sono:

Annuncio pubblicitario
  • Stenosi, ossia il restringimento, del meato urinario e dell’uretra con difficoltà della minzione.
  • Incapacità di retrarre il prepuzio.

La candidosi invasiva

Tutte le forme di Candida finora descritte possono degenerare in una condizione sistemica detta candidosi invasiva.

Nello specifico si tratta di un’infezione grave che può colpire sangue, cuore, cervello, occhi, ossa e altre parti del corpo provocando diverse malattie. Le più comuni sono:

  • Candidemia, ossia un’infezione ematica che in molti casi porta a lunghe degenze in ospedale e alla morte.
  • Artrite da Candida, associata a dolore, rigidità, gonfiore delle articolazioni.
  • Infezioni ossee o osteomielite.

I sintomi più comuni di questo tipo di candidosi sono febbre e brividi, anche se trattandosi di pazienti già ammalati è molto difficile associarli immediatamente ad un’infezione da Candida.

Tra i pazienti più a rischio, c’è chi ha trascorso molto tempo nelle terapie intensive, ha un catetere centrale, chi ha subito un recente intervento chirurgico, chi ha ricevuto molti antibiotici. Oppure chi soffre di insufficienza renale o è in emodialisi o fa uso di droghe.

La candidosi invasiva solitamente non si trasmette da persona a persona, però visto che in molti di questi casi la Candida si trova sulla cute, è possibile infettare qualcuno che è già a rischio.

Il modo per diagnosticarla, oltre all’esame obiettivo, è senza dubbio il prelievo di un campione di sangue o di secrezione dal sito infetto, per poi effettuare un’analisi in laboratorio.

Annuncio pubblicitario

Il trattamento della candidosi invasiva dipende dall’età del paziente, dallo stato del sistema immunitario, dall’organo colpito e dalla sua gravità. In molti casi si inizia con una somministrazione per via endovenosa di antimicotici che può durare diverse settimane.

Candida e prevenzione: cosa è importante sapere

Come per molte patologie, anche per le candidosi, la prevenzione è la prima tappa per evitare l’infezione.

Le misure più importanti sono:

  • Fare attività fisica.
  • Evitare lo stress per non indebolire il sistema immunitario.
  • Seguire una dieta sana ed equilibrata evitando alimenti ricchi di zuccheri.
  • Includere probiotici nella dieta, come quelli presenti negli yogurt.
  • Mantenere il proprio peso nella norma.
  • Avere massima cura della propria igiene personale e orale, evitando saponi e detergenti aggressivi.
  • Togliere la dentiera di notte e pulirla bene.
  • Eseguire una corretta igiene orale.
  • Asciugarsi sempre bene dopo ogni lavaggio.
  • Per le donne, cambiare spesso proteggi slip e assorbenti.
  • Usare il preservativo nel caso uno dei due partner risultasse infetto.
  • Usare biancheria intima e indumenti di cotone, che surriscaldano meno rispetto a quelli sintetici.
  • Cambiare la biancheria intima o il costume dopo aver fatto sport o aver nuotato.
  • Assumere farmaci solo se necessari.
  • Evitare bagni troppo caldi.
Fonti
  1. Candidosi vulvovaginale: epidemiologia, microbiologia e fattori di rischio.
  2. Healthline.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo su Pinterest.

Annuncio pubblicitario
Paola Botte

Giornalista, videomaker, OSS e istruttrice di Krav Maga. Credo nel lavoro di squadra, nella forza del web, nella determinazione e professionalità.

Condividi
Pubblicato da

Recent Posts

Surimi: cos’è e com’è fatto, calorie, perché fa male, usi in cucina e ricette

Derivato da un’antica ricetta orientale, il surimi è una preparazione gastronomica, che richiede molti ingredienti.…

8 Dicembre 2021

Calamarata, un gustoso primo di mare della tradizione di Napoli

La calamarata è un particolare formato di pasta, assimilabile ai mezzi paccheri, condito tradizionalmente con…

8 Dicembre 2021

Zabaione, una crema dolce e profumata per i tuoi dessert

Lo zabaione è una preparazione base della pasticceria, aromatica e profumata, perfetta per arricchire i…

8 Dicembre 2021

Crema chantilly: ingredienti, ricetta e come farla

Golosa raffinatezza pasticcera di nobili origini francesi, la crema chantilly è una squisitezza versatile e…

3 Dicembre 2021

Sovrappeso: il programma di allenamento per dimagrire

Essere in sovrappeso vuol dire mettere in pericolo la tua salute, esponendoti ad un più…

3 Dicembre 2021

Sale iposodico: cos’è, valori nutrizionali, benefici, come usarlo, controindicazioni

Il sale iposodico non è altro che una tipologia di sale da cucina a basso…

3 Dicembre 2021