Ultime dalla cucina

Ramen: che cos’è, i condimenti e come prepararlo a casa

Annuncio pubblicitario

Quando si parla di ramen, automaticamente viene in mente l’iconica zuppa di spaghetti giapponese e le sue innumerevoli varianti che nel tempo sono state sperimentate e che hanno contaminato la ricetta tradizionale.

Che cos’è il ramen

Il ramen giapponese tradizionale è un pasto abbondante, nutriente e gustoso, composto da quattro ingredienti base: un brodo forte, un condimento, chiamato tare, i tagliolini per il ramen e uno o più condimenti, come pancetta di maiale, cipolline o uova.

Questa è la versione più semplice, ma è già molto lontana dalle preparazioni istantanee e scadenti che ormai è possibile trovare nei negozi alimentari o nei reparti etnici dei supermercati di tutto il mondo. Il ramen fatto in casa e preparato secondo la ricetta giapponese è un piatto salutare, equilibrato e buonissimo. Vediamo insieme le origini, gli ingredienti e la ricetta semplice da fare a casa.

Le origini del ramen

Questo piatto gustoso e conveniente ha la sua origine in Cina alla fine del XIX secolo nelle città portuali, sotto forma di noodle fatti a mano e cotti in brodo. La facilità di preparazione del piatto e il suo sapore sono stati fattori chiave per renderlo uno dei piatti più amati delle città marittime cinesi.

Dopo la seconda guerra mondiale, grazie alle truppe giapponesi che erano state di stanza in Cina, il piatto tipico del paese si fece strada in Giappone e negli Stati Uniti. Il resto è storia.

Nel giro di pochi anni, i giapponesi avevano modificato la ricetta base del ramen alterando la base liquida e aggiungendo dei condimenti proteici per migliorare il contenuto nutrizionale del piatto. Le vendite iniziarono a decollare e il ramen giapponese divenne uno dei piatti più amati e più venduti dagli ambulanti.

Annuncio pubblicitario

Il ramen giapponese si è trasformato nel tempo grazie alle contaminazioni culturali dei vari paesi. Ecco quindi una panoramica per saperne di più su questo piatto tipico giapponese.

Il brodo per preparare il ramen

Il modo più semplice per classificare il ramen è distinguere il brodo. Naturalmente, ci sono centinaia di varianti e creazioni regionali giapponesi, ma possiamo classificare quattro brodi per il ramen. In cosa differiscono l’uno dall’altro?

Ecco come capire la differenza.

  • Shio: è un brodo fatto con il pollo o frutti di mare insieme a un po’ di alghe. Il colore del brodo è estremamente chiaro, ha un sapore abbastanza salato e proviene dalla regione giapponese di Hakodate. Alcuni storici pensano che questa potrebbe essere la variante più antica.
  • Tonkotsu: è un brodo a lunga cottura ricco e torbido a base di ossa di maiale, grasso e collagene e originario di Kurume.
  • Miso: prodotto con pasta di fagioli fermentati, questo brodo piccante e ricco di noci non è diventato popolare fino all’inizio degli anni ’60 dopo aver ottenuto seguito a Sapparo.
  • Shoyu: una base di salsa di soia scura e saporita, originario di Tokyo ed è il brodo più comunemente usato.

Quali noodles scegliere?

I noodles freschi usati per preparare il ramen sono generalmente realizzati con: farina di frumento (occasionalmente uova), sale, acqua e kansui, un’acqua alcalina che conferisce ai noodles la loro leggerezza e gli permette di galleggiare nel brodo e dona il loro colore giallastro. 

Tuttavia, ci sono diversi tipi di noodle che variano per alcune caratteristiche: colore, forma e la percentuale effettiva di acqua utilizzata per produrli. Per questo motivo alcuni noodle sono più adatti con certi brodi. Ad esempio, i noodle ondulati funzionano meglio con brodi più leggeri come il miso, mentre i noodle dritti si abbinano meglio con il brodo tonkotsu, un brodo più grasso e pesante.

Se vuoi sperimentare una ricetta con queste tagliatelle tipiche, ti consigliamo di provare: noodles di zucchine con ragù bianco di seitan.

Annuncio pubblicitario

I condimenti

Per quanto riguarda i condimenti, ormai non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ci sono veramente migliaia di combinazioni di condimenti per il ramen, ma i più noti sono:

  • le uova: il condimento generalmente prevede un uovo sodo marinato in salsa di soia o l’uovo in camicia.
  • verdura: i condimenti vegetali tipici possono essere freschi o conservati. I condimenti di verdure fresche di solito includono scalogno giapponese, mais e funghi giapponesi. Quelli conservati sono kimchi (cavolo e ravanelli conditi), alghe, germogli di bambù e un tipo speciale di fungo.
  • carne: i giapponesi tendono a usare il maiale per condire il ramen. Prima viene arrostito in soia dolce o in un altro tipo di salsa e poi affettato con cura. Un altro modo per preparare il maiale è di tagliarlo a cubetti dopo averlo brasato. Anche il pollo, per una versione meno grassa e più leggera è molto usato.

Come preparare il ramen in casa?

La ricetta del ramen non è difficile, basta procurarsi tutti gli ingredienti che ormai sono facilmente reperibili in commercio e su Amazon.

La nostra ricetta è una versione semplice e facile da preparare, composta da: un brodo saporito, pollo arrosto, verdure fresche, noodles e un uovo. Ispirata al tradizionale ramen giapponese, ma pronta in meno di un’ora.

Scopri come preparare il ramen di pollo

Ramen

Porzioni 2 persone

Ingredienti

  • 2 petti di pollo con la pelle
  • pepe nero macinato fresco per condire
  • olio extravergine d'oliva q.b
  • 2 cucchiaini sesamo
  • 2 cucchiaini zenzero fresco
  • 1 aglio spicchio
  • 3 cucchiaini salsa di soia a basso contenuto di sodio
  • 4 brodo di pollo ricco tazze
  • 40 g funghi shitake secchi o 1/2 tazza di freschi
  • sale marino q.b
  • 2 uova grandi
  • 1/2 scalogno
  • 200 g noodles

Istruzioni

  1. Cuoci il pollo: preriscalda il forno a 180 c°. Condisci il pollo con sale e pepe. Cospargi con l’olio, una teglia adatta al forno, aggiungi il pollo, con la pelle rivolta verso il basso, e cuoci fino a quando la pelle non è dorata, circa 5-7 minuti. Gira il pollo e cuoci per altri 4-5 minuti, finché non diventa dorato. Trasferisci la padella nel forno e lascia cuocere per 15-20 minuti, finché il pollo non sarà cotto. Sforna, trasferire il pollo su un piatto e copri con la carta stagnola fino al momento di servire.
  2. Prepara il brodo di ramen: scalda l'olio in una pentola capiente a fuoco medio, aggiungi l'aglio e lo zenzero e cuoci per qualche minuto finché non si saranno ammorbiditi. Aggiungi la salsa di soia e mescola. Cuoci per un altro minuto. Aggiungi il brodo, copri e porta a ebollizione. Togli il coperchio e lascia sobbollire scoperto per 5 minuti, quindi aggiungi i funghi secchi. Cuoci a fuoco basso per altri 10 minuti e aggiusta di sale a piacere.
  3. Prepara le uova alla coque: riempi una pentola con l’acqua e copri le uova e porta a ebollizione. Immergi delicatamente le uova (ancora fredde di frigo) nell'acqua bollente e lasciare cuocere a fuoco lento per 7 minuti per ottenere un tuorlo morbido. Nel frattempo, riempire una ciotola grande con acqua ghiacciata. Trasferisci le uova nel ghiaccio per bloccare la cottura. Attendi almeno 5 minuti elimina il guscio e taglia l’uovo a metà.
  4. Nel frattempo, tritare lo scalogno. Taglia il pollo a pezzi sottili. Mettere da parte. Cuoci i noodles all'acqua bollente per 2-3 minuti, fino a renderli morbidi, quindi dividere gli spaghetti in due grandi ciotole. Aggiungere il pollo a fette e il brodo di ramen. Completare con lo scalogno fresco, il jalapeño e l'uovo sodo. Servite subito.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest.

Annuncio pubblicitario
Maura Pistello

Content editor e blogger di lifestyle e cucina, scrivo per il canale di ricette e bellezza. Sono specializzata nell'ideazione e redazione di ricette light a basso contenuto di grassi e zuccheri. Inoltre sono esperta di beauty, cura del corpo con particolare attenzione alla cosmesi biologica.

Condividi
Pubblicato da

Recent Posts

Topinambur al forno, un contorno veloce, sfizioso e leggero

Se sei alla ricerca di un contorno facile, veloce e appetitoso, prova i topinambur al…

23 Ottobre 2021

Cornetti fatti in casa, una golosità per la nostra prima colazione

I cornetti fatti in casa sono il dolce più amato della prima colazione all'italiana. Se…

23 Ottobre 2021

Papaya fermentata: cos’è, a cosa serve, benefici, modalità d’assunzione e controindicazioni

La papaya fermentata è un integratore alimentare di origine naturale ottenuto attraverso un processo di…

23 Ottobre 2021

Pilates: cos’è, come funziona il metodo, benefici, esercizi e allenamento matwork da eseguire a casa

Nel mondo, sono circa 11 milioni le persone che praticano il Pilates e molte star…

23 Ottobre 2021

Ipotiroidismo: che cos’è, cause, sintomi, diagnosi, trattamento e dieta

Tra le patologie legate alla ghiandola tiroidea, c’è l’ipotiroidismo, un disturbo che si manifesta quando…

22 Ottobre 2021

Cuore sano: fattori di rischio, alimenti, dieta e stile di vita per prevenire i problemi cardiaci

Vuoi un cuore sano? Comincia con il controllare quello che porti in tavola! Tra i principali…

22 Ottobre 2021