Ultime dalla cucina

Hosomaki: la ricetta del sushi fatto in casa

Annuncio pubblicitario

Hosomaki, una delle tante varianti dell’irrinunciabile sushi, delizia iconica dei ristoranti giapponesi – ma da anni anche delle nostre case. Un prelibato bocconcino di riso farcito con un solo ingrediente: salmone, tonno, avocado o cetriolo, rivestito dall’alga nera “nori”.

Un gioiello culinario da mangiare con le tipiche bacchettine, in giapponese “hashi”, dopo averlo insaporito con salsa wasabi o salsa di soia, senza mai bagnare il riso. E allora scopriamo cos’è l’hosomaki, come si prepara, la ricetta originale e la storia da conoscere!

Hosomaki: cosa sono e perché sono così squisiti

L’hosomaki è un piatto della cucina giapponese che ormai non ha più confini ed ha catturato anche i nostri gusti. Una ricetta nipponica che nell’ultimo ventennio ha saputo farsi apprezzare con squisite prelibatezze, contraddistinte da una sapiente e delicata arte di preparazione e presentazione.

Un’arte che simboleggia una tradizione, capace di catturare i nostri occhi prima ancora del palato. Per tale motivo una ricetta dell’hosomaki fatta bene deve anche presentarsi bene a tavola, visto che gli ingredienti sono davvero pochi (e di semplice abbinamento).

Una fantasia di colori esaltata dal bianco del riso, sistemato in impiattamenti originali, con l’abbinamento con pesce crudo, verdure, salse orientali. D’altronde si tratta di una delle pietanze più gettonate nel ricettario sushi, con sapori esaltati da accostamenti più che da aggiunte. Un piatto freddo da gustare in compagnia, sia a pranzo che a cena, assieme ad altre specialità… tutte da provare.

Hosomaki ricetta

Per un’ottima e sicura riuscita di questo piatto, la preparazione va eseguita in modo accurato ad iniziare dalla scelta degli ingredienti.

Annuncio pubblicitario
  • Il riso ideale per sushi è il riso nishiki che puoi trovare nei negozi specializzati in cucina orientale.
  • Il pesce crudo deve essere freschissimo ed abbattuto cioè congelato per almeno 96 ore alla temperatura di -18° in congelatore con 3 o più stelle, come previsto dalle linee guida del ministero della salute. È consigliabile la stessa procedura anche per il pesce semicotto.

Hosomaki

Porzioni 12 pezzi
Tempo di preparazione 35 minuti
Tempo Passivo 1 ora

Ingredienti

  • 120 g riso per sushi
  • 2 fogli di alga nori
  • 65 g salmone
  • wasabi q.b.
  • salsa di soia q.b.
  • sale q.b.
  • acqua q.b.

Istruzioni

  1. In una ciotola capiente lava il riso con acqua fresca, cambiandola più volte finché non risulta limpida; poi lascia a bagno per 1 ora. Scola il riso e fallo riposare per 5 minuti.
  2. Ora in una pentola dai bordi alti poni acqua e riso in pari proporzioni, copri e metti sul fuoco. Quando inizia a bollire, con un mestolo di legno mescola bene il riso: cuoci per circa 10 minuti a fiamma medio-bassa. Il riso dovrà risultare compatto e al dente.
  3. Travasa in una pentola d'acciaio e copri con un panno di carta - meglio se umido - mentre preparerai il pesce.
  4. Ora inizia a preparare il pesce, nel nostro caso il salmone (ma per il tonno si procede allo stesso modo); puliscilo da qualsiasi impurità, lisca o pelle. Taglialo a striscioline spesse circa 1 cm e lunghe anche 20 cm - dipende da quanto è grande il pesce. Eventualmente si possono avvicinare più strisce in lunghezza.
  5. In seguito rivesti di pellicola trasparente il makisu, l'apposito tappetino di bambù a bastoncini di legno; ne esistono anche in silicone, necessario per dare forma e compattezza agli hosomaki.
  6. Iniziando dal bordo verso di te, stendi sul makisu il foglio di alga nori, con la parte lucida verso il tappetino; poi con le mani inumidite di acqua acidulata prendi una quantità di riso cotto, circa 60 grammi, e stendilo bene, controllando che rimanga un bordo libero di alga e lo spessore del riso non sia troppo alto.
  7. Con il dito prendi una punta di wasabi e stendine una striscia al centro del riso; sopra poni, per tutta la lunghezza, la striscia di pesce che hai preparato.
  8. Tenendo fermo il pesce con gli anulari, inizia a far ruotare ed avanzare il tappetino facendo in modo che la striscia scoperta di alga riesca a sigillare il tutto: l'umidità del riso servirà da collante. Se non bastasse, puoi inumidire l'alga.
  9. Dai forma in lunghezza al rotolo all'interno del tappetino e, quando è ben modellato, srotola il makisu.
  10. Poni l'hosomaki sul tagliere e taglialo a metà con un coltello ben affilato; affianca i due pezzi e ricava tre cilindretti da ciascuno.
  11. Impiatta con cura e servi con ciotoline di wasabi e salsa di soia - puoi aggiungere anche dello zenzero marinato. Se non lo consumi subito ponilo in frigorifero.

Recipe Notes

  • In caso non reperissi l'alga nori, l'hosomaki si può realizzare anche utilizzando una sottile frittata o carta di riso (o soia),oppure con foglie di shiso.

  • Ottima è anche la versione vegetariana con avocado o cetriolo, ai quali togliere tutti i semi e tagliandoli in lunghezza.

L’hosomaki in diete e menù

L’hosomaki è un piatto che si può gustare con serenità, visti i numerosi benefici che i suoi ingredienti apportano. L’elemento principe è il riso: un carboidrato complesso adatto anche a chi soffre di celiachia, che crea facilmente un senso di sazietà e, visto il modo di cottura, è senza grassi.

Il pesce, per lo più crudo, è ricchissimo di omega 3 che prevengono l’invecchiamento cellulare e lo svilupparsi di malattie oncologiche e cardiocircolatorie.

Gli hosomaki sono una bontà da gustare serenamente: contengono dalle 15 kcal alle 40 kcal per pezzo in base agli ingredienti.

Space Home - Tappetino per Sushi - Tovaglietta per...
  • Qualità premium: Tovaglietta perfetta per preparare secondo la tradizione giapponese ogni tipo di...
  • Listarelle di bambù ben strette per evitare la fuoriuscita di chicchi di riso o semi di sesamo.
  • Aggiungere al centro il ripieno, inumidire il bordo dell'alga e arrotolare la stuoietta fino a...

Proprietà nutrizionali e valori

La presenza del riso

In questa ricetta è fondamentale il riso, un cereale molto importante per la nostra salute. Buono e versatile in cucina è ricchissimo di sali minerali e vitamine A, del gruppo B, E, K, J. E’ inoltre un’importante fonte di manganese: una tazza fornisce l’80% del fabbisogno giornaliero di questa preziosa sostanza.

Un alimento altamente digeribile con la capacità di riequilibrare le funzioni intestinali perché ricco di fibre e amido. Contrasta il colesterolo cattivo ed è protettore del colon, abbassando il rischio di patologie oncologiche legate a questo organo. Contiene, inoltre, niacina, meglio nota come vitamina B3, una sostanza difensiva dell’apparato cardiocircolatorio e gastrointestinale.

Il salmone: non solo omega 3

La ricetta classica dell’hosomaki prevede il salmone, un pesce dalla carne molto nutriente. Presenta un alto contenuto di vitamine A e D, selenio, potassio e omega 3. Questi ultimi sono delle sostanze preziose per il nostro organismo e vengono considerati “grassi buoni”: aiutano a rallentare il processo di invecchiamento del nostro corpo, a prevenire alcune gravi patologie come i tumori e a combattere l’osteoporosi.

Secondo gli ultimi studi, il salmone ha la capacità di proteggere anche il cuore e l’intero sistema cardiovascolare. Il consumo di questo alimento permette di migliorare i livelli del colesterolo sierico aiutando l’organismo ad eliminare i lipidi che si accumulano nei vasi sanguigni. Ripara i tessuti e regola la pressione arteriosa grazie all’azione combinata dell’alta percentuale di potassio contenuta nelle sue fibre.

Annuncio pubblicitario

Gli omega 3 sono i “grassi buoni” della salute, preziosi per il sistema cardiocircolatorio e per tutto il nostro organismo. Contribuiscono per esempio a migliorare le funzioni cognitive, a migliorare i sintomi di ansia e depressione. Questa caratteristica è attribuibile agli Omega 3 che agiscono in sinergia alla vitamina B12, al selenio e alla colina; un elemento da inserire nella dieta degli adulti ma soprattutto dei ragazzi, per aiutarli a mantenere la concentrazione e il cervello sempre “attivo”.

Un alimento consigliato anche alle donne in dolce attesa o alle neo mamme durante l’allattamento. Soprattutto se consumato in gravidanza, il salmone cotto aiuta a rafforzare lo sviluppo cerebrale del feto e uno dei motivi principali è dato dall’elevata quantità di DHA (un acido grasso polinsaturo) al suo interno.

Offerta
Sushi Maker Kit, 10 Pezzi Kit Sushi Completo...
  • 【Sushi Making Kit 10Pcs】:Sushi kit viene fornito con 1 * spatola non appiccicosa, 1 *...
  • 【Materiali per alimenti】:I set per la preparazione di sushi sono realizzati con materiali di...
  • 【Facile da iniziare】:Vieni con manuale dell'inglese, aggiungi prima il nori sulla base dello...

Hosomaki? Dal Giappone “con furore”

L’hosomaki, letteralmente “rotolo stretto”, è una delle varie specialità di sushi giapponese. Ma cosa significa “ricettario sushi”? Facendo un paragone: in Italia si può scegliere fra tanti tipi di pasta con vari condimenti; nella cucina giapponese si può scegliere tra molti tipi di sushi, e ad ogni preparazione a base di riso corrisponde un nome come “hosomaki”, “nigiri”, “temaki” e tanti altri.

L’esportazione nel mondo del sushi, e quindi anche dell’hosomaki, risale al dopoguerra, quando i confini commerciali si sono via via aperti e le persone hanno iniziato a spostarsi di paese in paese esportando prodotti, attività e tradizioni. In Italia il boom capillare della cucina giapponese si è avuto nell’ultimo ventennio.

La storia del sushi e dei suoi piatti nasce nel XVIII secolo per le vie di Tokyo, allora chiamata Edo. Era infatti un cibo di strada che si poteva acquistare in una delle numerose bancarelle per le vie della città. Si narra che il primo venditore a dare la tipica forma allungata al riso coperto da pesce marinato fu Hanaya Yohei e da lui si idearono poi molte altre preparazioni, tutte da consumare in un solo boccone.

Nell’antica origine il sushi, che significa “aspro”, era il riso cotto che fungeva da vasca per conservare il pesce pulito e salato. Il riso fermentato, che veniva poi gettato, produceva un’acidità ottima per mantenere i cibi. Solo successivamente si iniziò a nutrirsi di questo riso, apprezzandone il gusto; tanto da pensare una ricetta che abbreviasse i tempi di preparazione miscelando il riso cotto con aceto di riso e servendolo coperto da filetti di pesce.

Annuncio pubblicitario

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo su Pinterest!

Annuncio pubblicitario
Emanuele Di Baldo

Giornalista e speaker radiofonico, appassionato di SEO e informatica ed esperto di food e cucina.

Condividi
Pubblicato da

Recent Posts

Ipotiroidismo: che cos’è, cause, sintomi, diagnosi, trattamento e dieta

Tra le patologie legate alla ghiandola tiroidea, c’è l’ipotiroidismo, un disturbo che si manifesta quando…

22 Ottobre 2021

Cuore sano: fattori di rischio, alimenti, dieta e stile di vita per prevenire i problemi cardiaci

Vuoi un cuore sano? Comincia con il controllare quello che porti in tavola! Tra i principali…

22 Ottobre 2021

Latte di mandorla: cos’è, proprietà, benefici, usi in cucina e la ricetta per farlo in casa

Lo sapevi che il latte di mandorla non è un vero e proprio latte? Si…

22 Ottobre 2021

Besciamella, la ricetta infallibile della salsa con burro e farina

La besciamella è una delle preparazioni base della cucina. Una salsa a base di burro,…

20 Ottobre 2021

Latte: cos’è, valori nutrizionali, benefici e controindicazioni, vari tipi di latte animali e vegetali, ricette

Il latte alimentare, secondo la legge, è il liquido bianco che si ottiene dalla mungitura…

20 Ottobre 2021

Cornetti fatti in casa, una golosità per la nostra prima colazione

I cornetti fatti in casa sono il dolce più amato della prima colazione all'italiana. Se…

20 Ottobre 2021