CONDIVIDI

Le melanzane sott’olio fatte in casa sono la ricetta perfetta da preparare a settembre per avere una scorta gustosa di verdure pronte da consumare nei mesi successivi.  Se hai un orto che quest’estate ti ha regalato tante melanzane, preparare una conserva di melanzane sott’olio è la soluzione ideale per non rischiare di doverle buttare. In generale, fare da solo le tue conserve, magari comprando le verdure a km zero direttamente dai produttori al mercato se non hai l’orto, è un modo per sapere sempre cosa hai nel piatto e mangiare sano, oltre che sicuro: potrai decidere tu quali ingredienti usare, avrai la certezza di portare in tavola un prodotto tutto naturale e, se segui i nostri consigli per preparare le tue conserve in sicurezza (sterilizzazione dei barattoli, procedure per creare il sottovuoto), non correrai alcun rischio di contaminazione batterica.

I benefici nutrizionali delle melanzane

Le melanzane sono tra le verdure più ricche di acqua (ben il 92%) e questo, insieme all’alto contenuto di sali minerali come il potassio e alla scarsa presenza di sodio, le rende diuretiche, depurative e utili per contrastare la ritenzione idrica.

Sono anche una fonte di antiossidanti, le antocianine – responsabili della loro colorazione viola -, che contrastano gli effetti negativi dei radicali liberi proteggendoti da invecchiamento cellulare, infiammazioni e malattie cardiovascolari.

Sai che le melanzane sono anche delle alleate che ti aiutano a sentirti più sazio, quindi a mangiare di meno? Il merito è delle fibre, ma soprattutto del loro gusto amaro, che non tutti apprezzano e che invece ha la capacità di stimolare degli speciali recettori, presenti nell’intestino, che inviano al cervello stimoli chimici in grado di inibire l’appetito e aumentare l’effetto sazietà. In questo modo, il tuo organismo “saprà” che hai mangiato a sufficienza e, non sentendo più lo stimolo della fame, riuscirà a controllarsi a tavola. Un bell’aiuto per non esagerare con questo piatto, gustoso ma un po’ calorico, che quindi è importante consumare con moderazione.

I consigli del nutrizionista

Lo conferma Luca Piretta, medico nutrizionista di Melarossa: “La presenza di olio ricarica l’apporto calorico delle verdure. E’ necessario, quindi, sgocciolare bene le melanzane prima del consumo, evitare l’olio nel resto del pasto (per chi è a dieta) e non mangiarle più di 1-2 volte alla settimana“.

50 g rappresentano la porzione ideale da gustare come antipasto oppure per accompagnare un secondo piatto, anche se, precisa ancora Piretta, le melanzane sott’olio non devono essere considerate un sostituto del classico contorno di verdure fresche, ma un gustoso sfizio da concedersi una volta ogni tanto.

Scopri come preparare a casa le melanzane sott’olio

Ingredienti per 3 barattoli medi (da 250 g):

  • 500 g di melanzane tonde
  • 350 ml di aceto di vino bianco
  • 350 ml di acqua
  • 3 spicchi di aglio
  • olio extra vergine d’oliva q.b.
  • sale grosso q.b
  • menta o prezzemolo freschi
  • peperoncino

Preparazione:

Inizia con lo sterilizzare i vasetti: poni sul fondo di una pentola capiente un canovaccio pulito.

Poggia i vasetti e i tappi sul fondo della pentola, sopra il canovaccio. Poni un altro canovaccio tra i vasetti in modo che questi non si urtino tra loro durante la cottura, rompendosi.

Riempi la pentola e i vasetti con acqua fredda e lascia bollire a fuoco basso per circa 30-35 minuti, poi spegni il fuoco e lascia raffreddare tutto.

Estrai i vasetti e mettili ad asciugare capovolti su un canovaccio pulito.

ricetta melanzane sott'olio

ricetta melanzane sott'olio

 come conservare le melanzane

Lava accuratamente le melanzane, sbucciale aiutandoti con un pelapatate, tagliale a fette dello spessore di 3 mm circa e poi a bastoncini. Metti le melanzane in uno scolapasta capiente sovrapponendo le fette e aggiungendo del sale grosso ad ogni strato. Copri le melanzane con un piatto, poni un peso sopra, in modo che il liquido di vegetazione venga eliminato. Lascia riposare per circa 5-6 ore, poi strizzale accuratamente dall’eventuale liquido di vegetazione residuo.

Porta a ebollizione l’acqua con l’aceto, al bollore immergi le melanzane e cuocile per 1 minuto circa.

conserva di melanzane sott'olio

Scolale accuratamente, se necessario strizzale delicatamente e lasciale raffreddare su un canovaccio pulito.

conserva di melanzane sott'olioSbuccia l’aglio e taglialo a pezzetti, lava e asciuga le foglie di menta (o di prezzemolo), se usi il peperoncino intero taglialo a pezzetti.

come preparare le melanzane sott'olio

Riempi i barattoli sterilizzati con uno strato di melanzane, aggiungi qualche pezzetto di aglio, qualche fogliolina di menta e del peperoncino e continua a riempirli con le melanzane, alternando con aglio, menta e peperoncino e lasciando un paio di centimetri dal bordo. Premi bene per non far formare bolle d’aria all’interno del vasetto e assicurati che non ci siano spazi vuoti all’interno. Riempi i barattoli di olio, fino a ricoprire completamente le melanzane. Chiudi il tappo di ogni barattolo. Ora porta al bollore di nuovo una pentola con acqua, sul cui fondo sarà stato disposto un canovaccio pulito, immergi i vasetti e lasciali bollire per circa 20 minuti .Togli dall’acqua i vasetti e ponili a raffreddare. Aspetta almeno una settimana prima di consumare le melanzane, in modo che si insaporiscano bene, e conservale in un posto fresco e asciutto, possibilmente al buio.

N.B: Prima di consumarle verifica che il sottovuoto sia avvenuto correttamente: aprendo il barattolo sentirai un rumore secco, se non lo senti e in superficie si sono formate muffe o bollicine d’aria, non consumare il prodotto. Consulta sempre le linee guida ufficiali del Ministero della Salute sulle conserve fatte in casa.

melanzane sott'olio a fette

Commenti
CONDIVIDI
Sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. All'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.