Annuncio pubblicitario

I lupini: i legumi ricchi di proteine, amici della dieta vegetariana

I lupini, rispetto agli altri legumi, hanno un forte apporto di proteine, che li rende importanti in una dieta vegetariana come alternativa alla carne. Tra tali nutrienti spicca la conglutina-gamma con effetto ipoglicemizzante, molto utile per chi deve controllare la propria glicemia i cui picchi sono ridotti grazie pure alla cospicua dose di fibra solubile presente che rallenta l’assorbimento dei carboidrati e che si oppone alla stitichezza. L’assenza di glutine rende poi i lupini un alimento ideale per gli intolleranti e i celiaci.

Vitamine, minerali, Omega 3

Nei legumi ci sono poi i grassi buoni Omega 3 e 6, importantissimi contro l’invecchiamento cellulare, impegnati a ridurre il colesterolo cattivo nel sangue e a scansare l’ipertensione, con complessivi effetti positivi sul cuore.
Tra le vitamine, in prima linea la B9 e la B1, rilevanti per la buona funzionalità del metabolismo. Sul fronte minerali, non manca il ferro che tra le sue tante qualità oltre a trasportare l’ossigeno ai muscoli mantenendo al meglio le loro prestazioni, interviene nella sintesi dei neurotrasmettitori come la serotonina: ciò vuol dire
maggiore energia e resistenza allo stress, migliore umore e concentrazione.

Controllare il peso

I lupini saziano e possono essere partner rilevanti in diete ipocaloriche poiché stoppano il senso di fame. Loro stessi apportano in 100 g un carico calorico non eccessivo, 114 kcal. Bisogna tuttavia prestare attenzione alle porzioni, mai esagerando (anche perché hanno pure effetto lassativo): di solito non si devono
superare i 100 grammi
nella versione ammollata e i 30 per quanto riguarda quelli secchi.

Se vuoi saperne di più sui lupini ti consigliamo di leggere il nostro approfondimento: lupini: proprietà nutrizionali, benefici e idee per gustarli.

Annuncio pubblicitario

I lupini in cucina

I lupini hanno un gusto leggermente acido e in cucina possono essere usati in vari modi, per farcire insalate come le olive, come stuzzichini all’ora dell’aperitivo, messi nelle zuppe miste, ridotti in poltiglia per preparare polpette vegetariane.

Le curiosità

I lupini secchi devono essere messi in ammollo per almeno 4 giorni, cambiando l’acqua spesso, ogni 12 ore. Vanno poi bolliti per 20 minuti, al fine di neutralizzare con il calore le sostanze amare e tossiche contenute, come la lupo-tossina, che potrebbero fare molto male, con vomito, febbre e valori alterati della pressione.
Attenzione a chi soffre di allergie e lenticchie, fagioli, arachidi: anche i lupini potrebbe provocare diarrea e male di pancia.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest.

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Maura Pistello

Maura Pistello

Content editor e blogger di lifestyle e cucina, scrivo per il canale di ricette e bellezza. Sono specializzata nell'ideazione e redazione di ricette light a basso contenuto di grassi e zuccheri. Inoltre sono esperta di beauty, cura del corpo con particolare attenzione alla cosmesi biologica.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario