Annuncio pubblicitario

Il nocino, il liquore delle streghe: la ricetta secondo la tradizione

Secondo la leggenda, nella notte di San Giovanni, tra il 23 e il 24 giugno, le streghe dirette a Benevento per il sabba annuale si riunivano proprio sotto un albero di noci. Raccoglievano le foglie e i frutti acerbi per le loro pozioni magiche e con i rami dell’albero costruivano scope volanti.

Per questo motivo, il noce è stato per molti anni considerato “l’albero delle streghe”, temuto dai contadini per l’effetto malefico sul raccolto. Grazie alle noci, si preparava una mistura “miracolosa” usata nel Medioevo come digestivo, antimicotico, antibatterico e antiparassitario. Quindi, una bevanda così preziosa ha attraversato i secoli e la sua ricetta si è trasmessa nelle famiglie di generazione in generazione.

La raccolta delle noci

Secondo la tradizione, le noci, quelle acerbe, ancora ricoperte dal mallo, vanno raccolte dalle donne a mani e a piedi nudi, proprio la notte di San Giovanni (fino al 29 giugno al massimo). Però, la raccolta deve avvenire prima che si coprano di rugiada e dopo che hanno accumulato il calore del sole.

Le noci vanno poi messe in un contenitore a macerare nell’alcool, fino alla notte dei morti, cioè il 31 ottobre.

Questo liquore, dal colore bruno e dalla consistenza densa è un ottimo digestivo.

Benefici delle noci

Tra la frutta a guscio, le noci sono quelle con la maggiore percentuale di  polifenoli, composti antiossidanti che, insieme a una grande quantità di vitamina E, riescono a porre un freno al deterioramento e all’invecchiamento cellulare.

Annuncio pubblicitario

Notevole la rappresentanza di minerali:

  • potassio
  • calcio
  • magnesio
  • ferro
  • zinco
  • fosforo.

Questi minerali aiutano a contrastare pressione alta e aritmie e danno una mano a ossa, denti e sistema muscolare a mantenersi in salute. Tutti questi componenti, insieme al triptofano, sono anche in grado di migliorare l’umore.

Inoltre, lo zinco irrobustisce il sistema immunitario, mette ko i radicali liberi ed è necessario per rimarginare le ferite e contrastare infiammazioni della pelle come l’acne.

Scopri benefici, calorie e valori nutrizionali delle noci.

nocino: ricetta tradizionale

Nocino : la ricetta originale e le dosi

Le noci ancora morbide si mettono a macerare nell’alcool con delle spezie a piacere:

Annuncio pubblicitario
  • scorza di limone
  • chiodi di garofano
  • chicchi di caffè
  • cannella
  • basilico, ecc.

Ogni famiglia in genere ha la sua ricetta segreta che si tramanda nel tempo.

Al termine della macerazione si può aggiungere l’acqua (in alcune regioni si usa il vino bianco) per abbassare il grado alcolico. La bevanda poi va messa a riposo almeno fino a Natale.

Ingredienti

  • noci verdi (24 secondo la tradizione)
  • 1 litro di alcool a 95° per uso alimentare
  • 6 chiodi di garofano
  • 1 stecca di cannella (o sei chicchi di caffè)
  • scorze di un limone
  • mezzo litro di acqua
  • 500 g di zucchero
  • 6 chicchi di caffè.

Scopri come preparare il nocino.

Ti è piaciuto il nostro articolo ? Condividilo su Pinterest.

Nocino: la ricetta originale

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Ivana Barberini

Ivana Barberini

Ivana Barberini è redattrice, documentarista, autrice e supervisore redazionale. Si occupa in particolare di editoria scientifica. Scrive per alcuni magazine on line e cura l’editing di libri e siti internet.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario