Annuncio pubblicitario

Lo smog indebolisce le ossa e aumenta il rischio di osteoporosi

Lo smog è nemico della salute delle ossa. Uno studio condotto dai ricercatori del Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal) su oltre 3.000 persone in India ha infatti rivelato che l’inquinamento le indebolisce e aumenta il rischio di osteoporosi.

Inquinamento e massa ossea: c’è un legame

La ricerca, condotta nell’ambito del Progetto CHAI (Cardiovascular Health Effects of Air Pollution in Telengana, India), guidato da ISGlobal e pubblicato su Jama Network Open, ha analizzato l’associazione tra inquinamento atmosferico e salute delle ossa in oltre 3.700 persone provenienti da 28 villaggi fuori dalla città di Hyderabad, nell’India meridionale.

I ricercatori hanno confrontato la qualità di massa e densità ossea dei partecipanti con i livelli di inquinamento medi delle rispettive aree di residenza. Sotto esame, in particolare, i livelli di polveri sottili (il particolato fine di diametro di 2,5 pm o minore) e di nerofumo. Gli autori hanno utilizzato un modello localmente sviluppato per stimare l’esposizione dell’area esterna all’abitazione all’inquinamento atmosferico. Hanno inoltre chiesto ai partecipanti di compilare un questionario sul tipo di combustibile usato per cucinare. I ricercatori hanno quindi collegato queste informazioni con la salute delle ossa utilizzando uno speciale tipo di radiografia che misura la densità ossea. Sono state effettuate misurazioni nella colonna lombare e nell’anca sinistra.

Annuncio pubblicitario
smog indebolisce ossa

I risultati hanno mostrato che l’esposizione all’inquinamento dell’aria, in particolare alle particelle fini, molto al di sopra dei livelli massimi raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità, era associata a livelli più bassi di massa ossea. I ricercatori non hanno invece individuato alcuna correlazione con l’uso del combustibile da biomassa per cucinare.

“Questo studio contribuisce a colmare un vuoto nella ricerca su inquinamento e salute delle ossa – sostiene Otavio Ranzani, primo autore del lavoro – L’inalazione delle particelle inquinanti potrebbe portare alla perdita di massa ossea per stress ossidativo e infiammazione causati dallo smog“.

“I nostri risultati indicano che le polveri sottili sono rilevanti per la salute delle ossa a diversi livelli di inquinamento, incluse le concentrazioni che si trovano normalmente nei paesi occidentali”, ha aggiunto Cathryn Tonne, coordinatore dello studio e del progetto CHAI.

Fonte: Ansa

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Tiziana Landi

Tiziana Landi

Laureata in Scienze della Comunicazione, sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. Sono esperta di cucina light e alimentazione sana e all'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario