Home Nutrizione Alimenti dalla A alla Z I peperoni, alleati della tua dieta e della tua salute

I peperoni, alleati della tua dieta e della tua salute

CONDIVIDI
scopri i benefici del peperone

Rossi, gialli, verdi, i peperoni sono comunque un concentrato di gusto e proprietà benefiche... altro che integratori vitaminici!

Regalo di benessere d’Oltreoceano

Ne sanno qualcosa le nostre nonne, i peperoni sono tra i più tipici ortaggi della tradizione culinaria mediterranea. Ma se quelli – i più buoni – che troviamo in negozio sono made in Italy, questo ortaggio in realtà approdò in Europa solo nel XVI secolo, importato dall’America centro-meridionale e originariamente conosciuto come “pepe del Brasile”. Molto Oltreoceano-style del peperone è il suo essere un autentico concentrato di proprietà benefiche, neanche fosse una pillolina multivitaminica creata a bella posta in laboratorio, di quelle che negli Usa mandano in visibilio star e comuni mortali. Lui, però, per la gioia delle buone forchette, è tutt’altro che inodore e insapore…

Composizione nutrizionale del peperone

Passiamo ai numeri per essere concreti e distinguiamo tra le tre differenti varietà di colore dei peperoni, anche se le caratteristiche principali rimangono grosso modo le stesse e come si casca si casca bene.

  • Partiamo dal verde: per 100 g che se ne mangiano, 93,89 sono di acqua, 4,64 di carboidrati, 1,7 di fibre; per un totale di sole 20 kcal e con l’apporto di 175 mg di potassio, 0,34 mg di ferro e 388 mg di vitamina A e 80, 4 di vitamina C.
  • Per quel che riguarda il giallo, su 100 g di verdura, ne abbiamo 92,3 di acqua, 4,2 di carboidrati, 1,9 di fibre. Con appena 22 kcal immagazziniamo 210 mg di potassio, 0,7 mg di ferro, 139 mg di vitamina A e 151 di vitamina C, e, anche qui, scusate se è poco.
  • Per finire, diamo i numeri anche del peperone rosso, il vero peso massimo della vitamina C: di 100 g, 91,5 sono di acqua, 6,7 di carboidrati, 1,9 di fibre. Un solo etto di prodotto contiene 210 mg di potassio, 0,7 mg di ferro, e - un record! - 424 mg di vitamina A e 166 di vitamina C. Il tutto per 31 misere kcal.

Il potere tricolore

Verde-giallo-rosso non è la versione rivisitata della bandiera italiana, ma la triplice varietà cromatica nella quale trovi il ricco peperone quando vai a fare la spesa. In tutte e tre le colorazioni il nostro ortaggio ama essere baciato dal sole e infatti – nostrano – è in commercio da aprile a ottobre. Indipendentemente dal colore della pelle, con il freddo non è compatibile e, come per gli altri frutti della terra suoi compagni di stagione, anche il peperone sembra fatto davvero apposta per regalare kit di benessere e bellezza particolarmente adatti per i mesi più caldi. Scopriamoli, esplorando le peculiarità dei differenti colori.

Verde depurante

Quello verde non è una varietà. Il peperone di questo colore sarebbe diventato giallo o rosso, se non fosse stato raccolto in anticipo, ancora non del tutto maturo. Perfetto per peperonate e insalate, ha un gusto lievemente più pungente e, anche per l’elevatissima concentrazione di acqua e le pochissime calorie, ha il maggiore potere depurante.

Giallo antiossidante

Ottimo sia crudo che cotto, il peperone giallo è il più tenero e succoso. Il suo colore si deve alle elevate quantità di betacarotene, che è un potente antiossidante. Il tuo organismo, poi, sa convertire questa sostanza in vitamina A e riutilizzarla per moltissime funzioni. Tra le altre, il metabolismo del ferro e il sano mantenimento di pelle, vista e sistema immunitario. Decisamente più frivolo, ma molto interessante - specie d’estate – il contributo che il betacarotene offre alla tintarella. Provare per credere!

Rosso vitaminico

Il peperone rosso è proprio il campione delle vitamine. Batte tutti, sia i suoi colleghi ortofrutticoli del gruppo dei rossi (che per l’alta concentrazione di vitamina C sono famosi), sia gli omologhi verdi e gialli, che pure in quanto a vitamine non scherzano per niente. Per rendersene conto, sia sufficiente ricordare che il fabbisogno medio europeo di vitamina C è di 90 mg al giorno per gli uomini e 80 mg per le donne e 100 g di peperone rosso ne contengono 166 mg. Anche come vitamina A sbaraglia i rivali. In più, con la sua polpa croccante, spessa e zuccherina, è il più saziante, ideale in pinzimonio e cotto alla brace.

Le proprietà benefiche del peperone

Rassodante, antiossidante, abbronzante… un trattamento di bellezza da morsi: sembra lo slogan promozionale di una beauty farm, invece è semplicemente l’elenco – effettivamente quasi miracoloso - delle proprietà del peperone, un ortaggio comunissimo eppure decisamente buono. Nessuna esagerazione. Vitamina C e provitamina A (e abbiamo ampiamente ribadito quante ne contengano i peperoni) sono potenti antiossidanti con ricadute tangibili sulla salute: in primis proteggono e prevengono da invecchiamento precoce, tumori e malattie cardiovascolari, poi offrono concreti effetti rassodanti, donano elasticità e luminosità alla pelle, agevolano l’abbronzatura, proteggono da raffreddori, influenze e malanni stagionali vari. Come se non bastasse, la notevole quantità e qualità di fibre presenti nei peperoni li rende tra le verdure più interessanti dal punto di vista dietetico.

Trucchi per labbra morbide

Un rimedio l’abbiamo anche per gli oltranzisti, quelli che i peperoni non si accontentano di mangiarseli, ma li vogliono persino addosso. Dedicato a loro un trucchetto fai da te – naturalmente 100% a base dell’ortaggio preferito - per avere labbra morbide e rosa: basta cospargerle sera e mattina, con regolarità, con il succo di peperone. E macchie e segni scuri saranno un brutto ricordo.

Problemi di digestione

Quella di essere indigesti è una cattiva fama difficile da raddrizzare per i peperoni. Se ci si mette pure il regista più acclamato del momento, Paolo Sorrentino, a far dire al protagonista de “L’amico di famiglia” che “i peperoni dopo i trent’anni sono come l’uranio impoverito”, diventa addirittura una missione impossibile. Eppure in gran parte è una leggenda. In realtà, la sostanza difficile da digerire è la capsicina, che si trova soprattutto sulla buccia del peperone. Quindi, per azzerarne (quasi del tutto) le controindicazioni, basta mangiare i nostri eroi privati della buccia, possibilmente evitando anche i semi, che sono piccanti e un po’ irritanti.

Melarossa, per accontentare tutti, ha scelto per te delle ricette con peperoni da provare:

Pesto di peperoni e nocciole

Pizza con peperoni e olive

Coniglio ai peperoni

Zuppa fredda di pomodoro con peperoni

Involtini di peperoni e tonno

Insalata di seppia e peperoni

Teglia di riso con peperoni

 

 

Commenti