Il tè fa sempre bene, ma d’estate di più!

Se il tè è la bevanda più bevuta al mondo dopo l’acqua un motivo ci sarà. Motivo che non è legato solamente al gusto delle sue tantissime varietà, alla piacevolezza di condividere chiacchierando con un’amica o al suo potere rinfrescante nelle calde giornate estive. Quello che rende il tè una bevanda tanto amata, sono anche tutti gli incredibili benefici che ti dà quando ne fai un consumo regolare. Antiossidante, antitumorale, antinfiammatorio e con un’azione preventiva sull’infarto, d’estate ti fa ancora più bene, grazie anche alle sue proprietà diuretiche e drenanti, che ti aiutano ad affrontare la prova costume in serenità.

Abbiamo chiesto al  nutrizionista di Melarossa, Luca Piretta ( SISA), di svelarti nel dettaglio tutti i segreti del tè.

Tè nero o verde?

La differenza principale sta nel processo di lavorazione. Infatti, le foglie del tè verde vengono raccolte e messe subito a essiccare al sole, mentre quelle del tè nero, dopo essere state raccolte e fatte macerare, vengono essiccate, arrotolate, fatte fermentare e tritate. Grazie a questa lunga procedura, giungono all’ossidazione e acquisiscono il caratteristico colore rosso ramato e un gusto più intenso.

Le principali virtù benefiche

Le foglie contengono polifenoli della famiglia delle catechine, che hanno proprietà antiossidanti, antitumorali e antinfiammatorie. Agiscono infatti come inibitori delle mutazioni genetiche del DNA, proteggendolo dagli attacchi dei radicali liberi con effetto anti invecchiamento.

tè freddo d'estate: benefici per la salute

Protegge delle malattie cardiovascolari

Uno studio dellAmerican Journal of Nutrition del 2001 ha dimostrato che berne ogni giorno 375 ml avrebbe un’azione preventiva sull’infarto, grazie alle sue proprietà antitrombotiche. Allo stesso risultato è arrivata un’altra ricerca del Journal of American Medical Association, che ha studiato per 11 anni le abitudini di 40 mila giapponesi. I risultati evidenziano che c’è un rischio di morte per malattie cardiovascolari più basso in chi ne beve 5 tazze al giorno contro chi ne beve una sola.

Teina e caffeina, che differenza c’è?

Bisogna tenere in considerazione la presenza della teina, che come la caffeina può avere degli effetti sovra-eccitanti. Anche se il tè ne contiene meno (una tazzina di espresso ha 80mg di caffeina, rispetto ai 70mg di teina contenuti in una tazza di tè nero e ai 45mg di una tazza di tè verde). In generale dovrebbero limitarne il consumo tutti coloro che risentono di più dell’effetto della teina, come ad esempio i consumatori non abituali. Infatti, in questi soggetti la teina potrebbe avere degli effetti sul sistema nervoso centrale, come eccitazione o insonnia.

Azione diuretica

Il consumo è consigliato anche come drenante.  Svolge una buona azione diuretica e depurativa, che favorisce l’eliminazione renale dell’acqua e la depurazione dell’organismo. Quindi in estate può essere un valido alleato contro la ritenzione idrica.

Occhio allo zucchero!

Non devi però dimenticare l’impatto calorico che una bicchiere di tè freddo consumato al bar può avere sulla tua dieta. Se per ogni tazza  bevuta consideri 2 cucchiai di zucchero, capisci che i benefici  vengono annullati da così tante calorie. La soluzione può essere quella di prepararlo a casa.

Insomma, quest’estate non privarti del piacere di un bel bicchiere fresco e dissetante di tè fatto in casa.

Tè freddo: 4 ricette per prepararlo in casa

tè freddo: 4 ricette da fare in casa

Melarossa ti propone quattro ricette semplici, gustose e…a zero calorie!

Clicca qui e scopri le nostre ricette light.

Advertisement

Commenti
Flavia Rodriguez

Flavia Rodriguez

Giornalista dal 1995, sono Life Coach Umanista e lavoro con persone che vogliono allenarsi per raggiungere obiettivi in linea con la loro natura. Per la redazione di Melarossa, scrivo articoli e approfondimenti curando in particolare le sezioni dieta, nutrizione e psicologia.