Annuncio pubblicitario

Vegani vs carnivori: le battute più divertenti del cinema

Se Katharine Hepburn e Spencer Tracy dovevano preoccuparsi del fidanzato che la figlia avrebbe portato a cena, ma non di cosa mettere in tavola. Oggi, quando invitiamo qualcuno, i pensieri che ci passano per la testa sono ben più seri. Menù vegano o carnivoro? Meglio il sushi o la pasta?

Ormai, con le tante nuove filosofie e stili alimentari, organizzare una serata a tavola con amici è diventato peggio di una corsa a ostacoliVegetariani contro carnivori. Pastariani contro sushitariani. Crudisti, vegani, fruttariani… sono tutti contro tutti e poveri noi che gli dobbiamo preparare la cena!

Per sopravvivere a serate dove la tensione si fa sentire, prendi in prestito l’ironia del cinema: magari non ti risolverà il problema di cosa cucinare, ma una bella risata sicuramente aiuterà a distendere gli animi e a sotterrare l’ascia di guerra!

Per i veri carnivori il suggerimento è di fare come la zia di Nia Vardalos nel film Il mio grosso grasso matrimonio greco:

Zia, Ian è vegetariano. Lui non mangia carne.
Lui non mangia carne?!?
No, lui non mangia carne.
Come sarebbe a dire che lui non mangia carne? Oh, non fa niente, non fa niente: ti faccio l’agnello!

Di fronte a tanto candore non si può certo storcere la bocca!

Ti capita una fruttariana a cena come a Hugh Grant in Notting Hill?

Cos’è una fruttariana esattamente?
Beh, noi crediamo che la frutta e la verdura abbiano dei sentimenti e secondo noi cucinare è crudele. Mangiamo solo cose che sono già cadute dagli alberi o dai cespugli, cose in effetti già morte.
Perciò queste carote…
Sono state ammazzate, sì..
Oh povere carote!

Se proprio non riesci a nascondere la verdura in tempo, almeno mostra del dispiacere!

Conquista la simpatia di un vegetariano citando Adam Goldberg in A beautiful mind

Meglio una bionda oggi che una gallina domani!

Si sa che cibo e sesso sono i piaceri più grandi della vita!

Ti manca un argomento di conversazione con un vegano? Puoi sempre rifarti al film I fobici

Stai attento: se entri nel tunnel della soia non ne esci più… al mattino mica ti svegli, germogli!

Insomma, di spunti per alleggerire ce ne sono tanti, ma il concetto centrale è uno solo e cioè che mangiare insieme è un momento di convivialità che non dovrebbe mai essere rovinato da idee e opinioni differenti sulle scelte alimentari. Se siano meglio il sushi o i broccoli poco importa: quello che conta è la condivisione di una passione comune per la buona tavola e per un’alimentazione sana e di qualità.

Non è poi così difficile “fare il sapore e non la guerra”, accogliendo l’invito di Ponti e della sua nuova campagna #Cibitempestosi: basta poco, infatti, per creare tante sfiziose ricette che abbraccino cucine diverse, riportando la pace tra Tina Fioren, Al Dente, John Gambo, Seitan San e gli altri agguerritissimi ambasciatori delle diverse filosofie alimentari, pronti a darsi battaglia a colpi di forchette, bacchette, braci roventi e arti marziali, come nel video di animazione ideato per la campagna Cibi Tempestosi. A sedare gli animi ci pensa Ponti, che da sempre va d’accordo con ogni piatto e ingrediente grazie ai suoi prodotti, come l’Aceto Balsamico di Modena IGP, la Glassa, la Peperlizia…Riporta la pace e l’armonia tra tutti rispettando sempre ogni filosofia culinaria. Così, in modo semplice, Ponti dimostra che in cucina l’amore vince sempre.


Foto dal film “A cena con un cretino”

[hoops name=”veesible”]

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Nicoletta Cinotti

Nicoletta Cinotti

Laureata in Event Management allo IED, scrivo per il canale bellezza di Melarossa, sono specializzata nella cura del corpo e scrivo consigli pratici per prendersi cura del proprio benessere. Inoltre, sono esperta di cucina light e contribuisco alla redazione di ricette per il sito.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario