Le proteine vegetali battono quelle animali nel mantenere il cuore in salute

Le proteine vegetali sono migliori di quelle animali per la salute del cuore. Parola degli scienziati di Harvard, T.H. Chan School of Public Health, e della Purdue University, negli USA, che hanno pubblicato un nuovo studio. Questo il risultato: diete che hanno sostituito la carne rossa con proteine vegetali hanno portato a una riduzione dei fattori di rischio per le malattie cardiovascolari (CVD).

Ancora una volta carne, in particolare quella rossa, nel mirino come nemica della salute del cuore. Ma quali novità evidenzia questo studio rispetto a quello che già sappiamo? Siamo ormai tutti consapevoli che uno dei fattori di rischio che contribuiscono all’insorgere delle malattie cardiovascolari è associato a un eccessivo consumo di proteine animali. E tutti sappiamo che sarebbe corretto seguire la dieta mediterranea, ricca di verdure e carboidrati. Cosa ci dice in più questo studio?

Lo studio pubblicato su “Circulation”

Il plus di questa ricerca, pubblicata sulla rivista Circulation, sta nel fatto che si tratta della prima analisi di studi randomizzati controllati che esaminano gli effetti sulla salute della carne rossa in confronto ad altri tipi specifici di alimenti. In sostanza, è la prima indagine che confronta cosa succede al nostro corpo se seguiamo una dieta ad alto contenuto di carne in confronto ad una dieta ad alto contenuto di altri cibi.

Gli scienziati hanno comparato persone che hanno seguito diete ricche di carne rossa con persone che hanno seguito un’alimentazione basata prevalentemente su altri alimenti (pollo, pesce, carboidrati o proteine vegetali come legumi, soia o noci). Analizzando le concentrazioni nel sangue di colesterolo, trigliceridi, lipoproteine e controllando la pressione sanguigna, i ricercatori hanno osservato che le diete ricche di proteine vegetali di alta qualità come legumi, soia e frutta secca hanno fatto rilevare livelli più bassi di colesterolo totale e LDL (“cattivo”) rispetto alle diete con carne rossa.

I parametri sotto osservazione

In sostanza, prima di questo studio si mettevano a confronto diete ricche di proteine animali con altre diete combinate. In questo confronto non emergevano però differenze sostanziali nel livello di colesterolo nel sangue e nei valori della pressione arteriosa.

In questa nuova indagine, che ha preso in esame i risultati di 36 studi con oltre 1800 partecipanti coinvolti in totale, coloro che hanno seguito una dieta a base di proteine vegetali hanno mostrato, rispetto agli altri, un livello inferiore di:

  • colesterolo “cattivo” (LDL)
  • trigliceridi
  • lipoproteine ​nel sangue.

Tutti fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

Marta Guasch-Ferre, del Dipartimento di nutrizione di Harvard, è la scienziata che ha coordinato lo studio. Lei stessa ha affermato:

il nostro nuovo studio, che fa confronti specifici tra diete ad alto contenuto di carne rossa rispetto a diete ricche di altri tipi di alimenti, dimostra che la sostituzione di carni rosse con fonti proteiche vegetali di alta qualità porta a cambiamenti più favorevoli nei fattori di rischio cardiovascolare .

Non è un buon motivo per introdurre sempre di più le proteine vegetali nella tua dieta?

Fonte: Medical News Today
h

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Catia Penta

Catia Penta

Laureata in storia della critica letteraria, dal 1989 collaboro come autrice testi in RAI gestendo i contenuti di spazi televisivi molti dei quali dedicati a salute e benessere. Ho collaborato con il Gambero Rosso Channel seguendo, in qualità di autrice, le trasmissioni degli chef più accreditati. Per Melarossa mi occupo di tematiche focalizzate sull’alimentazione sana, sulla dieta e sulle patologie/disfunzioni legate al cibo.

Related Posts