Dieta Dimagrire con la dieta Sì alla pizza, anche a dieta!

Sì alla pizza, anche a dieta!

CONDIVIDI

Si può mangiare la pizza a dieta? Questa è la domanda che sicuramente ti sei posto se hai iniziato una dieta ipocalorica.C’è la convinzione errata, infatti, che la pizza sia un alimento da evitare, ma non è affatto così. Ecco i consigli del nutrizionista per mangiare la pizza a dieta con qualche accortezza e senza sensi di colpa.

In un sondaggio lanciato da Melarossa, è la pizza a farla da padrona nell’elenco dei cibi irrinunciabili. Molto più irrinunciabile di altri simboli della gastronomia italiana, come un buon bicchiere di vino o cappuccino e cornetto al bar.
La pizza del sabato sera con gli amici sembra essere una tradizione che dal nord al sud non stanca mai e a cui ben il 30,5% dei votanti ha dichiarato di non saper dire di no. Se la crisi impone di ridurre i consumi, meglio tagliare su frutta e verdura biologiche, o sulla carne di qualità, addirittura su una tentazione come il cioccolato, ma la pizza non si tocca!

Quando però si tira in ballo la dieta ipocalorica, è veramente la fine per questa fantastica occasione di convivialità e buona cucina? Certo che no! Piatto ricco e nutriente, la pizza a dieta si può mangiare e viene inserita anche nei menù Melarossa e, con qualche accorgimento, può essere gustata tranquillamente anche a dieta. Ecco i consigli del dottor Piretta, nutrizionista della SISA.

Pizza a dieta: è vero o no che fa ingrassare?

In una dieta ipocalorica puoi tranquillamente inserire una pizza valutandola come se fosse un pasto a base di pasta ed eventualmente eliminando il pane nel resto della giornata. È importante però non accompagnare la pizza ad altri “piatti” come supplì e bruschette.

La pizza è un piatto completo, anche se questo ovviamente dipende dal tipo di pizza che scegli. Indicativamente, una pizza a settimana può essere inserita in un regime di sana alimentazione.

Bisogna tenere conto del fatto che ci sono pizze più “ricche” di altre. Per esempio una margherita con prosciutto è sicuramente un piatto completo, soprattutto se seguita da una porzione di frutta.

La pizza da sconsigliare a chi segue una dieta ipocalorica è la pizza ai quattro formaggi, che probabilmente è tra le più caloriche.

Se non sei a dieta, direi puoi mangiare come antipasto una bruschetta. A seguire o una macedonia evitando il dolce. Se invece segui una dieta, evita il prima e il dopo pizza. Al limite  prendi una fetta d’ananas al posto del dolce.

Se sai già che mangerai una pizza la sera, potrebbe essere una buona strategia diminuire le porzioni del tuo pranzo sopratutto se non vuoi ingrassare.  In ogni caso evita di mangiare la pasta nell’altro pasto principale della giornata.

Pizza a dieta: scopri le pizze meno caloriche

Una pizza grande si aggira intorno alle 800 calorie, mentre una media intorno alle 600, ma è ovvio che la pizza col formaggio può superare anche le 1000 calorie. Invece la pizza marinara può stare sotto le 600 calorie.

Se segui la dieta Melarossa, fai affidamento all’ABC delle sostituzioni  e  inserisci la pizza nel gruppo 3 dei cereali, poiché ne sono l’ingrediente prevalente.

La pizza marinara oppure la focaccia con rughetta e pachino sono quelle più indicate da scegliere se sei a dieta. Mentre tra pizza e calzone, non ci sono differenze. Se hai problemi di digestione ma anche di calorie, è meglio la pizza rossa senza mozzarella. Devi sapere che la mozzarella incide sull’apporto calorico della pizza: aggiungi circa 150 calorie.

Il consiglio è di andare a mangiare la pizza nell’ambito di una programmazione settimanale di dieta. Ma se non sei  a dieta…perché sentirti in colpa per una pizza?

Commenti