informazione pubblicitaria

10 regole per la perfetta igiene in cucina

L’igiene in cucina è fondamentale: parola dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

La sana alimentazione non può prescindere dal modo in i cibi vengono conservati e cucinati, e anche se può sembrare scontato in realtà spesso sbagliamo.

Le normali pratiche igieniche di ogni giorno non sono sufficienti.

Passare la spugna sul lavabo e tenere tutto in frigorifero a volte non basta, c’è tutta una serie di accorgimenti per una corretta igiene in cucina che vanno adottati per evitare che si presentino sgraditi ospiti. Escherichia Coli e salmonella in prima fila.

E purtroppo i batteri possono annidarsi ovunque, precisa l’Oms: dal lavello al piano di lavoro, dai canovacci al portaposate ai contenitori per alimenti.

Anche abitudini ‘consolidate’ come quella di lavare cibi e oggetti con l’acqua può essere insufficiente o addirittura sbagliato.

Igiene in cucina: 10 norme igieniche

Melarossa ti consiglia 10 norme igieniche in cucina, secondo le indicazioni dell’Oms supportate da una serie di ricerche mediche.

Annuncio pubblicitario

1 – Lavare tutte le stoviglie

igiene in cucina lavastoviglie

Non solo le stoviglie, ma qualsiasi oggetto entri a contatto con il cibo, deve essere lavato con l’acqua bollente. E subito dopo asciugato con la carta da cucina o con un panno appena lavato.

2 – Non lavare la carne

igiene in cucina carne

Sulla superficie della carne è presente il campylobacter, un batterio che si diffonde proprio attraverso l’acqua.

Il pollo e i volatili sono i tipi di carne più colpiti dal batterio e la nostra unica arma di sicurezza è cuocerli subito. Nessun passaggio intermedio tra frigorifero e fornelli, perché il calore uccide subito i batteri.

3 – Non far scongelare i cibi

igiene in cucina cibi congelati

Tenere gli alimenti congelati all’aria prima della cottura è il modo migliore per fare il pieno di batteri.

Subito sulla piastra, nella pentola o sul barbecue, in modo che i batteri non abbiano il tempo per diffondersi.

Nel caso del barbecue, inoltre, è preferibile evitare la cottura al sangue perché alcuni batteri possono sopravvivere anche per giorni.

4 – Tenere separati cibi cotti e crudi

igiene in cucina cibi crudi e cotti

Tenerli in scomparti diversi del frigo aiuta a ridurre il rischio di contaminazioni e ‘contagi’.

Annuncio pubblicitario

A proposito dei cibi cotti, devono stare in contenitori a chiusura ermetica e mai fuori dal frigorifero per più di 2 ore.

L’ideale sarebbe avere anche un abbattitore di temperatura, per surgelare gli alimenti rispettando le loro caratteristiche organolettiche.

5 – Attenzione al microonde

igiene in cucina microonde

Se la temperatura è superiore a 70° C va bene, perché per uccidere i batteri servono temperature elevate.

Se invece la temperatura è inferiore è possibile che all’interno del microonde si annidino batteri, soprattutto la salmonella.

6 – Pulizia perfetta dei cassetti del frigo

igiene in cucina cassetti del frigorifero

Ripiani, pareti e guarnizioni del frigo possono diventare colonie di batteri.

La pulizia costante è quindi fondamentale, basta anche il trattamento con l’aceto, non necessariamente i prodotti chimici.

Inoltre è importante lavare bene frutta e verdura prima di riporle nei cassetti.

Annuncio pubblicitario

7 – Aspirapolvere a vapore

igiene in cucina aspirapolvere

Per pulire la cucina è lo strumento migliore, perché non solleva la polvere come l’aspirapolvere ‘classico’.

Far ricircolare l’aria non va bene per nessun ambiente, tanto meno per la cucina.

8 – Cura della lavastoviglie

igiene in cucina cura della lavastoviglie

Secondo alcune ricerche è l’elettrodomestico più trascurato, per la convinzione generale che l’acqua dei lavaggi rappresenti una garanzia di igiene.

Le muffe e i batteri possono formarsi, anche perché quando è chiusa il calore è il loro ambiente ideale.

Soprattutto se non si sciacquano bene piatti e pentole prima di metterli dentro. La soluzione è sottoporre la lavastoviglie a frequenti lavaggi quando è vuota e usare sempre alte temperature, al di sopra dei 50 gradi.

9 – Separare gli alimenti

igiene in cucina separare gli alimenti nel frigorifero

Nel frigorifero attenersi a una rigorosa suddivisione:

  • frutta e verdura nei cassetti (separati)
  • carni, formaggi e salumi sui ripiani.

In questo modo si evita che i batteri passino da un alimento all’altro, diffondendosi in tutto il frigo.

Annuncio pubblicitario

10 – Togliere imballaggi e contenitori

igiene in cucina imballaggi alimenti

Lì si annidano molti batteri provenienti dall’esterno (banchi del supermercato, celle frigorifere, camion per il trasporto).

Eliminarle e ricoprire le confezioni con pellicola trasparente o alluminio aiuta a mantenere l’igiene in cucina e nel frigo.

Igiene in cucina: Guarda il video

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

informazione pubblicitaria
Debora De Santis

Debora De Santis

Giornalista esperta nella produzione di contenuti per media cartacei e digitali soprattutto nel campo dell'alimentazione, della cucina light, della salute e del benessere, su Melarossa scrivo per le sezioni dieta, nutrizione e ricette.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

informazione pubblicitaria

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms below to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.