Home Bellezza Fai da te Il massaggio anticellulite fai-da-te

Il massaggio anticellulite fai-da-te

CONDIVIDI
combatti la cellulite con l'automassaggio
Stop alla cellulite! Vederla scomparire sarebbe il tuo sogno più grande, eppure devi sapere che non basta solo una buona crema per sconfiggerla. É importante anche saperla applicare!

Melarossa ti propone 5 semplici gesti per un automassaggio anticellulite da mettere immediatamente in pratica: bastano solo pochi minuti, un po’ di pazienza e otterrai ottimi risultati. Un buon massaggio, infatti, attiva la circolazione sanguigna e linfatica, migliora gli scambi cellulari e facilita l’eliminazione delle tossine. E’ importante eseguirlo con regolarità, almeno una volta al giorno, per una decina di minuti e preferibilmente dopo la doccia o il bagno.

Per praticare il tuo automassaggio, ti consigliamo di usare di una crema che si stenda facilmente, poichè le mani devono poter scivolare liberamente sulla tua pelle.

Per cominciare, prendi una piccola quantità di prodotto nel palmo delle mani e massaggiala su gambe, cosce, interno coscia e glutei.

Ricordati che la crema anti cellulite va sempre applicata:
- sulle GAMBE, effettuando movimenti circolari in senso orario e dal basso verso l'alto. Inizia sempre dall'esterno coscia verso l'interno, poi risali verso i fianchi e su fino al ventre;
- sul BACINO, massaggiando come a disegnare dei grandi cerchi con il palmo della mano ben piatto.

IL CONSIGLIO IN PIÙ DI MELAROSSA

Bevi almeno 2 litri di acqua al giorno. È essenziale per aiutare il tuo corpo a smaltire i liquidi in eccesso: prima ancora della cellulite, la ritenzione idrica è il tuo vero nemico.
Muoviti e fai sport: uno stile di vita sedentario è tra le principali cause della cellulite. Se non hai tempo, cammina o prenditi qualche minuto al giorno per eseguire qualche semplice esercizio in casa.
Mangia sano, evita cibi grassi e fritti e neanche a dirlo... segui la nostra dieta!

Sfoglia la gallery e scopri le 5 mosse per applicarla nel modo giusto.

1Prima mossa: tecnica dello sfioramento

Fai scivolare le dita sulla pelle con leggeri sfioramenti, dal basso verso l'alto e con movimenti circolari. Ripeti il massaggio con il palmo della mano, sempre sfiorando delicatamente la pelle. A cosa serve: a preparare la pelle

2Seconda mossa: tecnica dell'impastamento

Con il pollice e due dita di ciascuna mano pizzicottati la pelle, poi falla ruotare con i pollici con un movimento ad impasto. A cosa serve: a migliorare gli scambi cellulari e ad attivare la microcircolazione

3Terza mossa: tecnica del ferro da stiro

Posiziona le mani ben piatte, i pollici aperti, sulle cosce e sulle natiche. Prendi la pelle tra le dita della mano destra e della mano sinistra ed esercita una torsione dirigendo la pelle in direzioni opposte. A cosa serve: a distendere la massa muscolare e a ridare elasticità alla pelle

4Quarta mossa: tecnica della frizione profonda

Con le dita esercita sulle zone da massaggiare una pressione con movimenti circolari in senso orario. I gesti devono essere eseguiti perpendicolarmente rispetto ai muscoli. A cosa serve: a migliorare la circolazione sanguigna, eliminare le tossine e favorire l'ossigenazione dei tessuti

5Quinta mossa: tecnica del picchiettamento

Con le mani chiuse a pugno, esercita dei colpi lievi ma regolari e decisi. Ricorda che un buon massaggio non deve lasciare lividi sulla pelle. Evita l'interno coscia. A cosa serve: a riattivare la circolazione sanguigna e drenare

Illustrazioni: Marcello Carriero

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe 6 super virtù della mela gialla
Articolo successivoCestini di pasta sfoglia con mele Red Delicious
Sono nata in Francia ma vivo in Italia da 20 anni. Prima di diventare pubblicista, ho fatto l’insegnante di sport (ISEF) in Francia e l’attrice per 10 anni. Appassionata di salute e benessere, collaboro per Melarossa da 5 anni, scrivo soprattutto di fitness e gestisco la pagina Facebook. Mi piace molto il mio lavoro perché è molto creativo e abbiamo molti rapporti con gli utenti a cui cerchiamo di dare una mano per rimanere sempre positivi durante il loro percorso.