Annuncio pubblicitario

Coronavirus o allergia stagionale? Ecco come distinguerli

Quest’anno in Italia, l’inizio della stagione primaverile coincide purtroppo con la pandemia da COVID-19 provocata dal nuovo coronavirus.

Quindi, la comparsa dei sintomi scatenati dai pollini può destare preoccupazione nelle persone allergiche, in quanto alcuni disturbi sembrano simili a quelli del coronavirus.

In realtà, non bisogna spaventarsi né allarmarsi, perché ci sono delle differenze tra i sintomi delle due patologie. Vediamole nel dettaglio.

Sintomi iniziali del coronavirus

  • febbre
  • tosse
  • mancanza di respiro.

Questi sintomi compaiono 2-14 giorni dopo il contagio.

Sintomi delle allergie respiratorie stagionali

  • rinite
  • starnuti
  • naso chiuso e scolo nasale
  • prurito e bruciore agli occhi e alla gola
  • occhi arrossati e che lacrimano
  • congiuntiva irritata
  • palpebre gonfie.

Sintomi in caso di asma allergica

  • dispnea (affanno e difficoltà a respirare)
  • sibili respiratori
  • tosse.

Ma c’è un criterio di base semplicissimo per escludere il coronavirus: la febbre. Infatti, le allergie non provocano febbre, e quindi questo sintomo permette di distinguere facilmente il coronavirus (ma anche un’influenza virale) dalle allergie.

Chi è allergico è più rischio?

Prima di tutto bisogna chiarire che le allergie non sono contagiose e sono provocate dalla risposta del sistema immunitario. Detto ciò, ad oggi non ci sono prove che gli allergici siano più suscettibili all’infezione da coronavirus.

Invece, è importante che continuino a curarsi con i farmaci prescritti, soprattutto se soffrono di asma allergica e che, come tutti, non escano di casa se non per comprovate necessità.

Del resto c’è un aspetto positivo per gli allergici nella reclusione forzata di questi giorni: rimanere in casa infatti, espone meno ai pollini e quindi rappresenta una valida prevenzione. Ricordiamo la regola di arieggiare frequentemente gli ambienti domestici, ma in caso di allergie respiratorie, di tenere chiuse le finestre al mattino presto e alla sera, perché questi sono i momenti con la maggiore concentrazione di pollini nell’aria.

Infine, a questo link trovi il bollettino dei pollini suddiviso per regioni e con le previsioni settimanali.

Qui invece per saperne di più su come affrontare l’allergia ai pollini.

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Carolina Peciola

Carolina Peciola

Carolina Peciola è giornalista, editor, consulente editoriale e lavora nel mondo dell’editoria da trent'anni. Si occupa soprattutto di salute, benessere, alimentazione, cucina, fenomeni sociali. Scrive per riviste in edicola e testate online, cura l’editing di libri, realizza pubblicazioni per ragazzi.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario