informazione pubblicitaria

Congiuntivite virale, batterica o allergica: no al fai da te

Occhi rossi, gonfiore, lacrimazione, prurito: sono i classici sintomi di una congiuntivite, che può colpire soprattutto in estate.

Ma attenzione, perché questa infiammazione oculare può essere di natura diversa e presentarsi anche con sintomi diversi, per cui è importante diagnosticarla correttamente e curarla con la terapia adeguata.

Lo sottolinea l’Associazione mondiale per le Malattie infettive e i disordini immunologici (Waidid).

Come spiega la sua presidente, la dottoressa Susanna Esposito, “Solo una corretta diagnosi permette di ricevere il trattamento idoneo e per questo è importante consultare il medico ed evitare assolutamente il fai da te”.

Infatti il 70% dei casi richiede il consulto di uno specialista.

Ecco quali sono nel dettaglio i tre tipi di congiuntivite, come si manifestano e come si curano.

La congiuntivite infettiva virale

È la più comune ed ha un rischio di trasmissione del 50%. Inoltre, si presenta soprattutto in estate e colpisce gli adulti.

Annuncio pubblicitario

Si manifesta con irritazione a uno o entrambi gli occhi provocata da una secrezione acquosa che provoca bruciore e fotofobia.

A provocarla è nel 90% dei casi l’Adenovirus, un virus che colpisce anche altri parti del corpo, soprattutto le vie respiratorie, causando sintomi aggiuntivi come rinite, mal di gola, tosse e ingrossamento dei linfonodi.

Un altro virus responsabile della congiuntivite virale è l’Herpese Simplex, che attacca un solo occhio e si associa all’herpes labiale.

In aggiunta, anche l’Herpes Zoster, che coinvolge il trigemino, e il Molluscum Contagiosum, associato a congiuntivite follicolare con lesioni alla palpebra.

In questi due ultimi casi le complicanze possono essere anche gravi, perché possono dar luogo a danni alla cornea e uveite.

Per questo tipo di congiunitivite non esiste un trattamento specifico, ma gli antivirali topici o sistemici possono essere impiegati per evitare le complicanze.

Invece, per alleviare la sintomatologia si può ricorrere a impacchi freddi, lacrime artificiali e colliri antistaminici.

Annuncio pubblicitario

È assolutamente fondamentale utilizzare asciugamani personali per non trasmettere l’infezione ad altri componenti della famiglia.

La congiuntivite infettiva batterica

Questa tipologia colpisce invece soprattutto i bambini (50-75% dei casi) e predilige i mesi invernali, tra dicembre e aprile.

Si presenta con una secrezione purulenta appiccicosa e la sensazione di avere un corpo estraneo nell’occhio.

A provocarla sono i bateri Haemophilus influentiae e Streptococcus pneumoniae, soprattutto nel caso dei bambini.

Nel caso degli adulti, non immuni da questa infezione, oltre ai batteri che la provocano anche nei bambini, il principale responsabile è lo Staphylococcus aureus.

Inoltre, ci sono dei fattori di rischio, come una scarsa produzione lacrimale, traumi e condizioni di immunodepressione.

Il veicolo principale di trasmissione è rappresentato dalle mani, che possono trasmettere germi e batteri se non lavate con cura e frequenza.

Annuncio pubblicitario

La congiuntivite batterica deve essere curata subito con un collirio antibiotico, previa opportuna diagnosi.

Da segnalare inoltre la congiuntivite batterica iperacuta, un’infezione che esordisce all’improvviso e che può progredire fino alla perforazione della cornea.

È provocata da Chlamydia o Neisseria Gonorrhoeae, malattie sessualmente trasmissibili che possono arrivare a colpire anche l’occhio.

Si presenta con una secrezione purulenta abbondante, una riduzione della vista, dolore, gonfiore e linfoadenopatia.

young woman with allergy holding facial tissue and british shorthair cat at home

La congiuntivite allergica

È l‘unico caso di congiuntivite che non è contagiosa, in quanto non è di natura infettiva, ma è dovuta alla risposta infiammatoria della congiuntiva ad allergeni presenti nell’ambiente.

Inoltre, è la forma più frequente di congiuntivite e si presenta soprattutto dall’inizio della primavera e per tutta l’estate, cioè il periodo in cui i pollini aumentano la loro concentrazione nell’aria.

Si manifesta con prurito, lacrimazione e occhi arrossati, a cui possono abbinarsi anche naso che cola, starnuti e a volte febbre.

Annuncio pubblicitario

Si previene evitando di esporsi alle sostanze che scatenano l’allergia. I sintomi si alleviano con lacrime artificiali, colliri antistaminici e cortisone a seconda della gravità.

La prevenzione

Nel caso delle congiuntiviti virali e batteriche, il contagio avviene per contatto con oggetti o mani contaminati dai microrganismi responsabili dell’infezione.

Per questo motivo, la professoressa Esposito raccomanda di “Lavare accuratamente e frequentemente le mani per almeno 40 secondi”.

Questo semplice gesto infatti impedisce l’attecchimento di virus e batteri.

Inoltre, particolare attenzione devono prestare le persone che utilizzano le lenti a contatto o che si sono sottoposte di recente a un intervento di cataratta.

In questi casi infatti, una congiuntivite può portare a complicanze molto gravi, come ulcere corneali o endoftalmiti, con il rischio di perdita della vista.

Chi porta le lenti a contatto, in caso di congiuntivite deve subito sospendere l’applicazione, rivolgersi all’oculista e utilizzare nel frattempo gli occhiali.

Annuncio pubblicitario

In caso di arrossamento intenso e dolore nei 7-10 giorni successivi a un’intervento di cataratta, il paziente deve subito farsi visitare da un oculista.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest.

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

informazione pubblicitaria
Carolina Peciola

Carolina Peciola

Carolina Peciola è giornalista, editor, consulente editoriale e lavora nel mondo dell’editoria da trent'anni. Si occupa soprattutto di salute, benessere, alimentazione, cucina, fenomeni sociali. Scrive per riviste in edicola e testate online, cura l’editing di libri, realizza pubblicazioni per ragazzi.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

informazione pubblicitaria

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.