informazione pubblicitaria

I capperi attivano proteine importanti per la salute di cuore e cervello

Ad affermarlo un recente studio dell’Università della California, Irvine School of Medicine (USA), pubblicato su Communications Biology.

I ricercatori, infatti, hanno scoperto che un composto di questi piccoli frutti, chiamato quercitina, può attivare le proteine necessarie per diversi processi organici.

Oltre a regolare direttamente le proteine utili per la contrazione muscolare, il normale funzionamento della tiroide, del pancreas e del tratto intestinale, la quercitina può agire anche sul battito cardiaco e il pensiero.

Come ha spiegato Kaitlyn Redford, autrice dello studio, “l’onnipresente flavonoide quercitina è un attivatore atipico del canale del potassio KCNQ”.

I ricercatori hanno scoperto che la quercitina, un bioflavonoide di origine vegetale, è in grado di modulare i canali del potassio nella famiglia dei geni KCNQ.

Questi canali sono molto influenti sulla salute umana e le loro disfunzioni sono correlate a diverse patologie, come diabete, aritmia cardiaca ed epilessia.

Lo studio

Lo studio ha rivelato che la quercitina modula i canali KCNQ regolando direttamente il modo in cui essi percepiscono l’attività elettrica delle cellule. Mettendo in luce un meccanismo inaspettato e finora sconosciuto delle proprietà terapeutiche dei capperi.

Una volta compreso come la quercitina opera questo controllo, spiegano gli studiosi, si potranno intraprendere degli studi per creare e ottimizzare le molecole di quercitina per un potenziale uso come farmaci.

Annuncio pubblicitario

Anche perché, incrementare l’attività dei canali KCNQ in diverse parti del corpo, ha dei potenziali benefici. I farmaci sintetici che già lo fanno sono usati infatti per curare l’epilessia e si sono rivelati promettenti anche nel prevenire anomalie del ritmo cardiaco.

Del resto, l’archeologia ha dimostrato che il consumo di capperi da parte dell’uomo risale a 10.000 anni fa. Sono stati infatti ritrovati dei resti di capperi nel suolo in Siria. Risalenti all’era mesolitica, e altri nelle abitazioni in Grecia e Israele risalenti all’età della pietra.

Inoltre, i capperi sono usati nella medicina popolare da centinaia se non migliaia di anni e sono oggetto di studi anche per le loro potenziali proprietà anticancro, anti diabete e antinfiammatorie. Nonché per i loro benefici per il sistema gastrointestinale e circolatorio.

Quindi, in attesa di ulteriore conferme, comincia o continua ad usarli nella tua alimentazione quotidiana, visto che oltre a un tocco di gusto, apportano anche tanti benefici.

Ti consigliamo una ricetta di Melarossa per gustare i capperi e fare il pieno delle innumerevoli proprietà, prova il Panino con mousse di tonno e robiola, capperi, olive e insalate.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest.

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

informazione pubblicitaria
Carolina Peciola

Carolina Peciola

Carolina Peciola è giornalista, editor, consulente editoriale e lavora nel mondo dell’editoria da trent'anni. Si occupa soprattutto di salute, benessere, alimentazione, cucina, fenomeni sociali. Scrive per riviste in edicola e testate online, cura l’editing di libri, realizza pubblicazioni per ragazzi.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

informazione pubblicitaria

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.