Annuncio pubblicitario

Giornata mondiale della psoriasi: scopri come prevenirla anche a tavola

Il 29 ottobre si celebra la Giornata Mondiale della psoriasi. Un’occasione per promuove una campagna informativa sulla malattia e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sua gravità. Spesso trascurata perchè fonte di imbarazzo, colpisce più di 100 milioni di persone al mondo, in Italia circa 2 milioni e mezzo.

A causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19, in questa edizione non sono previsti gazebo o eventi live, ma solo appuntamenti virtuali. Infatti, tra gli altri, il 29 e il 30 ottobre Adipso (Associazione per la Difesa degli Psorisiaci) ha in programma un webinar, con la partecipazione di specialisti, pazienti e istituzioni. L’obiettivo è quello di aggiornare sulle nuove cure della malattia.

Annuncio pubblicitario

Psoriasi: che cos’è

La psoriasi è una malattia infiammatoria della pelle, cronica e recidivante. Non è infettiva e neppure contagiosa. Si manifesta con la formazione di placche in rilievo arrossate, rivestite da squame biancastre. La forma più comune è quella a placche, ma può essere anche:

  • guttata
  • palmoplantare
  • seborroica
  • artrite psorisiaca
  • eritrodermica
  • amiantacea
  • onicopatia psorisiaca

Può apparire su gomiti, ginocchia, cuoio capelluto, ma anche su palpebre, orecchie, bocca e labbra e anche sulle unghie. Le lesioni sono stabili e persistono a lungo.

Se vuoi saperne di più sull’argomento, leggi il nostro approfondimento su Psoriasi: cos’è, sintomi, diagnosi, cause e cure.

psoriasi-cure

Psoriasi: i fattori scatenanti e la cura

La psoriasi è una malattia auto-immune su base genetica. Infatti, circa la metà delle persone colpite proviene da famiglia in cui vi sono altri casi. Oltre alla predisposizione genetica, vi sono altri fattori scatenanti quali:

  • lo stress
  • i traumi di tipo fisico
  • le infezioni da streptococco
  • l’alcol e il fumo
  • l’alterazione del metabolismo.

La cura della psoriasi, per la cui diagnosi è sufficiente una visita dermatologica, può essere diversa da paziente a paziente. Quindi, prima di iniziare un trattamento, è sempre consigliabile sentire il parere di uno specialista. La terapia può avvalersi di:

Annuncio pubblicitario
  • farmaci biologici
  • prodotti naturali (emollienti, decappanti, riducenti, che riducono lo spessore della placca psoriasica)
  • farmaci (antralina, corticosteroidi, calcipotriolo, tazarotene)
  • terapia sistemica (ciclosporina, retinoidi, tracrolimus, mofetil micofenolato, metotrexate).

Psoriasi: cosa mangiare e cosa evitare

Chi soffre di psoriasi deve privilegiare gli alimenti ad azione antinfiammatoria, come quelli ricchi di acidi grassi polinsaturi e omega 3. In particolare, si consiglia di mettere in tavola:

  • salmone
  • sardine
  • aringhe
  • sgombro
  • tonno
  • vegetali a foglia verde
  • legumi
  • frutta secca
  • oli di lino e di soia
  • cereali integrali

Inoltre, per un’alimentazione volta a contrastare i sintomi della psoriasi a tavola, non dovrebbero mancare neanche i frutti rossi, il tè nero e quello verde, alimenti ricchi di polifenoli.

Da limitare fortemente, invece, gli alcolici che possono peggiorare i sintomi della malattia e interagire con alcuni farmaci utilizzati per curarla. Vanno centellinati anche i cibi acidi, come il caffè e il cioccolato, per il loro ruolo infiammatorio. Da evitare:

  • salumi e carne rossa
  • burro
  • uova
  • panna
  • fritti
  • prodotti ricchi di zucchero raffinato come le merendine industriali.

Uno studio scientifico condotto dall’Università Federico II di Napoli ha dimostrato che i pazienti che seguono la dieta mediterranea hanno minori possibilità di sviluppare la psoriasi. Infatti, consumano più olio extravergine di oliva, frutta, verdura, pesce e noci.

Ma anche i cereali non raffinati, ricchi di polifenoli e antiossidanti che hanno una considerevole azione antinfiammatoria.

Annuncio pubblicitario

Fonti:

APIAFCO

ADIPSO

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest.

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Maria Luisa Prete

Maria Luisa Prete

Laureata in Scienze della comunicazione, dal 2007 sono giornalista pubblicista. Ho collaborato con Repubblica, scrivendo, tra le altre, per le rubrica Sapori e Salute. Per Melarossa mi occupo delle news riguardanti alimentazione e benessere

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario