Annuncio pubblicitario

Gravidanza: scopri quanta acqua devi bere per una corretta idratazione

L’acqua è importante per il nostro organismo. E lo è ancora di più per le donne in gravidanza.

Il corpo cambia e deve adattarsi per consentire la crescita del nascituro. In questo processo assume un ruolo centrale un’adeguata idratazione.

Acqua: perché è importante per il nostro benessere

L’acqua è una sostanza preziosa, vera fonte di vita. Infatti, è la componente principale di tutti gli esseri viventi e nell’uomo rappresenta:

  • il 60% del peso corporeo di un adulto
  • l’80% di quello di un bambino.

Una perdita di liquidi pari al 10% del volume complessivo può portare a seri deficit nell’attività fisica e mentale. Possiamo rimanere senza cibo anche 40 giorni, ma solamente tre senza bere! Questo perché l’acqua presiede a molte funzioni fondamentali del nostro organismo. Tra queste:

  • regola la temperatura corporea
  • lubrifica i tessuti dei polmoni, degli occhi e della pelle
  • facilita i processi digestivi di trasporto e assorbimento delle sostanze nutritive
  • favorisce la diuresi e quindi l’eliminazione di liquidi e sostanze di scarto.

La quantità giornaliera di acqua da assumere varia con il clima, lo stile di vita, l’età e l’alimentazione.

Annuncio pubblicitario

Comunque, non deve mai scendere al di sotto di circa 1-1.5lt al giorno, per evitare disidratazione, affaticamento dei reni, secchezza della pelle e torpore.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento Bere tanta acqua fa bene alla salute e alla dieta.

gravidanza-importanza-acqua

Acqua e gravidanza: perché è consigliato bere tanto

Durante la gravidanza bisogna integrare maggiormente i liquidi corporei per rispondere alle esigenze fisiologiche della donna, ma anche per:

  • contribuire alla crescita del feto
  • alla formazione del liquido amniotico
  • all’aumento del volume del sangue.

La gravidanza può inoltre aumentare il rischio di disidratazione. Infatti, nausee e vomito, tipici dei primi mesi, comportano una grande perdita di liquidi.

Ecco perché in gravidanza e allattamento si consiglia di bere spesso acqua nell’arco della giornata, non solo quando si ha sete.

Annuncio pubblicitario

L’acqua è necessaria per produrre il fluido che circonda il bambino e per aumentare il volume del sangue. Infatti, quando una donna è in dolce attesa il volume plasmatico aumenta fino al 40-50% rispetto ai valori normali. Questo consente la vascolarizzazione della placenta che agevola lo scambio materno-fetale di sostanze nutritive e altri composti.

Idratandosi correttamente si alleggeriscono le funzioni renali ed è possibile ridurre eventuali infezioni alle vie urinarie.

Infine, bere molta acqua aiuta la donna a favorire la regolarità intestinale e a combattere la ritenzione idrica.

Se vuoi approfondire il tema, leggi Stile di vita in gravidanza: comportamenti da adottare per te e tuo figlio.

Gravidanza: quanta acqua bere

“Le donne incinte hanno bisogno di una maggiore assunzione di liquidi a causa di cambiamenti fisiologici nella madre e per la crescita fetale” afferma Elisabetta Bernardi, Biologa specialista in Scienza dell’Alimentazione e membro dell’Osservatorio Sanpellegrino.

Annuncio pubblicitario

“Secondo la SINU – la Società Italiana Nutrizione Umana – l’assunzione adeguata di acqua (ml/die) per le donne incinte è di 2350 ml/die circa 10 bicchieri al giorno. Durante l’allattamento, l’assunzione giornaliera dovrebbe aumentare fino a tredici bicchieri al giorno. Inoltre, se si soffre di nausea mattutina, si perdono dei liquidi extra, quindi è importante cercare di bere un po’ di più per rimediare anche a questo inconveniente”, conclude la Bernardi.

Gravidanza: quale acqua bere

Durante la gravidanza la donna ha bisogno di bere di più per soddisfare il fabbisogno del nascituro e quello del proprio corpo, modificato dalla maternità.

Sono consigliate in gravidanza acque a basso contenuto di sodio, per combattere i problemi legati alla ritenzione idrica o ai gonfiori. Inoltre, è bene favorire anche un sufficiente apporto di calcio ai due organismi, e per questo può essere utile scegliere un’acqua bicarbonato-calcica.

Fonte: Osservatorio Sanpellegrino

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest.

gravidanza-bere-tanto

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Maria Luisa Prete

Maria Luisa Prete

Laureata in Scienze della comunicazione, dal 2007 sono giornalista pubblicista. Ho collaborato con Repubblica, scrivendo, tra le altre, per le rubrica Sapori e Salute. Per Melarossa mi occupo delle news riguardanti alimentazione e benessere

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario