Annuncio pubblicitario

Nel mondo si consumano 15 milioni di tonnellate di pasta all’anno

A 10 anni dalla sua iscrizione a Patrimonio immateriale dell’Umanità UNESCO, la Dieta Mediterranea è sempre più una tendenza globale. E la pasta è al centro di questa perfetta piramide alimentare. Un indicatore del crescente successo della dieta mediterranea è proprio l’andamento dei consumi di pasta. In 10 anni il consumo mondiale di spaghetti, maccheroni e tagliatelle è passato da quasi 9 milioni di tonnellate all’anno a circa 15 milioni di tonnellate.

La Dieta Mediterranea: la migliore al mondo

Secondo il sito statunitense US News & World Report, proprio la dieta Mediterranea è la migliore al mondo. E il suo gradimento è in crescita anche in Paesi legati ad altre tradizioni alimentari.

Annuncio pubblicitario

Questo grazie alla nuova consapevolezza di come le scelte che facciamo a tavola impattino non solo sulla nostra salute, ma anche su quella del Pianeta.

L’aumento dei consumi di pasta non è legato quindi solo alla bontà e all’equilibrio nutrizionale di questo alimento, ma anche alla sua immagine e alla sua sostenibilità. La pasta è la traduzione più immediata del concetto di mangiare mediterraneo.

Leggi il nostro articolo se vuoi sapere tutto sulla Dieta Mediterranea: principi, alimenti, proprietà nutrizionali e benefici per salute.

La pasta è un alimento sostenibile

Un recente studio del WWF ha calcolato che un piatto di pasta al pomodoro (100 grammi) ha un’impronta di carbonio di appena 0,492 kg mentre l’impronta idrica è pari ad appena 231,4 litri. Pochissimo, se confrontato con altri alimenti.

La Dieta Mediterranea è la migliore al mondo

La sostenibilità della pasta è confermata anche dal modello della “doppia piramide alimentare e ambientale“, sviluppato dalla Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition.

Annuncio pubblicitario

Che evidenzia quanto l’impatto sul pianeta dei cibi alla base della piramide della Dieta Mediterranea, per esempio la frutta, la verdura, i legumi e i cereali come la pasta, sia inferiore rispetto a quello degli alimenti che stanno all’apice.

In Italia però si mangia ‘fast food’

La sorpresa, negativa, è però che proprio in Italia ci sono segnali di un progressivo allontanamento della popolazione dalla Dieta Mediterranea.

Solo il 41% della popolazione del Nord Italia mangia seguendo questo modello, appena il 16,8% nel Centro Italia e il 42,1% nel Sud del Paese.

In Italia si mangia sempre più “fast food”, c’è meno convivialità a tavola e si fa meno attività fisica. In un recente studio su 30 Paesi, l’Organizzazione mondiale della sanità evidenzia il problema del sovrappeso e obesità tra i bambini italiani.

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Ada Parisi

Ada Parisi

Giornalista professionista, seguo tutto ciò che ruota attorno all'agroalimentare in una agenzia di stampa. Esperta di cucina, territori e made in Italy, creatrice di contenuti digitali, ho ideato e curo il sito Siciliani Creativi raccontando ogni giorno il bello e il buono dell'Italia da gustare.

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario