Home Nutrizione Alimenti dalla A alla Z Il cachi: la dolcezza del benessere

Il cachi: la dolcezza del benessere

CONDIVIDI
Tutte le proprietà benefiche del dolce cachi

Il cachi è una vera e propria bontà autunnale: grazie ia suo gusto e alla sua polposa dolcezza è un frutto perfetto per una merenda o uno spuntino goloso. Giunge sulle nostre tavole dall’Oriente – dalla Cina per l’esattezza – e oggi la sua coltivazione si è diffusa su tutto il territorio nazionale.

Ma lo sapevi che, oltre a essere un frutto delizioso, è anche un concentrato di proprietà benefiche per la tua salute?

I riflettori accesi sul cachi

Puntiamo gli spot light sul cachi e scopriamo la sua composizione nutrizionale. In 100 gr di prodotto commestibile trovi 16 gr di carboidrati, 2,5 gr di fibra e l’82% di acqua.

Le calorie sono 65 – un po’ di più rispetto ad altri frutti – ma negli stessi 100 gr trovi anche sali minerali e vitamine importanti, come il potassio (170 mg), il ferro (0,3 mg), la vitamina C (23 mg) e la vitamina A (237 mg).

Il giallo-arancio del sole anche in inverno

Il cachi ha il colore simbolo dell’autunno, quel caldo arancio che colora alberi e fogliame di questa poetica stagione. Il suo colore è dovuto alle elevate quantità di betacarotene: un giallo-arancio pieno di benessere e ricco delle più tipiche proprietà di frutta e verdura di questo colore.

Infatti, come ci ricorda la campagna di promozione e informazione di UNAPROA “Nutritevi dei colori della vita” – co-finanziata da Unione europea e Stato italiano, la frutta e la verdura di colore giallo arancio sono un concentrato di betacarotene, sostanza appartenente alla famiglia dei carotenoidi, che vengono convertiti dal nostro organismo in vitamina A, fondamentale per numerose funzioni.

Questa vitamina, infatti, contribuisce al normale metabolismo del ferro e al mantenimento della pelle, della capacità visiva e della funzione del sistema immunitario nella normalità. In generale, il beta-carotene è un potente antiossidante che viene assorbito con i grassi e, se assunto con gli alimenti, non procura sovradosaggio, come può invece verificarsi nel caso di un eccessivo uso di integratori.

Come ben noto, questa sostanza aiuta la pelle a prendere il meglio dall’esposizione ai raggi solari, quindi, se ami il sole e la tintarella anche in inverno – in paesi tropicali o in montagna – i cachi sono un frutto che ti sarà di grande aiuto!

La forza delle fibre

I cachi sono un frutto ricco di fibre, che come sai sono importantissime per migliorare la tua regolarità intestinale. Inoltre le fibre favoriscono la digestione e contribuiscono a regolare la presenza di zuccheri e colesterolo nel sangue.

Così il cachi è un frutto che ha proprietà lassative (se il frutto è maturo; se è acerbo, al contrario, può risultare astringente), diuretiche e protegge e depura anche il fegato.

L’energia del cachi

Il cachi ha straordinarie capacità energizzanti grazie agli zuccheri semplici che contiene ( soprattutto fruttosio): è quindi molto indicato per i bambini, per gli sportivi e per gli astenici mentre, proprio a causa dell’alto tasso di zucchero, viene sconsigliato ai diabetici.

Puoi mangiare il cachi per combattere la tipica stanchezza autunnale, ritrovando l’energia in modo naturale e salutare. Il momento ideale per consumare questo frutto è a colazione: così inizierai la giornata con sprint e metterai anche subito in moto le funzionalità intestinali!

Attenzione però: c’è una differenza tra cachi maturi e acerbi, perché in questi ultimi la presenza di zucchero è più limitata. Tra l’altro, i tannini che si trovano nei cachi acerbi sono la causa di quella fastidiosa sensazione astringente.

Il cachi in cucina

Questo frutto da il meglio di sé in cucina quando ha raggiunto perfetta maturazione, altrimenti, come dicevamo prima, i tannini che contiene daranno quel classico e fastidioso gusto “allappato”. Sceglilo acerbo solo se hai intenzione di essiccarlo al sole. Lo sapevi che se lo metti vicino a una mela il cachi maturerà più in fretta? Un vecchio trucco della nonna che funziona perfettamente!

Grazie alla consistenza morbida e un po’ gelatinosa, il cachi può essere usato per preparare una confettura molto buona e degli ottimi budini.

La maschera di bellezza fai da te con il cachi

Prova questa semplice maschera idratante a base di cachi e fai godere anche la tua pelle di tutte le proprietà benefiche di questo frutto!

Ingredienti:

  • 2 cachi maturi
  • 1 cucchiaio di miele liquido
  • 1 cucchiaio di yogurt greco
  • 1/2 cucchiaino di burro di mandorle

Preparazione:

Questa è un maschera fai da te davvero semplice da preparare. Comincia sbucciando il cachi e tagliandoli a fette, poi falli cuocere molto bene in acqua bollente o al vapore.

Una volta cotti e raffreddati, trasferiscili in una ciotola e schiaccia la polpa con una forchetta, poi aggiungi il miele, lo yogurt e il burro: mescola tutti gli ingredienti finché otterrai una crema omogenea.

Prima di applicare la maschera, ricordati sempre che la pelle del viso deve essere perfettamente pulita, quindi fai un’attenta pulizia del viso per eliminare ogni residuo di trucco e impurità.

Poi applica la maschera ai cachi sulla pelle pulita e perfettamente asciutta; lascia agire 10 minuti e poi risciacqua. Ripeti il trattamento una volta alla settimana per una pelle idratata, luminosa e senza impurità.

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteFondotinta per pelle secca
Articolo successivoI 18 principi del Dalai Lama per un 2017 felice
Sono Bianca Maria Sacchetti, dottoressa in lettere classiche e professionista nel settore editoriale e della comunicazione. Ho anche scritto e condotto un programma Sky di musica classica e da sempre nutro una forte passione per la scrittura in ogni sua forma e declinazione. Collaboro con Melarossa raccontando e presentando occasioni, appuntamenti ed eventi legati al food and beverage.