Cristina, – 30 kg con Melarossa: “Adesso sì che mi voglio bene!”

Cristina ha bisogno di perdere peso per potersi sottoporre ad un intervento chirurgico, come consigliato dal suo medico. Effettivamente il suo lavoro presso un catering, tra assaggi, degustazioni, spuntini e stuzzichini, l’ha portata a mettere su un bel po’ di chili. Complice il suo primo smartphone, che le regalano, Cristina, navigando e “smanettando” su Internet, scopre la dieta Melarossa. Questa dieta on line, che vede così seria e varia, la incuriosisce al punto che decide di provare. I primi tempi sono sicuramente di adattamento, ma entusiasmanti dal punto di vista dei risultati. In un attimo scopre un mondo nuovo, una dieta che non sembra una dieta, e prosegue determinata.

“E’ stata la prima volta che ho seguito una dieta che non mi sembrava tale, senza grosse rinunce o privazioni!”

Cristina per comodità, visto che il suo turno di lavoro inizia all’ora di pranzo, sceglie la versione della dieta Melarossa con il panino a pranzo. Nonostante il servizio di mensa, infatti, preferisce seguire la sua dieta, così da tenere sotto controllo quantità e condimenti. Stavolta è sulla strada giusta: quello che mangia le piace e la soddisfa e non intende cambiare alimentazione.

Grazie ai chili persi Cristina si sottopone all’intervento: inizia un periodo di convalescenza in cui non prende peso e resta stabile. Appena riprende le sue normali attività quotidiane riparte alla grande anche con la dieta. Scopre così anche il gruppo Facebook di Melarossa, che le apre un mondo totalmente nuovo e coinvolgente. Finalmente capisce nuovi meccanismi grazie alle condivisioni e al supporto di admin e “colleghi di dieta”. Tutto le sembra più chiaro, facile ed intuitivo, grazie alla partecipazione costante e all’entusiasmo di alcune persone su gruppo e alle buonissime ricette che condividono.

“Avevo fatto quasi un anno di dieta “in solitaria” e non avevo compreso molti meccanismi: quando ho scoperto il gruppo mi si è aperto un mondo!”

Capisce così che è possibile inventare piatti partendo da pochi semplici ingredienti, diventa più creativa e curiosa e impara sempre più trucchi.  Il gruppo di melarossine la coinvolge e le fa scoprire nuove ricette, stimolandola a riscoprire la fantasia in cucina: questo confronto continuo porta la sua dieta a colorarsi di tante nuove conoscenze, prove e sperimentazioni. Quello che infatti Cristina ha amato della dieta Melarossa è stata la varietà di combinazioni suggerite per rendere il menù giornaliero sempre particolare o gustoso, mai banale e noioso. Le privazioni o i sacrifici non sono parte di Melarossa: grazie all’ABC delle sostituzioni e alle tabelle presenti sul sito, ogni giorno si può inventare qualcosa di diverso e appetitoso.

Le altre diete che Cristina ha seguito in passato, sempre a base degli stessi cibi, bolliti o alla griglia, venivano archiviate in poco tempo: Melarossa, invece, le ha dato la possibilità di liberare il suo estro ai fornelli. Non le è pesato nemmeno dover preparare pietanze diverse per lei e suo marito, tanta era la voglia di provare e gustare sapori nuovi.

“Finalmente una dieta che ti fa scoprire tante cose diverse e non ti annoia con ripetizioni e monotonia!”

Con Melarossa, oltre all’aspetto fisico, le taglie in meno e il benessere ritrovato, è mutato anche il suo atteggiamento mentale. Ormai in mantenimento, non prova sensi di colpa quando cede a qualcosa di diverso rispetto al suo menù: sa che è cambiato il suo approccio con il cibo e tornare in carreggiata dopo uno sgarro è ormai non solo fattibile ma anche semplice. Per la prima volta sente che in lei è avvenuto un cambiamento radicale e soprattutto sente di aver vissuto una vera rieducazione alimentare.

“E’ una dieta piacevole da seguire, che ti fa sentire parte di un meccanismo bello e ti cambia a partire dalla testa!”

Melarossa ha avuto effetti benefici anche sulla sua salute. Grazie alla dieta è riuscita a controllare l’ipertensione e ad avere risultati migliori agli esami del sangue. Nonostante la menopausa e la scarsa attività sportiva, la perdita di peso è stata costante. Ora però, con la ritrovata fiducia in se stessa e una maggiore energia, ha deciso di iscriversi in piscina per tonificare un po’ il suo corpo.  Si sente più sicura di sé, più forte e agile al lavoro, riesce a fare le cose in maniera efficiente e veloce. Oltre a regalarle un cambiamento estetico, la dieta ha prodotto un altro cambiamento: l’ha stimolata a prendersi cura del suo modo di mangiare, della forma fisica, in una parola, di se stessa.

“Questa dieta mi ha fatto scoprire che potevo trascurare qualcosina per prendermi cura di me e volermi finalmente bene!”

Commenti
Gilda Palumbo

Gilda Palumbo

Psicologa e psicoterapeuta, mi occupo di interviste approfondite che vertono sui temi del dimagrimento e dei problemi psicologici legati ad esso. Per Melarossa curo le interviste ai testimonial: persone che grazie alla dieta Melarossa sono riuscite a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Related Posts