Mai più capelli con la forfora grazie al catrame minerale

Lo shampoo al catrame di carbone è una possibile soluzione per risolvere i problemi della cute, legati soprattutto alla forfora nelle forme più gravi, in particolar modo quando si tratta di psoriasi. Ecco cosa spiegano gli esperti a proposito di questo elemento biologico.

Shampoo al catrame di carbone: che cos’è

Il catrame di carbone (detto anche catrame minerale) è una sostanza densa e nera, che si ottiene come sottoprodotto della produzione di carbone.  Quest’ultimo potrebbe non sembrare un ingrediente cosmetico, ma in realtà è utilizzato nei prodotti antiforfora per i capelli.

Gli shampoo al catrame minerale sono indicati per trattare il cuoio capelluto, quando è pruriginoso, molto secco e squamoso. Dunque, questo ingrediente naturale può essere utile per attenuare la forfora, anche nei casi più gravi.

Le cause che determinano la forfora: la psoriasi

forfora - capelli

La pelle di una persona, colpita da psoriasi, risulta infiammata e secca. Si tratta di una vera e propria malattia, che si verifica quando il sistema immunitario invia segnali difettosi alle cellule della pelle, dicendo loro di maturare e riprodursi troppo rapidamente. Se la  psoriasi colpisce il cuoio capelluto, quest’ultimo tende a desquamarsi eccessivamente.

Come afferma il prof. Marcello Monti, dermatologo dell’ospedale Humanitas, in un’intervista rilasciata sul magazine Humanitas Salute:

Quando la psoriasi è limitata e non s’ intende ricorrere ai farmaci, si possono impiegare i così detti riducenti naturali: ovvero, quei principi attivi presenti in natura che, applicati sulla cute, hanno dimostrato di ridurre la crescita psoriasica.

prof. Marcello Monti

Tra questi rientra, appunto,  il carbone minerale.

Che cos’è lo shampoo al catrame di carbone

Gli shampoo al catrame di carbone sono prodotti cosmetici medicati, intesi a prevenire la formazione di forfora e prurito con l’aiuto del catrame minerale. Questi shampoo rientrano in una categoria di farmaci chiamati cheratoplastici, che aiutano a promuovere la normale cheratinizzazione, vale a dire il processo di formazione e spargimento delle cellule della pelle.

La forfora si verifica quando questo processo accelera, portando a un accumulo di squame, prurito e irritazione. Ripristinando la cheratinizzazione, il prurito diminuisce così come l’irritazione del cuoio capelluto. Gli shampoo al catrame di carbone variano in concentrazione; quella più elevata ha effetti più forti.

Come agisce il catrame minerale sul cuoio capelluto

Applicando lo shampoo sulla cute, si rallenta la crescita delle cellule morte, liberando la pelle da queste ultime.  Lo shampoo al catrame minerale può essere efficace, ma in alcune persone può provocare delle allergie, essendo comunque un prodotto piuttosto forte.  Inoltre, un uso a lungo termine dello shampoo al catrame di carbone può causare una condizione nota come acne al catrame, in cui i follicoli piliferi si infiammano.

Ecco perché questi prodotti devono essere utilizzati solo dopo un consulto specialistico da parte di un dermatologo – che sa consigliare la tipologia di prodotto adatta a voi e il miglior percorso terapeutico.

In genere si consiglia di utilizzare il prodotto a base di carbone minerale due volte a settimana, ma il  medico può prescrivere un giorno aggiuntivo o ridurre il numero di applicazioni in base alle condizioni della pelle, alla sensibilità e alla risposta al trattamento.

Il catrame minerale può davvero risolvere il problema della forfora?

shampoo-antiforfora

Il catrame minerale non è sempre la chiave giusta per il trattamento dei problemi legati alla forfora. ll medico deve prima determinare quali sono le cause che la determinano. Lo shampoo al catrame di carbone funziona sia per la dermatite seborroica che per la psoriasi, ma se non è sostenibile perché causa irritazione, il medico può offrire un trattamento alternativo.

Altre opzioni di trattamento della forfora comprendono gli shampoo antifungini o gli  shampoo agli acidi salicilici, ma non vale mai la pena provare a risolvere il problema da soli.

Quali sono i rischi

Come raccomandano anche gli esperti del network di ricerca clinica Accel Research Sites, è importantissimo parlare con il vostro medico prima di provare lo shampoo al catrame di carbone, in particolare se:

  • Sei incinta, in allattamento o sospetti di avere un bambino in grembo
  • Se stai già assumendo altri farmaci per la psoriasi (anche non prescritti dal tuo medico)
  • Se hai ferite o tagli sul cuoio capelluto

In questi casi, il carbone minerale potrebbe interferire negativamente. Evitare poi assolutamente di usare i preparati al Catrame Minerale sui capelli perché ne altera il colore.

Questi ultimi si applicano sul corpo per trattare la psoriasi – sempre e solo sotto stretto controllo medico – tranne che sulle aree delicate, come il volto o i genitali. Il preparato è fotosensibilizzante e non va esposto alla luce diretta solare.

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Marianna Feo

Marianna Feo

Giornalista e Digital Seo Copywriter, amo raccontare il lato positivo della realtà che ci circonda e sempre col sorriso "sulla tastiera". Qui su Melarossa, scrivo tante chicche e news su mondo beauty, stile, lifestyle, benessere e fitness.

Related Posts