Annuncio pubblicitario

Giornata mondiale dell’Epatite: dopo la pandemia, è urgente rilanciare i vaccini

Il 28 luglio è la Giornata mondiale dell’Epatite.

Per l’occasione le associazioni lanciano l’allarme: è urgente diffondere i vaccini.

Giornata Mondiale delle Epatiti

Il 28 luglio si celebra la Giornata mondiale delle Epatiti.

È stata scelta questa data in onore di Baruch Blumberg, scienziato vincitore del premio Nobel, che ha scoperto il virus dell’epatite B (HBV), ha sviluppato un test diagnostico e un vaccino. Il 28 luglio è, infatti, il giorno del suo compleanno.

Esistono cinque principali ceppi del virus dell’epatite, denominati tipi A, B, C, D ed E.

La differenza risiede nella modalità di trasmissione, nella gravità della malattia, distribuzione geografica, prevenzione e approcci terapeutici. I ceppi più diffusi sono quelli di tipo A, B e C.

La Giornata mondiale delle Epatiti è un’occasione per intensificare gli sforzi nazionali e internazionali, incoraggiare azioni e impegno da parte di tutti sui rischi della patologia.

Annuncio pubblicitario

Infatti, la malattia riguarda più di 320 milioni di persone in tutto mondo.

vaccino epatite

Epatite: servono più vaccini

In Italia, l’impegno per sconfiggere le epatiti viene portato avanti dalla Simit (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali) e dall’Aisf (Associazione italiana per lo studio del fegato).

Sono queste associazioni a denunciare la scarsa copertura dei test e del trattamento delle epatiti.

È questa la lacuna più importante da affrontare per raggiungere l’obiettivo di eliminazione globale della malattia entro il 2030.

Infatti, l’Epatite B può essere prevenuta con il vaccino, mentre l’Epatite C si può curare con farmaci efficaci.

Per questo, l’Organizzazione mondiale della sanità aveva fissato l’obiettivo della sua eliminazione entro il 2030.

Il nostro paese è ben lontano dal raggiungimento dell’obiettivo.

Annuncio pubblicitario

Come riportato dai dati dell’ISS, nel 2020 sono stati segnalati 19 nuovi casi di epatite C acuta, con un’incidenza di 0,04 casi per 100mila abitanti. Un dato sottostimato a causa della pandemia.

“Serve un rilancio per la diffusione di vaccini, screening e trattamenti. In questo anno e mezzo vi è stata una diminuzione significativa sia delle diagnosi che dei pazienti trattati per l’eradicazione dell’Epatite C”, sottolinea il direttore scientifico del Simit Massimo Andreoni.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo su Pinterest!

Giornata mondiale dell'Epatite: dopo la pandemia, è urgente rilanciare i vaccini

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Maria Luisa Prete

Maria Luisa Prete

Laureata in Scienze della comunicazione, dal 2007 sono giornalista pubblicista. Ho collaborato con Repubblica, scrivendo, tra le altre, per le rubrica Sapori e Salute. Per Melarossa mi occupo delle news riguardanti alimentazione e benessere

Annuncio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.