CONDIVIDI

Un primo che grazie alle olive, ricche di antiossidanti, aiuta a restare giovani

Ingredienti

Nella tua dieta personalizzata di Melarossa troverai le quantità degli ingredienti su misura per te.
Se non sei a dieta ma vuoi comunque mangiare sano, ecco le quantità medie per 4 persone:

  • gr. 350 di pasta
  • 2 spicchi di aglio
  • 20 olive (nere o verdi)
  • 4 pomodori
  • sale qb
  • pepe qb
  • prezzemolo qb
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 4 cucchiaini di parmigiano
  • 4 cucchiaini di pangrattato

Preparazione

Metti a cuocere in un tegame, con il vino, le olive prima snocciolate e tagliate a pezzetti, l’aglio schiacciato, sale e prezzemolo tritato.

Quando il vino è denso, quasi evaporato, spegni il fuoco.

Nel frattempo metti sul fuoco una pentola con il bordo alto contenente 1 litro di acqua per ogni etto di pasta da cuocere.

Quando l’acqua bolle, aggiungi il sale grosso (approssimativamente 10-15 grammi per ogni litro d’acqua).

Quando l’acqua torna a bollire butta la pasta e cuocila per due minuti in meno del tempo indicato sulla confezione mescolandola appena è stata buttata e rimescolandola ogni tanto.

Scola la pasta e mettila in una teglia, condiscila con il sugo e coprila con fette di pomodori.

Sul tutto spargi un velo di pangrattato, parmigiano e pepe.

Metti in forno a gratinare a 175 gradi, per 15 minuti.

Il nutrizionista consiglia

Le olive verdi sono la base dell'estrazione dell'olio extra vergine di oliva e quindi contengono tutti quei principi nutritivi importanti che ritroviamo nell'olio extra vergine di oliva, in particolare delle sostanze, chiamate antiossidanti, che servono a combattere i radicali liberi, e molta vitamina E, che svolge anch'essa un ruolo importante come antiossidante.

Il pomodoro ha dei pregi nutrizionali che non sono rappresentati dai classici nutrienti, grassi, proteine e zuccheri ma da altri nutrienti, chiamati carotenoidi, in particolare uno – il licopene – che ha una funzione molto importante nel prevenire le malattie cardiovascolari e tumorali e che non si perde nella cottura, pertanto è presente anche nella salsa di pomodoro.

Luca Piretta, SISA – Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione

Commenti