CONDIVIDI

Una torta leggera dal gusto delicato che accontenta grandi e piccini!

199 calorie a porzione

Ingredienti per 10 persone:

Per la pasta frolla

  • 2 uova (140 calorie)
  • 70 ml di olio di semi (629 calorie)
  • 3 cucchiai di zucchero (120 calorie)
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci (5 calorie)
  • un limone grattugiato
  • 200 g di farina (680 calorie)

Calorie: 1574

Per la crema pasticcera light

  • un uovo (70 calorie)
  • 2 cucchiai di zucchero (20 gr) (80 cal)
  • 30 gr amido di mais (105 cal)
  • 250 ml latte (115 calorie)
  • la scorza di un limone grattugiato
  • un pizzico di vaniglia

Calorie: 370

Per la decorazione

  • frutta (ananas, fragole, banana, kiwi, mirtilli) (50 cal)
  • 10 grammi di gelatina (da utilizzare nel caso vogliate     conservare la crostata in frigo per qualche giorno)

Totale calorie: 1994

Preparazione

Per preparare la pasta frolla, segui la ricetta della pasta frolla light di Melarossa.

Per la crema, versa il latte in un pentolino con la buccia di limone grattugiata e un pizzico di vaniglia e portarlo a bollore.

In una ciotola, mescola con una frusta uovo, zucchero, amido di mais e, una volta amalgamati tutti gli ingredienti, aggiungi il latte continuando a mescolare.

Versa il composto nel pentolino e fallo cuocere finchè non si addensa.

Una volta pronta, versa la crema in una ciotola e falla raffreddare.

Preriscalda il forno a 180°.

Prepara la base della crostata: stendi la pasta frolla light con un mattarello, adagia la sfoglia su una teglia rivestita di carta forno, bucherellarla con una forchetta, ricoprila di carta forno e versa all'interno del riso in modo che, durante la cottura, la pasta acquisti la forma di una base da crostata.

Inforna per 15-10 minuti.

Sforna la base, lasciala raffreddare, spolverala di zucchero a velo, ricoprila con uno strato di crema e decorala con la frutta. Ricopri la frutta con della gelatina se la crostata deve essere conservata in frigo per qualche giorno.

La parola al nutrizionista

Questo dolce colorato e fresco è l'ideale per far mangiare la frutta ai bambini, che spesso non la amano particolarmente. L'importante è utilizzare della frutta fresca, che contiene inalterati tutti i nutrienti, mentre quella di stagione o conservata li perde in gran parte, soprattutto i polifenoli e le vitamine, che si consumano con il passare del tempo. Per questo, se cerchiamo nella frutta i principi nutritivi utili alla nostra salute, è fondamentale consumarla fresca, di stagione e possibilmente anche del territorio in cui viviamo.

(Luca Piretta - medico nutrizionista)

Commenti