Home Nutrizione Mangiar sano Spreco alimentare: consigli per conservare frutta e verdura

Spreco alimentare: consigli per conservare frutta e verdura

CONDIVIDI
spreco alimentare: come conservare la frutta e la verdura

Come ridurre lo spreco alimentare e conservare al meglio la frutta e la verdura? Giocano un ruolo importantissimo nelle diete, soprattutto nella dieta Melarossa, che prevede 3 spuntini quotidiani a base di frutta.
Cinque porzioni di frutta e verdura sono fondamentali per dimagrire in modo equilibrato: ricche di fibra e poco caloriche, forniscono all’organismo vitamine, minerali e antiossidanti.
Spesso, però, non sai come conservarle né dopo quanto tempo consumarle: dopo una settimana, puoi ancora mangiarle?
Eccoti qualche regola per consumare nel migliore dei modi la frutta e la verdura, beneficiando al massimo dei loro preziosissimi nutrienti!

Evitare lo spreco alimentare al mercato

E’ fondamentale scegliere bene la frutta e la verdura. Osserva con cura i prodotti prima di pesarli!  Vuoi consumarli subito? Allora sceglili ben maturi. Se, invece, li  compri in anticipo, preferiscili più acerbi.
Meglio frutta e verdura fresche e di stagione, se hai la possibilità vai al mercato. Al supermercato, infatti, frutti e ortaggi vengono comprati non maturi e conservati in frigo e questo fa sì che perdano progressivamente i loro valori nutrizionali.

Evitare lo spreco alimentare a casa

Metti subito frutta e verdura nell’apposito scomparto in frigorifero. Saranno protette da qualsiasi sbalzo di temperatura. Ma attenzione: non tutta la frutta e la verdura può essere conservata in frigo! Per non sbagliare, consulta le tabelle di Melarossa e scopri se è meglio conservare i tuoi prodotti in frigo, in freezer o a temperatura ambiente, quanto a lungo frutta e verdura mantengono la loro freschezza e dopo quanti giorni è meglio buttarle!

tabella come conservare la frutta

tabella come conservare la verdura

Lavaggio: non immergere frutta e ortaggi in un contenitore pieno d’acqua ma passali sotto il rubinetto, in modo tale da non disperdere le vitamine B e C solubili in acqua. Per la verdure piene di terra, utilizza una spazzola. Se vuoi consumarle crude, sciacquale velocemente con qualche goccia di aceto.

Pelatura: la maggiore parte delle vitamine si trova nella buccia quindi, quando sbucci frutta e verdura, fai attenzione ad eliminare solo lo strato più superficiale.

Cottura: deve essere veloce. I metodi efficaci sono la cottura al vapore oppure alla wok. La cottura in  acqua rischia invece di far disperdere tutte le vitamine, quindi, soprattutto nel caso della vitamina C, particolarmente sensibile al calore, più la cottura è veloce meglio riesci a preservarla.

Congelamento: non hai mai pensato di congelare frutta e verdura? Appena iniziano a perdere freschezza tagliali a pezzi (soprattutto se vuoi utilizzarli per dei dolci light o un bel minestrone!) e mettili in freezer. Per quanto tempo puoi conservarli? Scoprilo con le guide di Melarossa!

Curiosità sulle pere

Sai perché alcune pere hanno la cera rossa intorno al picciolo? Per rallentare l’evaporazione! In questo modo la frutta si conserva più a lungo!

Curiosità sulla frutta

Puoi accelerare la maturazione di alcuni frutti mischiando quelli acerbi con quelli molto maturi! Non mischiare mai cipolle e patate o le farai marcire!

I rimedi della nonna

Asparagi: hai comprato gli asparagi ma non pensi di consumarli prima di 3 o 4 giorni? Per mantenerli freschi, taglia le estremità  e mettili in frigo in un bicchiere con 2 cm d’acqua.

Patate: per evitare la germinazione delle patate, mettile al riparo dalla luce “in compagnia” di due mele.

Insalata: appena la tua insalata perde un po’ di freschezza, rinfrescala per 30 minuti nell’acqua con un po’ di zucchero.

Mele: non ce la fai a finire la tua mela e non la vuoi buttare? Per non farla ossidare, cospargila di succo di limone.

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteAntinfiammatori naturali per combattere i dolori
Articolo successivo10 cibi per depurarsi a tavola
Sono nata in Francia ma vivo in Italia da 20 anni. Prima di diventare pubblicista, ho fatto l’insegnante di sport (ISEF) in Francia e l’attrice per 10 anni. Appassionata di salute e benessere, collaboro per Melarossa da 5 anni, scrivo soprattutto di fitness e gestisco la pagina Facebook. Mi piace molto il mio lavoro perché è molto creativo e abbiamo molti rapporti con gli utenti a cui cerchiamo di dare una mano per rimanere sempre positivi durante il loro percorso.