Home Bellezza Trucco e capelli La frangia giusta per te

La frangia giusta per te

CONDIVIDI
i consigli su come tagliare la frangia

Ad arco, bombata, dritta o sfilata? A seconda di come la tagli, la frangia regala al viso espressioni diverse. Ti permette di cambiare look senza stravolgere il taglio, in più riequilibra le proporzioni del viso, se fatta bene, esalta lo sguardo e sortisce un effetto anti-age, infatti è un buon escamotage per nascondere le rughe della fronte.

Ma quali sono le tendenze? E soprattutto, come spiegare al tuo parrucchiere la frangia che desideri?
Lo abbiamo chiesto ad Alessia Nardi, hair styler di NARDI DAY SPA.

Quali tipi di frange esistono?
La frangia “ad archetto”, per esempio, è una frangia corta “alla paggetto”, ovalizzata sulla fronte e molto corta. Si adatta bene alle più giovani, perché fresca e divertente, soprattutto su un taglio corto.
La frangia “bombata”, invece, alla “Brigitte Bardot”, si ispira agli anni '60 ed è una sorta di frangia a tutto volume, molto “fonata”.
Poi c'è la frangia “sfilata”, ossia asimetrica e irregolare.
Infine c'è la frangia “a piombo” o ultra dritta e pesante.

A chi dona la frangia? Sta bene a tutte?
La frangia va considerata una sorta di accessorio: dunque, consiglio di scegliere la frangia in base al proprio viso, al proprio look e al proprio modo di essere.
Quella “ad archetto” arrotonda l'ovale; quindi è consigliabile a chi ha un viso molto regolare, un po' alla Audrey Hepburn, e va evitata da chi ha il viso tondo o quadrato.
Le frange “sfilate” e lunghe stanno bene, invece, ai visi allungati o spigolosi.
Attenzione anche alle lunghezze: la frangia corta sposta l'attenzione sullo sguardo, quindi va evitata se si hanno delle imperfezioni agli occhi.
Le frange lunghe evidenziano il viso dagli zigomi in giù. Dunque va evitata da coloro che hanno un naso importante.

Come fare per mantenerla in perfetta forma?
Consiglio a chi ha delle imperfezioni, come le vertigini, di fare un “tiraggio” solo sui capelli della frangia.
Altrettanto importante è ritornare dal parrucchiere ogni venti/trenta giorni per ritoccarla.
Per asciugarla a casa bisogna darle già una forma quando i capelli sono bagnati.
Se la frangia è corta e bombata per l'asciugatura consiglio l'uso di una spazzola media tonda (di 2/ 3 cm di diametro). Sulle frange “a piombo” e pesanti è possibile anche usare la piastra.

Ci può parlare della nuova tendenza “frangia all'occorrenza”, ossia della moda del CLIP HAIR?
Si tratta di frange già pronte, molto semplici da usare.
Per un risultato più naturale, consiglio di preferire quelle di capelli veri a quelle sintetiche.
Basta fare una riga al centro, fissare la molletta con la frangia e coprire il posticcio con i capelli veri.

Marta Piselli

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome portare il carrè
Articolo successivoCome nascondere i segni del tempo col trucco
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.