Home Bellezza Fai da te Cosmetici, come leggere l’etichetta?

Cosmetici, come leggere l’etichetta?

CONDIVIDI
come leggere l etichetta dei cosmetici

Davanti ad un cosmetico, come davanti ad un buon pasto, devi tenere sotto controllo gli ingredienti! Impara a leggere le etichette dei cosmetici e a non mettere a rischio la tua salute.

Cosa contiene il tuo shampoo? Tutte le volte cha hai provato a leggere l’etichetta hai trovato nomi incomprensibili: ecco, quell’elenco è l’INCI.

L’acronimo INCI sta per International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, ovvero “Nomenclatura Internazionale degli Ingredienti Cosmetici”: si tratta di una nomenclatura universale che le aziende cosmetiche hanno l’obbligo di utilizzare per indicare la composizione dei propri prodotti.

Gli ingredienti non sottoposti ad interventi chimici sono espressi mediante il loro nome botanico in latino; quelli che invece hanno subito processi chimici vengono riportati sull’etichetta con un nome inglese.

Purtroppo non è previsto alcun obbligo di specificare la percentuale degli ingredienti utilizzati e questo fa sì che alcuni prodotti possano essere spacciati come “naturali” anche se di fatto sono prevalentemente cosmetici di sintesi.

Come è composta un’etichetta?

Saper leggere l’etichetta è l’unico modo per fare un acquisto consapevole. Questa deve riportare il nome e la sede legale del produttore, la data di durata minima – se essa è inferiore a trenta mesi – oppure la validità successiva all’apertura se la data di scadenza del prodotto è superiore ai trenta mesi, le precauzioni di impiego, il lotto di fabbricazione , se il prodotto proviene da Paesi che non fanno parte dell’Unione Europea, il Paese di origine e
l’elenco di ingredienti che esso contiene, ossia l’INCI.

I componenti del prodotto devono essere elencati in ordine quantitativamente decrescente.
Al primo posto verrà dunque indicato l’ingrediente presente nella percentuale più alta (di solito troviamo l’acqua) e gli altri verranno poi indicati a seguire, sempre in base alla relativa percentuale.

Di solito un cosmetico è preparato in modo da avere una formula base alla quale vengono aggiunti i cosiddetti “funzionali” o “principi attivi”, ovvero le sostanze col compito di apportare gli specifici benefici per un dato problema.
I principi attivi sono, in genere, riportati nella parte centrale dell’INCI, preceduti da tensioattivi, gelificanti, umettanti e seguiti da conservanti, coloranti e profumi.

Come regola generale sappi che più l’elenco degli ingredienti è breve e in latino, più il prodotto è naturale.

Derivati del petrolio, solventi chimici, siliconi e conservanti tossici sono tutti ingredienti abbastanza diffusi tra i prodotti cosmetici e non privi di pericolosità per la tua salute.

Fai attenzione, in particolare, a due gruppi di molecole: i tensioattivi e i cosiddetti PEG.

I tensioattivi vengono utilizzati per rendere più schiumosi shampoo e bagnoschiuma, ma alcuni di essi, come il Sodio Lauryl Solfato, possono irritare la pelle, gli occhi, causare allergie, inquinare i corsi d’acqua e risultare nocivi per gli organismi che li abitano.

I PEG (Poli-Etilene-Glicole) sono sostanze emulsionanti che, se presenti in quantità limitate, non sono dannose di per sé ma lo diventano quando associate ad altri prodotti chimici; la loro funzione è quella di rendere la pelle maggiormente permeabile e facilitare l’ingresso di altre sostanze attraverso le barriere dell’epidermide. Ne consegue che, nel caso in cui un prodotto contenga sostanze nocive, la loro diffusione nel nostro organismo è agevolata dall’azione dei PEG.

Attenzione anche alle placente bovine utilizzate per creme e balsami: esse contengono ormoni e potrebbero risultare pericolose per il regolare sviluppo dei bambini; al mercurio, presente in alcuni mascara, che può causare danni cerebrali; i petrolati, utilizzati in creme da barba e shampoo, potenzialmente cancerogeni; alle nanoparticelle, presenti in creme solari e dentifrici, ritenute particolarmente tossiche.

Per essere informatissima leggi il Biodizionario (www.biodizionario.it): utilissima guida al consumo consapevole dei prodotti cosmetici, grazie alla quale basterà digitare il nome dell’ingrediente di tuo interesse per ottenere la valutazione dell’affidabilità della sostanza desiderata.

Sylvie Pariset

 

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteProdotti di bellezza bio
Articolo successivoCollo e décolleté più giovani
Sono nata in Francia ma vivo in Italia da 20 anni. Prima di diventare pubblicista, ho fatto l’insegnante di sport (ISEF) in Francia e l’attrice per 10 anni. Appassionata di salute e benessere, collaboro per Melarossa da 5 anni, scrivo soprattutto di fitness e gestisco la pagina Facebook. Mi piace molto il mio lavoro perché è molto creativo e abbiamo molti rapporti con gli utenti a cui cerchiamo di dare una mano per rimanere sempre positivi durante il loro percorso.