Home Nutrizione Mangiar sano 6 cose disgustose che mangi senza saperlo

6 cose disgustose che mangi senza saperlo

CONDIVIDI
cose-disgustose-che-mangi-senza-saperlo

Jennifer Cohen di Forbes ha scritto un interessante articolo su alcuni cibi da evitare. Appena l’ho letto ho pensato subito a te!! Perché ti voglio bene e so che mangi un sacco di porcherie.
Queste però all’apparenza non sono cose disgustose ma hanno un lato oscuro e misterioso. Sei pronto?

Intanto una prima chicca: conosci Starbucks? In Italia ancora non c’è ma se viaggi un pochino ci sarai sicuramente stato. Magari ti sei preso un bel Frappuccino alla fragola? Bene, quel bel rosso tenue che colora la tua bevanda preferita viene fatto con le…. coccinelle!! Blaaahahhhhh che schifo!! Non ci credi? Se conosci un po’ l’inglese leggi questo articolo: link

Ma questo non era che l’antipasto... partiamo con la classifica vera e propria:

I funghi

Fresco è sempre meglio che in scatola. La plastica che avvolge le lattine contiene il Bisfenolo A, simpatica sostanza chimica che è in grado di attraversare il rivestimento in plastica di prodotti alimentari in scatola. Il Bisfenolo A non fa bene per niente: è, infatti, dannoso alla salute e contribuisce a provocare problemi di salute seri come attacchi di cuore, obesità e tumori. 

Schiff factor: pensa che in molte culture i vermi fanno parte di una dieta sana e ricca di proteine… quindi se compri funghi freschi con qualche verme è meglio che comprarli in scatola

Gelatine alla frutta

Queste caramelline gommose allegre  e gustose, dall’effetto ciliegia (una tira l’altra),  contengono coloranti alimentari artificiali, molti dei quali sono prodotti con sostanze che derivano dal…. petrolio. Adesso capisci come mai le trovi sempre all’Autogrill??

Schiff factor (prepara il sacchetto):  è stato dimostrato che i coloranti arancio e viola rallentano le funzioni del cervello e possono causare problemi comportamentali nei bambini.
Vabbè, adesso si spiega tutto!! Quante te ne sei mangiate da piccolo???

Gomme da masticare

Le gomme contengono la lanolina, che è una sostanza presente nelle creme per ammorbidire le mani… infatti rende anche morbide le gomme da masticare.

Schiff factor (prepara il sacchetto): la lanolina è una secrezione oleosa che si trova nella lana di pecora. Ogni volta che si mastica una gomma, si sta masticando il sudore delle pecore (mmm, mi viene già l'acquolina in bocca!). Inoltre è facile che queste pecore siano entrate a contatto con i pesticidi utilizzati dalle aziende agricole. Questi pesticidi possono accumularsi nel tessuto adiposo e alcuni i ricercatori ritengono che possano alterare il latte materno delle neomamme.

Gelato alla vaniglia

Che buon sapore, vero?? Pensa che il gelatino che ti stai sleccazzando (e guardarti  farlo è di per sé una cosa disgustosa) contiene probabilmente il castoreum.

Schiff factor (prepara il sacchetto): cosa è il casteoreum? Sarebbe meglio non saperlo ma oramai siamo qua. Questa gustosa sostanza viene ricavata da particolari secrezioni anali del castoro (!). Queste secrezioni vengono spesso a contatto anche con la pipì di questo animaletto… quindi ogni volta che ti mangi il gelatino alla vaniglia… vaabbè, lasciamo perdere che già ti vedo verde pistacchio.

Pane

Alcuni pani commerciali (quindi non quelli del fornaio) possono contenere la L-Cisteina.

Schiff factor (prepara il sacchetto): La L-Cisteina è un aminoacido usato per prolungare i tempi di conservazione di prodotti come appunto il pane commerciale. Questo aminoacido viene prodotto da piume d'anatra e di gallina, da corna di mucca tritate ma anche…. da capelli umani.
Capelli, burro e marmellata…..

Patatine fritte

Quelle belle dorate patatine che compri tutti i giorni nel tuo fast food preferito vengono fritte in olio che contiene dimetilpolisilossano

Schiff factor (prepara il sacchetto): il dimetilpolisilossano è un…. silicone antischiumogeno che viene aggiunto all’olio per evitare la formazione di schiuma durante la frittura.
Nonostante ne sia riconosciuta la tossicità, la direttiva europea 95/2/CE del 20 febbraio 1995 autorizza l’utilizzo del dimetilpolisilossano nei grassi e negli oli di frittura in una quantità non superiore a 10 mg/kg.


Patrizio Cecconi

 

 

Commenti