Home Nutrizione Mangiar sano Come scegliere un buon pane

Come scegliere un buon pane

CONDIVIDI
come scegliere il pane

Come scegliere il pane di qualità? Ci sono dei trucchi, per andare sul sicuro e acquistare un pane ben lievitato e cotto e quindi, digeribile e fragrante.
Il pane è un alimento semplice e preparato con solo tre ingredienti: farina, acqua e lievito si uniscono per creare qualcosa di tanto “umile” quanto prezioso.

Come scegliere il pane di qualità?

Produrre un buon pane non è un processo così scontato e automatico perché  bisogna rispettare i giusti tempi di lavorazione, di lievitazione e di cottura. Solo così i panificatori possono riuscire a creare un pane di qualità, croccante fuori e ben “sfogato all’interno”, che emani quell’inconfondibile profumo.

Le armi per scegliere il pane migliore

Quando entri dal fornaio la prima cosa da fare, come al solito, è controllare la lista degli ingredienti, affissa per legge all’interno del negozio: nel caso di panini all’olio, per esempio, puoi accertarti che l’olio usato sia extravergine di oliva, da preferire sempre rispetto ad altri oli vegetali.

Come scegliere il pane: controlla il colore

Dopodiché, guarda attentamente le pagnotte in esposizione e controlla il colore della crosta. Se la parte superiore della pagnotta è molto chiara, significa che il tasso di umidità all’interno è sicuramente elevato.  Un pane del genere si digerisce con più difficoltà e rischia di sviluppare più velocemente delle muffe. Se invece la crosta è diventata troppo bruna, ci possono essere state delle reazioni di caramellizzazione degli ingredienti. Anche in questo caso il pane risulta poco digeribile; le parti bruciate, poi, possono avere addirittura sviluppato delle sostanze non salutari. Orientati, quindi, su una giusta via di mezzo, su un bel colore dorato.

Anche la consistenza ti aiuta

Se le pagnotte esposte sono tagliate a metà, presta attenzione anche alla consistenza della mollica, altro indice di genuinità e fragranza. Se è ben aderente alla crosta ed ha un’ alveolatura fine e abbondante, significa che la lievitazione è perfettamente riuscita. Una volta a casa puoi fare un altro test sulla mollica. Stringendola tra le dita: se si ammassa risultando collosa, significa che il pane non è stato perfettamente lievitato.

Una volta acquistato il prodotto migliore, conservalo per bene.Mettilo sempre in sacchetti di carta (o di stoffa, come facevano le nonne), mai di plastica, in modo che l’aria possa circolare all’interno. L’aria farà perdere umidità, il pane tenderà ad indurirsi, ma in questo modo non si svilupperanno le muffe.

Prova la  ricetta del pane bianco fatto in casa!

come scegliere iil pane: preparalo a casa!

Clicca qui e vai alla ricetta!

Commenti