Home Nutrizione Mangiar sano Caldo: consigli per conservare al meglio i cibi

Caldo: consigli per conservare al meglio i cibi

CONDIVIDI
Come conservare al meglio i cibi quando fa caldo

La conservazione dei cibi ha regole ben precise, che diventano più rigorose quando le temperature salgono. Il processo di deterioramento degli alimenti, infatti, è influenzato non solo dalla loro composizione (in quelli particolarmente ricchi di sostanze proteiche e di acqua, il deterioramento è più rapido, perché i microrganismi utilizzano questi composti per la loro riproduzione), ma anche dalla temperatura di conservazione. E visto che un alimento mal conservato può diventare pericoloso per la salute, è importante adottare specifici comportamenti.

Innanzitutto, nell’utilizzare il frigorifero, devi ricordare che la temperatura non è costante su tutti i ripiani, perché il caldo tende ad andare verso l’alto: pertanto, il ripiano più basso (quello sopra i cassetti per frutta e verdura) è il più freddo, dove devi necessariamente riporre carne e pesce, che tendono a deperire in fretta.

Puoi riporre affettati e formaggi nei ripiani più alti, mentre lo scomparto laterale è destinato ai prodotti che necessitano solo di una leggera refrigerazione, come le bibite e le salse; a proposito: non usare mai questo scomparto per tenere il latte (cosa che in molti, invece, fanno), perché ha bisogno di temperature più basse.

La frutta e la verdura vanno nell’apposito cassetto, che costituisce uno scomparto sui generis: è lì, infatti, che trovi le temperature più elevate (anche 6-8 gradi).

Altra regola per una conservazione corretta e sicura: carne e pesce crudi vanno sempre tolti dall’incarto del negozio (che tende ad “impregnarsi” dei liquidi persi dall’alimento, in cui i batteri possono proliferare facilmente) e conservati in un contenitore di vetro a chiusura ermetica. Stessa cosa vale per gli avanzi di cibi cotti: l’ideale è prediligere sempre il contenitore di vetro.

Se invece decidi di usare la pellicola trasparente o la carta stagnola, devi ricordare che è meglio non utilizzare l’alluminio con i cibi acidi e salati e la pellicola con i cibi grassi, per evitare eventuali contaminazioni dell’alimento con alcune particelle del metallo o della plastica. La cosa migliore è seguire le indicazioni di utilizzo riportate sulle confezioni di pellicola e alluminio: preferisci i produttori che le riportano.

Un ultimo consiglio per evitare sprechi e rischi per la salute, è legato alle scadenze degli alimenti.

Non tutti sanno che, a volte, se consumi alcuni alimenti oltre la data riportata sulla confezione, non corri alcun rischio per la salute, ma se vuoi approfondire questo tema, leggi il nostro articolo sulla conservazione e data di scadenza dei cibi. in cui Melarossa ti fornisce tutte le dritte per non correre rischi.

Claudia Manari

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteCestino di mela con composta di kiwi
Articolo successivoSmanie di cibo
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.