Sensi di colpa dopo aver mangiato. Come affrontare il problema

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Salute
  4. Psicologia
  5. Sensi di colpa dopo aver mangiato. Come affrontare il problema

La cosa più importante, quando si intraprende una dieta, è capire qual è la forma fisica che dovremmo avere e che ci piacerebbe avere. Il peso adatto alle nostre caratteristiche fisiche, infatti, può variare in base a molteplici parametri come la massa magra, la massa grassa, la grandezza delle ossa e l’altezza. Dopo di che è necessario settarsi su quel peso, salutare e ragionevole, più che estetico.

Quando si è in sovrappeso o obesi, la condizione necessaria per mettersi al riparo dai rischi per la salute è perdere il 10% del peso iniziale. Tutto il resto è una questione di gusto estetico e, spesso, anche di eccessiva attenzione alle forme del corpo. Un meccanismo diabolico per cui non ci si sente mai a posto e mai soddisfatti del peso raggiunto, perché troppo “morbidi” o troppo privi di forme.

Ma è di fondamentale importanza tenere a bada questo aspetto che può assumere anche proporzioni più importanti e farci avvicinare allo sviluppo di un disturbo alimentare. Imparare cioè a godere dei risultati ottenuti, a valorizzare i nostri punti di forza e a minimizzare i punti critici… e alla fine mettere un punto. Fissare un peso e fermarsi lì, allentando la spinta a mettere sempre l’attenzione sul corpo e le sue forme.

Commenti

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati

Commenti