Annuncio pubblicitario

Post dieta. Come fare a non riprendere peso

Probabilmente, una volta raggiunti gli obiettivi, ci si “rilassa”, cominciando ad allentare l’attenzione su ciò che si mangia… Purtroppo però questo comportamento porta automaticamente a riprendere peso. Una volta raggiunto il peso che si desidera è bene porsi come limite di “ingrassamento” 1,5kg, peso oltre il quale si fa più fatica a rimettersi in carreggiata.

Il fatto di riprendere più di 1,5 kg dipende da alcuni modi distorti di pensare che si mettono in atto una volta che si è arrivati all’obiettivo prefissato. Ma esistono delle tecniche e degli strumenti che possono aiutarti. Eccone qualcuno.

  • Compilare il diario psiconutrizionale. Uno strumento che aiuta ad analizzare il comportamento alimentare e in particolare a riconoscere quali sono i fattori che influenzano la tua alimentazione.
  • Tenere sotto controllo gli stimoli che portano a sgarrare. Anche in questo caso, basta mettere in atto alcuni trucchetti. Ad esempio fare la spesa a stomaco pieno e con una lista già preparata, evitare il reparto dolci, non comprare cibi pronti, preparare porzioni di cibo singole, usare piatti piccoli ecc.
  • Riconoscere le situazioni più a rischio e mettere in atto soluzioni “distraenti”. Quando le emozioni ci assalgono (che siano negative o positive) è facile cadere in tentazione. Per evitarlo, basta compilare una lista di attività alternative da fare (chiamare un’amica, leggere un libro, uscire a fare una passeggiata) e una lista di frasi di “incoraggiamento” da ripetere (ce la posso fare, passerà presto, la fame non è un urgenza).

Last Update: 26 Aprile 2020  

Floriana Ventura  Psicologia

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Floriana Ventura

Floriana Ventura

Psicologa clinica e psicoterapeuta, ho frequentato la scuola di specializzazione quadriennale conseguendo il titolo Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale. Mi occupo del benessere psicologico, di gestione del peso corporeo e degli ostacoli psicologici collegati ad esso, della sfera dei disturbi d’ansia e degli attacchi di panico, ma anche di problemi legati all’insonnia. Per Melarossa rispondo alle domande degli utenti nella sezione psicologia.

Annuncio pubblicitario

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.