Disturbo da alimentazione incontrollata. Come gestirlo?

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Salute
  4. Psicologia
  5. Disturbo da alimentazione incontrollata. Come gestirlo?

Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (Binge Eating Disorder), si può descrive così.

  • durante la giornata il soggetto si abbuffa, mangia spesso o fa continui spuntini, anche abbondanti;
  • non compensa né con il vomito, né con purganti, per cui tende ad ingrassare, anche molto;
  • prova emozioni negative e si sente a disagio perché non riesce ad avere il controllo della sua alimentazione;
  • mette in atto questo tipo di comportamento alimentare mediamente, due giorni alla settimana da almeno sei mesi.

Poi, probabilmente, si aggiungono anche altri fattori. Ad esempio

  • mangiare velocemente, grosse quantità di cibo, anche se non si ha molta fame
  • mangiare spesso da soli a causa dell’imbarazzo per le quantità ingerite;
  • fare spesso dei digiuni o importanti restrizioni, senza riuscire a seguire un’alimentazione regolare per lungo tempo;
  • non praticare attività sportiva e, anzi, fare una vita molto sedentaria
  • avere grandi fluttuazioni di peso, soprattutto in aumento.

In questi casi non basterà un programma alimentare a risolvere il problema, è necessario un supporto psicologico. Per affrontare efficacemente il Disturbo da alimentazione incontrollata il suggerimento migliore e quello di contattare uno psicoterapeuta esperto in disturbi alimentari che potrà seguire il soggetto per un periodo ed aiutarlo ad uscire da questo “comportamento malsano”.

Commenti

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati

Commenti