Come affrontare la dieta dopo la maternità

La maternità è un’esperienza meravigliosa e totalizzante che riempie il cuore di emozioni a volte strabordanti, e sicuramente è una fase in cui le mamme tendono facilmente a dimenticarsi di se stesse, in nome di qualcosa di tanto piccolo ma immensamente importante. E può succedere all’interno di questo marasma emotivo, e spesso anche pratico, che si finisca in fondo alla lista delle priorità per troppo tempo, con qualche conseguenza: poca cura per se stesse, pochi o addirittura nessuno spazio dedicato alla propria persona e poco tempo per concentrarsi sulle proprie esigenze. Da qui si parte col mangiar male o troppo, si comincia ad abbattersi e si entra in un circolo vizioso di rabbia, tristezza e frustrazione fino ad arrivare anche alla depressione.

Per affrontare la cosa è importante spezzare questo circolo vizioso cominciando a ritagliare degli spazi per se stessi. In questo momento la priorità è interrompere l’apatia, che rischia di fagocitare in una spirale pericolosa. Fare una lista di alcune attività da inserire nel quotidiano proprio per andare a interrompere la passività che non fa altro che produrre stanchezza e apatia.

Serve convogliare ciò che oggi mettere il cibo in un altro tipo di sfogo più costruttivo, il caffè con un’amica, una camminata nel parco e così via. Una volta uscita dall’apatia e da questa fase depressiva ci si potrà dedicare meglio al regime alimentare programmato.

Last Update: 26 Aprile 2020  

Floriana Ventura  Psicologia
Floriana Ventura

Floriana Ventura

Psicologa clinica e psicoterapeuta, ho frequentato la scuola di specializzazione quadriennale conseguendo il titolo Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale. Mi occupo del benessere psicologico, di gestione del peso corporeo e degli ostacoli psicologici collegati ad esso, della sfera dei disturbi d’ansia e degli attacchi di panico, ma anche di problemi legati all’insonnia. Per Melarossa rispondo alle domande degli utenti nella sezione psicologia.

Related Posts