Come gestire la bassa autostima durante la dieta

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Salute
  4. Psicologia
  5. Come gestire la bassa autostima durante la dieta

La presa di coscienza, la consapevolezza di avere poca stima di se stessi è già un passo avanti nel percorso che ci porta a “guarire” dal problema. Una volta capito che il problema è la bassa autostima, infatti, è necessario mettere nero su bianco TUTTE le reali motivazioni per cui si sceglie di dimagrire. Ad esempio facendo un elenco, ricco e dettagliato, da rileggere tutte le volte che la tentazione di mangiare ci colpisce.

Oltre a questo, ci sono delle indicazioni da seguire per gestire le cosiddette smanie di cibo, che probabilmente rappresentano uno dei maggiori nemici del dimagrimento. La smania di cibo è caratterizzata da un intenso impulso a mangiare accompagnato da una tensione e da una spiacevole sensazione di bramosia, nella bocca, nella gola o nel corpo: questa non trova sollievo fino a quando non si mangia il cibo ”smaniato”.

La prima cosa da fare in questi casi è aspettare che una smania di cibo passi: questo aumenta la capacità di tollerarla. Le smanie di cibo iniziano a diminuire nel momento in cui si decidi che NON abbiamo assolutamente intenzione di trasgredire la dieta. Aumentano, invece, quando si è indecisi. . È una fase che dura al massimo 5-10 minuti, per cui, se si resiste per quel tempo, tenendosi occupati in qualcosa di piacevole, e passerà.

Se torna dopo un po’, è bene comportarsi allo stesso modo: pian piano ne verranno sempre meno e più gestibili.

Commenti

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati

Commenti