Annuncio pubblicitario

Come affrontare ansia e tachicardia?

La tachicardia e il senso di stretta alla gola sono sintomi riconducibili all’ansia. L’organismo utilizza l’ansia come segnale per dirci che è arrivato il momento di modificare qualcosa.  

Il lavoro che va fatto per gestire l’ansia non può essere spiegato per email: quello che però intanto si può fare  è praticare la Tecnica della Respirazione Lenta ogni volta che sentiamo arrivare i sintomi dell’ansia.

Questa tecnica serve a riequilibrare all’interno del nostro organismo l’ossigeno e l’anidride carbonica. Questi, infatti, subiscono uno scompenso se sottoposti ad iperventilazione, condizione che si verifica tutte le volte che si produce ansia. Ecco i passaggi principali:

  • Interrompere quello che stai facendo e siediti, oppure appoggiarsi da qualche parte.
  • Trattenere il fiato SENZA fare prima un respiro profondo e contare 1001, 1002, 1003, 1004, 1005, 1006, quindi mandare fuori l’aria in circa 3 secondi contando 1001, 1002, 1003.
  • Iniziare a fare inspirazioni regolari di 3 secondi ed espirazioni regolari di 3 secondi, con il naso, senza sforzo, respirando normalmente, per almeno 2-3 minuti.

Usando questa respirazione tutte le volte che sentiamo arrivare l’ansia, si riesce a farla scemare fino a farla sparire in pochi minuti. Naturalmente questo è uno strumento molto utile ma non esaustivo per la gestione dell’ansia, per la quale è necessario un breve percorso di psicoterapia, preferibilmente cognitivo comportamentale.

Last Update: 9 Maggio 2020  

Floriana Ventura  Psicologia

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Floriana Ventura

Floriana Ventura

Psicologa clinica e psicoterapeuta, ho frequentato la scuola di specializzazione quadriennale conseguendo il titolo Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale. Mi occupo del benessere psicologico, di gestione del peso corporeo e degli ostacoli psicologici collegati ad esso, della sfera dei disturbi d’ansia e degli attacchi di panico, ma anche di problemi legati all’insonnia. Per Melarossa rispondo alle domande degli utenti nella sezione psicologia.

Annuncio pubblicitario

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario