Che cosa mangiare in caso di intolleranze al latte e latticini?

In caso di intolleranze, la dieta va valutata col proprio medico curante. Solo un professionista infatti, conoscendo il completo quadro clinico, può dare suggerimenti per i casi specifici. Specie per l’abolizione di latte e derivati, eliminando totalmente la categoria di alimenti, si possono rischiare carenze. La più grave è quella di sali minerali importanti come il calcio, fondamentale soprattutto per le donne. 

È bene quindi che il medico di fiducia valuti se può essere sufficiente integrare l’eliminazione di questi alimenti. Un valido aiuto è il consumo regolare di parmigiano o grana (almeno 30 g al giorno). Dal punto di vista calorico e proteico i latticini possono essere sostituiti con soia e derivati (latte e yogurt di soia, tofu, ecc) ma è importante valutare anche gli altri apporti nutrizionali.

Last Update: 23 Aprile 2020  

Eleonora Sarmi  Patologie
Eleonora Sarmi

Eleonora Sarmi

Laureata in Scienze dell’alimentazione, sono esperta di sicurezza alimentare e nutrizione, con un focus specifico sull’aspetto medico. Ho diverse esperienze di intership come nutrizionista, in particolare presso il “Ruaraka Uhai Neema Hospital”, Nairobi (Kenya). Per Melarossa mi occupo soprattutto degli approfondimenti che riguardano gli alimenti.

Related Posts