Ferro basso: come integrarlo nell’alimentazione?

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Salute
  4. Ferro basso: come integrarlo nell’alimentazione?

In generale, le nostre indicazioni sono di evitare la carne rossa per limitare il consumo di grasso ma altre esigenze (che solo il medico curante può conoscere e valutare) possono intervenire per “migliorare” la dieta secondo i casi specifici.

Per il ferro basso possiamo consigliare anche il consumo di fegato e carne di cavallo, con il condimento di limone e prezzemolo che possono aiutare a “fissare” il ferro, grazie all’alta presenza di vitamina C che facilita questo processo metabolico. Va bene anche il consumo di legumi, specie le lenticchie, anche se il ferro di origine vegetale è meno assimilabile rispetto a quello di origine animale.

Come sempre poi, possiamo ribadire, l’importanza di una dieta varia, anche nella fase di mantenimento: il principio dell’alimentazione deve essere sempre lo stesso, anche se il raggiungimento dell’obiettivo di peso permette di aumentare gradualmente e proporzionalmente i nutrienti e l’apporto calorico. Il consumo di grassi e zuccheri semplici, invece, deve essere sempre limitato perchè sono quelli che più alzano le calorie a scapito di altri importanti nutrienti.

Commenti

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati

Commenti