Annuncio pubblicitario

Come ottenere una dieta da conciliare con il lavoro notturno?

Eventuali turnazioni possono incidere sui bioritmi. In questi casi, per prima cosa non bisogna mai consumare un solo pasto per tutta la giornata, è sempre bene distribuire il cibo per tutto l’arco delle ore di veglia, per non avere mai cali di energia e non appesantire stomaco e intestino nella digestione. 

Il nostro consiglio è di seguire la dieta (magari accorpando gli spuntini ai pasti principali) e, pur adattando gli orari alle necessità lavorative, di rispettare almeno i tre pasti principali (colazione, pranzo e cena). 

Se poi si fa colazione alle 14, il pranzo alle 22 (prima del turno di lavoro) e la cena alle 8, prima di andare a riposare, non è gravissimo. È però importante darsi degli orari e delle regole.

Last Update: 29 Aprile 2020  

Eleonora Sarmi  Domande Sul Dimagrimento

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Eleonora Sarmi

Eleonora Sarmi

Laureata in Scienze dell’alimentazione, sono esperta di sicurezza alimentare e nutrizione, con un focus specifico sull’aspetto medico. Ho diverse esperienze di intership come nutrizionista, in particolare presso il “Ruaraka Uhai Neema Hospital”, Nairobi (Kenya). Per Melarossa mi occupo soprattutto degli approfondimenti che riguardano gli alimenti.

Annuncio pubblicitario

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario