Cosa si può fare per dimagrire se si ha un fisico a mela?

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Perdere peso
  4. Domande sul dimagrimento
  5. Cosa si può fare per dimagrire se si ha un fisico a mela?

Ogni individuo ha la propria fisionomia caratteristica. Intervenendo esclusivamente con l’alimentazione non è possibile modificare la fisicità di un soggetto, si andrebbe, in parte, contro natura. Per perdere peso, quello su cui bisogna agire principalmente sono il regime alimentare e l’attività fisica.

La conformazione corporea, in questo caso a mela, non ha raccomandazioni alimentari che si discostano eccessivamente da quelle per perdere peso nel caso in cui si abbia un “fisico a pera”. Ciò che può giovare nel rimodellamento del corpo è il tipo di attività fisica che si svolge, concentrandosi maggiormente sulla parte addominale ed eseguendo esercizi mirati a questa zona. È molto importante assumere il giusto quantitativo di liquidi, che permette di eliminare le scorie in eccesso ed ha un ruolo positivo nella perdita del peso (si consiglia anche di bere acqua con del limone spremuto).

Possono essere consumati alimenti che riducono il gonfiore addominale e contribuiscono a migliorare anche la percezione che si ha del proprio fisico. Andrebbe quindi ridotto il consumo di alimenti ricchi di zuccheri semplici o di difficile digestione, che fermentano e provocano un aumento del gonfiore addominale:

  • La frutta da preferire non eccessivamente matura e dolce (es. kiwi, fragole, lamponi ecc.).
  • Quando si consumano i legumi si consiglia di passarli, così da renderli più facilmente digeribili.
  • Le bevande alcoliche dovrebbero essere limitate quanto possibile se non eliminate del tutto.
  • Può avere un’azione positiva il consumo di centrifughe, frullati (preparati con ingredienti freschi e di stagione) e tisane (es. allo zenzero, al finocchio, o al Cardo Mariano).

Bisogna ricordare che la massa adiposa concentrata nell’addome è quella più pericolosa per la salute, poiché è correlato a patologie cardio-vascolari e al diabete di tipo II.

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati