Come tornare al proprio peso-forma dopo una gravidanza?

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Perdere peso
  4. Domande sul dimagrimento
  5. Come tornare al proprio peso-forma dopo una gravidanza?

Con la gravidanza è fisiologico assistere ad un cambiamento delle proprie forme corporee. Per quanto i kg da perdere costituiscano una cifra importante, la forza di volontà e la motivazione sono i più grandi alleati di una donna in questa fase. Non bisogna scoraggiarsi ne perdere la propria determinazione. Svolgendo attività fisica ed adottando un regime alimentare equilibrato, si otterranno sicuramente dei risultati gratificanti e, soprattutto, duraturi.

Le diete sbilanciate e drastiche possono dare l’illusione che si stiano perdendo velocemente molti chili. In realtà, è sufficiente ricominciare a reintrodurre i soliti alimenti per veder vanificati tutti i risultati ottenuti. Così, anche un regime alimentare iperproteico non può essere seguito a lungo, poiché può esporre a rischi per la salute: in soggetti predisposti può, ad esempio, causare sofferenza a livello renale o cardiaco. Al massimo vi si può ricorrere nel caso in cui si voglia perdere qualche chilo velocemente ma per un periodo di circa un mese.

Tuttavia, nel caso in cui vi sia la necessità di perdere un importante quantitativo di chili in eccesso, è importante non escludere nessun alimento dalla propria dieta. Ciascun nutriente svolge attività fondamentali per il nostro organismo. Ogni eccesso o carenza, dunque, a lungo termine può essere potenzialmente rischioso. I carboidrati, infatti, sono fondamentali perché rappresentano una fonte di energia di primo utilizzo. Inoltre, più un pasto è completo, ossia è costituito da tutti i macronutrienti (carboidrati, proteine e lipidi), più ha potere saziante.

Un regime dietetico iperproteico, oltretutto, a lungo andare rischia di risultare monotono e, soprattutto, non sempre facilmente adattabile alle proprie abitudini e al proprio stile di vita. Sicuramente per perdere peso non deve eccedere con i carboidrati (pane, pasta, dolci etc.) ma limitarsi a consumare il quantitativo relativo al proprio fabbisogno giornaliero. In linea generale bisogna ricordare sempre di:

  • bere molta acqua,
  • consumare 5 piccoli pasti al giorno,
  • aumentare il consumo di verdura, frutta (così da aumentare anche il quantitativo di fibre assunte, di grande aiuto nel caso in cui si voglia perdere peso) e legumi,
  • mangiare il pesce circa 2/3 volte alla settimana, preferendo quello azzurro,
  • privilegiare le carni magre, limitando quelle rosse ad 1 volta a settimana,
  • evitare i salumi.

È importante essere seguite in questo percorso da uno specialista, che potrà calcolare il programma terapeutico più affine alle proprie esigenze.

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati