Come perdere peso dopo il parto in presenza dell’ “ormone dello stress”?

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Perdere peso
  4. Domande sul dimagrimento
  5. Come perdere peso dopo il parto in presenza dell’ “ormone dello stress”?
  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Perdere peso
  4. Patologie
  5. Come perdere peso dopo il parto in presenza dell’ “ormone dello stress”?

Dopo il parto è fisiologico un incremento di peso. L’allattamento al seno riveste un ruolo fondamentale. Questo, oltre ad apportare innumerevoli vantaggi per la salute ed il benessere del neonato, contribuisce positivamente alla perdita dei chili acquisiti durante la gravidanza.

Per dimagrire più facilmente, è consigliabile prima normalizzare i livelli di cortisolo. In condizioni normali il cortisolo, noto anche come “ormone dello stress” ha una produzione circadiana, ovvero ha un picco massimo al mattino e un picco minimo la sera. La sua secrezione è maggiore quando i livelli di glicemia sono bassi (generalmente nelle ore mattutine, a digiuno) o in condizioni di stress. I suoi livelli possono essere ridotti significativamente, nel caso in cui non ci siano patologie sottostanti, attraverso una dieta equilibrata e ben distribuita e grazie a un buon sonno ristoratore. Un regime alimentare ricco di carboidrati ad elevato indice glicemico o iperproteico determinano una sovrapproduzione di tale ormone.

Una strategia per perdere peso potrebbe essere dunque:

  • regolarizzare il più possibile gli orari e la distribuzione dei pasti nell’arco della giornata;
  • ridurre i dolci, le bevande alcoliche, i carboidrati semplici sostituendoli con cereali integrali (privi di lievito);
  • non zuccherare le bevande che si consumano;
  • limitare il caffè e tè.

È consigliabile, inoltre, consumare alimenti a basso indice glicemico associati alla giusta quantità di grassi e proteine.

La presenza di fibre in ogni pasto della giornata permette di bilanciare in modo armonico la produzione di cortisolo. Quindi è bene mangiare verdura ai pasti e frutta negli spuntini, preferendo il consumo di cereali poco raffinati (segale, avena, farro). Bisogna ricordare l’assunzione del giusto apporto di liquidi (circa 2 litri di acqua al giorno) e lo svolgimento, in relazione alle proprie possibilità, di attività fisica (es. yoga, pilates, nuoto, camminata ecc.)

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati