Adolescente non riesce ad avere amicizie costanti

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Genitori e figli
  4. Adolescente non riesce ad avere amicizie costanti

Durante il periodo adolescenziale, i rapporti con i propri pari diventano il pernio attorno a cui i ragazzi iniziano a costruire la propria identità. In questo scenario entra con forza l’utilizzo della tecnologia (pc, telefonini ecc) a discapito però di un approccio più autentico fondato sulla comunicazione empatica e non verbale. Ci troviamo di fronte a giovani che desiderano aumentare il numero delle “amicizie” creando rapidamente un’apparente vicinanza che comporta però una difficoltà nell’affinare le abilità sociali e relazionali complicando così i rapporti “faccia a faccia”.

C’è anche però un aspetto positivo da tenere in considerazione: quando si nota una difficoltà nel proprio figlio, è utile pensare che nulla è perduto. Soprattutto nell’adolescenza, un intervento efficace può modificare la situazione. Innanzitutto occorre mettere la ragazza di fronte al problema in quanto spesso vi è la negazione di esso da parte di chi lo vive in prima persona. Nel caso che riconosca la difficoltà, può essere utile cercare di entrare nel “suo mondo” affinchè non si senta sola nell’affrontarle raccontandole anche come da adolescenti i genitori hanno superato le loro difficoltà. In questo modo si permette alla ragazza di rispecchiarsi in dei modelli (i genitori) non  perfetti ma umani. Nel caso in cui utilizzi principalmente la tecnologia come mezzo di comunicazione, invitarla a coltivare rapporti anche al di fuori dello schermo affinchè si interfacci con il mondo reale.

Commenti

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati

Commenti